laRegione
Nuovo abbonamento
Lucerna
1
Losanna
2
2. tempo
(1-1)
Servette
0
Basilea
0
2. tempo
(0-0)
Vaduz
0
S.Gallo
0
2. tempo
(0-0)
Chiasso
0
Grasshopper
1
2. tempo
(0-0)
Wawrinka S. (SUI)
MURRAY A. (GBR)
17:35
 
sul-ghiaccio-di-biasca-l-ambri-piotta-fa-sul-serio
Il ghiaccio, finalmente! (Ti-Press)
+8
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CICLISMO
44 min

Splendido bronzo per Marc Hirschi

Ai Mondiali di Imola il titolo iridato va a Julien Alaphilippe che precede di 24" Van Aert. Al fotofinosh il rossocrociato supera Kwiatkowski
Hockey
1 ora

Archiviato l'ultimo derby amichevole, ora si pensa a giovedì

I test sono finiti: da giovedì si fa sul serio. Pelletier: 'Abbiamo raggiunto un buon livello, ma c'è ancora margine per crescere'
Formula 1
2 ore

A Sochi vince Valtteri Bottas, davanti a Verstappen

Di poco fuori dai punti l'Alfa Sauber di Giovinazzi. Terzo il leader del mondiale Lewis Hamilton, che paga a caro prezzo i dieci secondi di penalità
Motociclismo
3 ore

Tom Lüthi fuori dalla top-10 in Catalogna

Il bernese chiude undicesimo la gara delle Moto2. 'Eravamo davvero lontani'. A imporsi è l'italiano Marini, che allunga in vetta alla generale
BASKET
3 ore

Lugano battuto in amichevole dalla Derthona

Seconda sfida di preparazione per i Tigers, superati 81-107 dalla compagine di A2 italiana
Gallery
Hockey
19 ore

Anche il secondo derby amichevole va al Lugano

I bianconeri chiudono la preparazione al nuovo campionato con una vittoria: Ambrì Piotta battuto 5-3 alla Cornèr Arena
Calcio
20 ore

Guidotti cuor di Lugano, che pareggio al Letzigrund

Il ticinese sigla il 2-2 al 91' contro uno Zurigo con un uomo in più dal 53' per l'espulsione di Sabbatini. Perla di Gerndt per l'1-0, Marchesano il migliore
Volley
1 gior

Lugano ambizioso: 'Vogliamo prenderci ancora l'Europa'

Gli obiettivi delle ragazze di coach Lacerda, che dopo la stagione interrotta a causa della pandemia, mordono il freno
Gallery
Tennis
1 gior

Nadal cerca di fare tredici, Djokovic permettendo

Al Roland Garros Rafa, in cerca dello Slam numero 20, contende al serbo un titolo al quale ambiscono entrambi con argomenti diverso ma ugualmente validi
Calcio
1 gior

'Potremmo anche soffrire, ma questo Lugano lo sa fare'

FCLugano, Maurizio Jacobacci in vista della trasferta di Zurigo: ‘Se ripetiamo i primi 70' di Cornaredo contro il Lucerna possiamo fare bene’
BASKET
1 gior

Ricorso respinto, il Vevey riparte dalla Prima Lega

Il Tribunale arbitrale dello sport dà ragione a Swiss Basketball, confermando la retrocessione automatica dei vodesi dopo che era stata negata loro la licenza
Altri sport
1 gior

Atletica, a Doha un podio per Jason Joseph

Lo sprinter elvetico chiude alle spalle dello statunitense Mallet, impostosi nella tappa della Diamond League con il tempo di 13''15
Hockey
2 gior

Il Losanna senza il suo capitano. 'Può parlare con altri club'

Etienne Froidevaux potrebbe lasciare Prilly dopo aver perso il posto in squadra. Il direttore sportivo Petr Svoboda: 'È una scelta presa dallo staff tecnico'
Hockey
06.08.2020 - 14:260
Aggiornamento : 15:37

Sul ghiaccio di Biasca, l'Ambrì Piotta fa sul serio

Coach Luca Cereda: 'Il campionato? Non vedo perché non debba cominciare il 18 settembre'

Avanti come da programma. Nel limite del possibile, ma con l'obiettivo di essere pronti all'appuntamento con la prima di campionato. «Che per noi rimane in calendario per il 18 settembre», sottolinea con una certa enfasi l'allenatore dell'Ambrì Piotta Luca Cereda. Quasi a voler sottolineare con i fatti che i biancoblù, giocatori e staff tecnico, ci credono a questa scadenza, a Biasca, dove da inizio settimana la squadra ha ritrovato il ghiaccio dopo mesi di preparazione a secco, l'allenamento si svolge già con una certa intensità. Che, oltretutto, da preparare c'è il primo test amichevole di avvicinamento alla stagione 2020/21, sabato proprio contro i Ticino Rockets. «La stagione inizia il 18 settembre, ed è in funzione di questa scadenza che abbiamo impostato il nostro lavoro - riprende il tecnico di Sementina -. Siamo consapevoli che la situazione può comunque cambiare a seconda di quanto decideranno il Consiglio federale prima e la Lega poi, e in funzione di questo noi dello staff tecnico abbiamo pronti dei piani alternativi, ma oggi come oggi personalmente non vedo perché il campionato non dovrebbe iniziare a settembre. La mia anche una speranza che si possa tornare a una certa normalità dopo mesi stravolti dalla pandemia, tanto per noi addetti ai lavori, quanto per tutta la gente che ruota attorno al pianeta hockey: c'è un gran bisogno di tornare a vivere emozioni vere e sane in modo spensierato, rispettando ovviamente tutte le norme di igiene apprese in questi mesi».

Dato per scontato che le regole di base, come lavarsi frequentemente le mani, mantenere la distanza sociale dove è possibile e via discorrendo siano un mantra anche all'interno dello spogliatoio biancoblù, avete adottato altre misure particolari per scongiurare il rischio di contagi? «Abbiamo richiamato i giocatori a prestare attenzione per evitare situazioni di potenziale pericolo, come stare in posti chiusi per un periodo di tempo prolungato, e per gli allenamenti far capo a più spogliatoi: qui a Biasca, ad esempio, ne stiamo usando tre; la durata dei meeting di squadra è stata limitata a una decina di minuti, proprio per restare nei limiti di sicurezza attualmente in vigore. Va da sé che siccome siamo di fronte a una situazione in costante evoluzione, la parola chiave per tutti è 'flessibilità': come cambiano i parametri della pandemia, anche le disposizioni di sicurezza sono costantemente aggiornate».

Parola chiave 'adattamento'

Qual è stata la difficoltà maggiore di questo anomalo avvicinamento al campionato? «La prima difficoltà con cui siamo stati confrontati si è verificata all'inizio della preparazione a secco, che ognuno ha dovuto affrontare individualmente a casa sua; non tutti avevano il materiale necessario a disposizione per poter lavorare, ragion per cui abbiamo dovuto un po' rivedere i programmi in funzione di questo. Ora, invece, la più grande difficoltà sta nel trovare il modo ideale per adattarci ai continui cambiamenti: praticamente ogni giorno ci sono delle piccole novità, tipo sugli accorgimenti da adottare in funzione delle disposizioni di sicurezza dal profilo sanitario, che vanno attuate nel minor tempo possibile. Quella dell'adattamento, insomma, è una delle problematiche con cui siamo confrontati praticamente quotidianamente».

E come si sta comportando la squadra sul ghiaccio? «Ho ritrovato una squadra che ha voglia di lavorare, di tornare praticare ciò che ama. Tornare a pattinare sul ghiaccio era un primo importante passo verso quella che dovrebbe essere la nuova normalità, e in questi giorni si è visto quanto tutti non vedessero l'ora di compierlo. Adesso però di passi ce ne sono ancora altri da fare, come quello di ritrovare lo spirito della competizione, indiziando dalle amichevoli pre-campionato». Amichevoli che, contrariamente alle altre stagioni, saranno tutte contro formazioni svizzere: cosa cambierà nell'affrontare un avversario di cui bene o male si conoscono le caratteristiche? «Francamente non è un aspetto a cui prestiamo particolare attenzione. Nelle amichevoli di preparazione gran parte dell'attenzione è rivolta sul nostro tipo di gioco, non su quello praticato dall'avversario. È vero che se una squadra del nostro campionato cambia allenatore proprio tra una stagione e l'altra, questi test servono a farsi un'idea un po' più precisa del tipo di gioco che pratica».

Soddisfatto del livello della squadra? «Siamo esattamente dove vorremmo essere con la preparazione. Ma, ovviamente, di lavoro ce n'è ancora tanto da fare, com'è logico che sia».

 

 

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 12 immagini
© Regiopress, All rights reserved