al-lugano-il-derby-tennistico
+2
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Robin.B
1286
2
Wiedi-s
1266
3
Microsoft Excel
1249
4
D17-Team
1246
5
Patanouk et Gersiflet
1244
6
HC Contone
1220
7
EHCB
1198
8
Lokomotive Zug
1184
9
HC Yvonand
1183
10
Tininipoui
1179
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
4 ore

Il Fc Locarno si scusa per gli scontri di sabato sera

In un comunicato le bianche casacche sollecitano tutti gli interessati a collaborare per una veloce soluzione del caso
CALCIO
5 ore

‘Cercavamo competenza, Mattia ci ha convinti al 100%’

La dirigenza del Lugano in coro: ‘Croci-Torti la scelta giusta’. E intanto la Sfl concede la mini licenza che rende definitivo il passaggio di proprietà
Ciclismo
7 ore

Per la prova in linea si dovranno fare i conti con van Der Poel

L’olandese, ancora alle prese con i postumi della caduta alle Olimpiadi di Tokyo, conferma la sua presenza per la gara di domenica
Hockey
8 ore

Fabian Maier, il leventinese del Rapperswil

Il 29enne difensore dei sangallesi si appresta ad affrontare il suo ‘derby’ contro l’Ambrì Piotta
ciclismo
8 ore

Marlen Reusser d’argento nella corsa contro il tempo

Già seconda alle Olimpiadi (e due anni fa in Italia), la bernese chiude alle spalle dell’olandese Ellen van Dijk la cronometro iridata
Tennis
9 ore

Roger Federer: ‘Peggio alle spalle. Rientrare, una nuova sfida’

Il basilese, fermo dopo la terza operazione a un ginocchio, dà sue notizie: ‘Spero di tornare ad allenarmi presto. Voglio esserci alla Laver Cup 2022’
Calcio
10 ore

Team Ticino, primi punti per la U21 ma quante beffe nel finale

La formazione di Prima Lega dilaga 6-0 contro l’Eschen/Mauren, terza forza del campionato. U18 ripresa, U16 e U15 Academy superate sempre nei recuperi
Tennis
10 ore

Assegnati i titoli cantonali attivi, ma sono mancati i ‘big’

Ecco i vincitori delle categorie R3/R4, R5/R6 e R7/R9. Annullata la cat. maggiore N4/R2 per mancanza di iscritti; l’Artt sta pensando a una nuova formula
Calcio
12 ore

L’Fc Lugano conferma Mattia Croci-Torti in panchina

Il 39enne allenatore ha firmato un nuovo contratto fino al termine della stagione 2022-23. Dalla Asf arriva l’ok al passaggio del 100% della proprietà del club
Unihockey
12 ore

Un combattutissimo derby va al Ticino Unihockey

Valida per la seconda giornata di Lnb, la sfida cantonale giocata al Cst di Tenero ha visto gli ospiti superare 7-6 i padroni di casa del Verbano
Hockey
02.10.2018 - 21:590
Aggiornamento : 23:37

Al Lugano il derby tennistico

I bianconeri dominano l'Ambrì Piotta: alla Cornèr Arena finisce 6-2. Bertaggia: 'Siamo stati molto bravi nei primi 40', poi abbiamo controllato'

Si gioca praticamente a una porta sola il derby numero 222 della storia. Quella dell’Ambrì, presa d’assalto fin dal primo secondo dal Lugano. Che alla fine, meritatamente, si impone per 6-2. Fin dal suo inizio, il primo derby stagionale è chiaramente a tinte bianconere. Nei primi 20’ infatti gli uomini di Ireland mettono alle corde quelli di Cereda, che devono accontentarsi di sporadiche puntate dalle parti di Merzlikins, mentre dall’altra parte Conz viene messo da subito sotto pressione. E capitola già dopo nemmeno 5’ di gioco, quando Lapierre mette sul bastone di un liberissimo Bertaggia il puck che il numero 10 dei bianconeri ha tutto il tempo per piazzare là dove l’estremo difensore dell’Ambrì Piotta non arriva. Un minuto e spiccioli dopo la scena si ripete: cambiano i protagonisti, ma non di molto la sua dinamica. Stavolta è Cunti che pesca solo soletto Loeffel, che a sua volta insacca con un tiro teso e imparabile. A quel punto Cereda chiama il timeout, ma l’equilibrio in pista non muta di granché. Il Lugano sembra dare l’impressione di accontentarsi di vivere di rendita, ma si crea comunque diverse occasioni per incrementare il suo già importante bottino. E ci va vicino soprattuto con i vari Cunti (a due riprese, di cui una col disco che va a colpire il palo) e Hofmann. Ma alla prima pausa il risultato non cambia più: 2-0.

Il secondo tempo va anche peggio per i leventinesi. Che prima incassano la terza segnatura del Lugano (un errore a centro pista degli uomini di Cereda lancia i padroni di casa in break a 2 contro 1, e in gol ci va Bertaggia). Alla sua prima opportunità di giostrare a 5 contro 4, l’Ambrì Piotta trova il modo di bucare Merzlikins. Se ne incarica D’Agostini: 3-1. A quel punto gli ospiti sembrano crescere per mole di lavoro e intensità, creandosi anche qualche buona opportunità. Ma proprio nel loro miglior momento, vengono trafitti altre due volte, in rapidissima successione: prima da Morini e poi, appena 71” dopo, da Walker. Per Conz è troppo: il portiere leventinese a quel punto lascia il posto a Manzato. Che, a sua volta, deve alzare bandiera bianca ancora prima della seconda pausa, quando dopo aver negato la rete a Romanenghi si vede battere da Morini, che firma pure lui la doppietta personale (dopo Bertaggia). Alla seconda pausa la partita è già prontissima per essere consegnata agli archivi: 6-1. Il terzo tempo, inevitabilmente, si riduce a una semplice passerella. L’Ambrì Piotta cerca di indorare una pillola comunque amarissima, ma in apertura di tempo sciala ben 93” con due uomini di movimento in più. Il Lugano, ormai appagato, sull’altro fronte va a colpire i montanti della porta una seconda volta, e ancora con Cunti. I minuti trascorrono senza altri particolari sussulti, fino a poco più di mezzo minuto dalla terza sirena, quando Guerra sigla il secondo punto per i suoi. Ma la sostanza non cambia: finisce 6-2. «Direi che siamo stati molto bravi nei primi quaranta minuti, poi abbiamo controllato – dice Alessio Bertaggia, dopo aver vestito i panni del match winner –. Ed è una bella soddisfazione vincere mostrando anche delle belle cose, anche se ci sono stati ancora degli errori, ma abbiamo il tempo per correggerli».

Cereda: 'Abbiamo sbagliato provando a forzare'

Sul fronte opposto, invece, Luca Cereda la vede così. «Il Lugano è partito forte, ma noi gli abbiamo regalato due gol perdendo due dischi. Ed è chiaro che partendo dallo 0-2 dopo 6' non è facile. Tuttavia nel secondo tempo siamo riusciti a riportare il 'momentum' dalla nostra parte, ma poi abbiamo sbagliato cercando di forzare la situazione».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved