S.Gallo
Lucerna
14:15
 
Vaduz
Xamax
14:15
 
S.Gallo
Lucerna
14:15
 
Vaduz
Xamax
14:15
 
in-viaggio-verso-la-citta-eterna-con-l-influ-encer
EURO 2020
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tokyo 2020
3 ore

Bencic e Golubic medaglia d'argento in doppio

Le rossocrociate battute 7-5 6-1 dalle favorite ceche Barbora Krejcikova e Katerina Siniakova
Tokyo 2020
4 ore

Il ticinese Petrucciani in semifinale ai 400 m di Tokyo 2020

Il 21enne, campione europeo degli Under 23, si è qualificato arrivando terzo nella seconda manche con un tempo di 45''64
Tokyo 2020
5 ore

Tokyo 2020: un Bronzo per la Svizzera... su due ruote

Dodicesima medaglia per il nostro Paese grazie a Nikita Ducarroz: la 24enne ginevrina si aggiudica il terzo posto nel BMX Freestyle
Swimrun
18 ore

Sabina Rapelli, tra terra e acqua mirando a una medaglia

La ticinese, in coppia con Alexis Charrier, il 6 settembre parteciperà al suo terzo World Championship Ötillö in Svezia. Obiettivo: il podio.
Tokyo 2020
20 ore

Medaglia d'oro per Belinda Bencic

La sangallese ha superato in finale la ceca Vondrousova ed è salita sul gradino più alto del podio
ATLETICA
22 ore

Ajla Del Ponte quinta nella finale olimpica dei 100 metri

Stupenda prestazione della ticinese che ha corso in 10”97 in una gara caratterizzat dalla tripletta giamaicana. Mujinga Kambundji sesta a due centesimi dalla connazionale
ATLETICA
1 gior

Ajla Del Ponte e Mujinga Kambundji in finale nei 100 metri

Grande prestazione delle due elvetiche, entrambe seconde nelle rispettive semifinali: 11''01 il tempo della ticinese, 10"96 quello della bernese. Finale alle 14.50
Tokyo 2020
1 gior

Mauro, il papà: ‘In famiglia un po' frastornati ma felici’

Casa Ponti in festa, con familiari e amici davanti alla tv: ‘Nulla è scontato, ma dopo la semifinale, un pensierino alla medaglia lo abbiamo fatto’
Euro2020
 
11.06.2021 - 10:000
Aggiornamento : 10:43

In viaggio verso la Città Eterna con l’influ…encer

Il racconto delle peripezie dell'inviato a Roma (dove la Svizzera avrà il suo campo base) per seguire i primi Europei di calcio itineranti della storia

Biglietti, bus, treni, binari, coincidenze, ritardi, metro, fermate, hotel. Magari fossero ancora (solo) queste le preoccupazioni per chi si appresta a viaggiare. No, in tempi di Covid anche un "semplice" spostamento verso Roma dal Ticino per raccontare l'inizio dell'Europeo di calcio - al via proprio nella Città Eterna stasera con Italia-Turchia e che la settimana prossima vedrà la Svizzera affrontare, dopo l'esordio di domani con il Galles a Baku, a sua volta gli Azzurri all'Olimpico - si complica e i termini elencati in precedenza sono ampiamente soppiantati dai vari tampone (rigorosamente effettuato 24 ore prima della partenza), autodichiarazione, Passenger Locator Form (il tanto discusso modulo di localizzazione digitale o dPLF europeo, ma per ora richiesto solo in Italia), notifica di soggiorno, ecc. Che poi alla fine ci si impiega di più a capire cosa sia effettivamente necessario compilare che a farlo. E che nessuno in viaggio e alla frontiera controlli, è un'altra storia.

Fattostà che dopo aver espletato tutte le formalità – compresa la lettura, con tanto di domande e certificato da stampare a fine "esame", del protocollo di sicurezza dell'Uefa – il viaggio in treno verso la capitale italiana si rivela inaspettatamente sereno e puntuale, seppur con una compagnia inaspettata. Preso possesso del posto riservato appositamente nell’area “silenzio” sul Frecciarossa in partenza da Milano con l’idea magari di portarsi avanti, nel limite del possibile, con il lavoro, nei sedili accanto decidono di sedersi (ovviamente senza prenotazione) tre ragazzi tra i 18 e i 20 anni che a descriverli sembra l’inizio di una barzelletta: un biondino dai capelli lunghi e la faccia pulita, uno smilzo con la testa rasata e pieno di tatuaggi e l’ultimo più basso e “robusto” degli altri e con i capelli rasta. Romani sì (l’accento non mente), ma anche aperti verso il resto del mondo, come evidenziano il “bro” che usano al posto del più classico “fratè” per salutare l’amico Briga, rapper famoso di ritorno pure lui a casa con lo stesso treno, nonché la reazione alla mia provenienza, con un «bello il Ticino, forse ci veniamo prossimamente» seguito dal classico «parli bene italiano però». Okay.

In ogni caso, dalla fugace chiacchierata e soprattutto dal chiacchiericcio che ha poi accompagnato l’intero viaggio, riservando pure qualche accenno di melodie (con tanti saluti alla carrozza silenzio e alle buone intenzioni) e venendo interrotto solo dai richiami del controllore a indossare le mascherine (prontamente riabbassate appena uscito dal campo visivo), è emerso che i tre amici rappresentano uno spaccato della generazione di giovani artisti 3.0 che cerca di emergere (e forse in parte ci sta riuscendo, a giudicare dalle diverse chiamate ricevute da fantomatici manager per presenziare a delle serate) attraverso i vari canali social, tra chi si definisce più youtuber, influencer o rapper e chi un po’ tutti e tre. Di chieder loro qualcosa sull’Europeo, lo ammetto, non c’ho nemmeno pensato.

EURO 2020: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved