la-rosa-e-gia-competitiva-cosi-ma-serve-piu-compattezza
Mister Vitali guarda in alto (Ti-Press)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
8 ore

‘Contro il Lugano II voglio vedere l’atteggiamento giusto’

Debutta domani a Giubiasco il Bellinzona di David Sesa, già rimasto colpito da Pablo Bentancur e ‘dal suo amore ed entusiasmo per il club’
Nuoto
8 ore

Rientro da Budapest con (spiacevole) sorpresa per Noè Ponti

Reduce dai Mondiali in Ungheria, il gambarognese, via social, ha comunicato la sua positività al coronavirus
Tennis
10 ore

Golubic non stecca l’entrata. Laaksonen e Bencic invece sì

La zurighese supera il primo turno di Wimbledon battendo in due set (chiusi con il punteggio di 6-4 6-3) la tedesca Perkovic
Tennis
11 ore

Wimbledon finisce ancora prima di iniziare per Berrettini

Finalista lo scorso anno, l’italiano deve alzare bandiera bianca a poco dal suo esordio. Fermato dalla positività al coronavirus
Atletica
11 ore

Doping, quattro anni di stop per Alex Wilson

Lunga squalifica per lo sprinter elvetico, positivo al trenbolone. A 31 anni, la sua carriera rischia di chiudersi qui
Storie mondiali
19 ore

Buff Donelli, una star del football prestata al soccer

La seconda edizione della Coppa del Mondo di calcio, nel 1934, fu voluta e accomodata da Mussolini in persona
nuoto sincronizzato
1 gior

Il nuoto sincronizzato in Svizzera fa i conti con gli abusi

Bufera sul dipartimento gestito da Swiss Aquatics, respingono le accuse ma si dimettono i co-direttori sportivi Markus Thöni e Patricia Fahrni
Tennis
1 gior

Wawrinka cede alla distanza a Jannik Sinner

Il vodese deve salutare Wimbledon al primo turno, sconfitto dal talentuoso italiano 7-5 4-6 6-3 6-2
ciclismo
1 gior

Tour de France, non ci saranno Alaphilippe e Cavendish

I due non sono stati convocati dalla Quick-Step
footbalino
1 gior

Anche tre atleti disabili ai Mondiali di Footbalino

La partecipazione è il frutto della collaborazione tra la federazione svizzera e quella ticinese
Calcio
1 gior

Mercato, Cragno al Monza

Il portiere arriverà in prestito dal Cagliari
ginnastica artistica
1 gior

Ginnastica, oro e argento ai Campionati svizzeri per Lena Bickel

La ticinese è prima alle parallele asimmetriche e seconda nel concorso multiplo. Argento e bronzo (ad anelli e sbarra) anche per Mattia Piffaretti
Calcio
1 gior

Simone Rapp a Karlsruhe

Il ticinese lascia Vaduz per la Germania
Calcio
1 gior

Lucas Leiva torna in Brasile

Il 35enne centrocampista giocherà nel Gremio
laR
 
28.12.2021 - 22:06
Aggiornamento: 23:41
di Thomas Schürch

‘La rosa è già competitiva così. Ma serve più compattezza’

Per mister Andrea Vitali, il Chiasso ‘è in una buona situazione. Ma può ancora fare un passo avanti. La lunga pausa? Può essere un vantaggio’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Compattare ulteriormente il gruppo, recuperare tutti gli infortunati e presentarsi alla ripresa del campionato nella miglior forma possibile. Sono questi gli obiettivi sui quali il Chiasso, quarta forza del campionato di Promotion League, lavorerà durante il periodo della pausa invernale. «Spero di avere la rosa al completo per il 20 febbraio – spiega mister Andrea Vitali –. Said e Morganella si stanno riprendendo bene, quindi conto di farcela». Gli infortuni sono stati uno degli aspetti che hanno maggiormente caratterizzato la stagione del Chiasso. «Io non cerco alibi, ma non posso negare che abbiano influito. Ci hanno dato però l’occasione di lanciare alcuni giovani, che hanno avuto il merito di farsi trovare subito pronti».

Vitali si è trovato confrontato con un altro compito non semplice: quello di ereditare la panchina rossoblù a campionato in corso, il 19 ottobre, dopo l’esonero di Baldo Raineri. «Sono stato sicuramente favorito dal fatto di conoscere già la squadra e la sua situazione, dato che lavoravo da un anno e mezzo in qualità di assistente di Baldo. Certo, è stato comunque emozionante trovarsi a occupare un ruolo così importante, in particolare nel giorno del mio esordio in campionato. Il mio primo pensiero dopo la nomina è stato quello di compattare il gruppo, di far sì che il collettivo potesse ritrovarsi». E la compagine momò, reduce in quel frangente da appena sei punti racimolati nelle precedenti sette gare, ha saputo invertire la tendenza e inanellare tre successi consecutivi, inframezzati da una sconfitta più che onorevole (ai supplementari) in Coppa Svizzera contro il San Gallo, club di Super League. Nell’ultima parte del girone d’andata il ritmo dei rossoblù è però calato, e Maccoppi e compagni hanno chiuso con due pareggi e due sconfitte. «Tuttavia, analizzando quelle gare, possiamo vedere che con lo Stade Nyonnais abbiamo perso a causa di un rigore fischiato al 93’, mentre nel derby di Bellinzona, malgrado fossimo tirati con gli uomini, la prestazione è stata positiva».

Il rammarico più grande è legato al match casalingo contro l’under 21 dello Young Boys. «In quella partita abbiamo raccolto troppo poco, perché meritavamo di vincere e sul terreno da gioco abbiamo fatto di tutto per imporci. Purtroppo per noi, il loro portiere era in giornata di grazia e ha parato di tutto e di più. Peccato, avessimo ottenuto i tre punti, avremmo chiuso un bel cerchio».

I sottocenerini, come detto, occupano attualmente la quarta posizione della graduatoria, a cinque lunghezze di distanza dallo Stade Nyonnais, terzo, e con una di vantaggio sullo Zurigo II. Stando così le cose l’undici di Vitali sarebbe qualificato per i playoff, dai quali uscirà il nome della squadra promossa in Challenge League. «Siamo in una buona situazione, in linea con il programma della società – prosegue il tecnico –. Ci sono club che hanno investito più di noi, mentre la nostra politica è rivolta soprattutto alla crescita sportiva dei giovani, i quali hanno margini di miglioramento, ma necessitano anche di calma e tranquillità».

Vista la lunga sosta prevista dal calendario, con la ripresa programmata nel weekend del 19 e 20 febbraio, staff e calciatori del Chiasso avranno ora la possibilità di lavorare senza affanni in vista della ripresa delle competizioni. «Disponiamo di molto tempo e questo sicuramente è un vantaggio. Onestamente, non vedo particolari aspetti sui quali intervenire. Forse a livello mentale dobbiamo capire l’importanza di essere sempre positivi e propositivi, anche quando ci troviamo confrontati con momenti complicati. Questo atteggiamento può fare la differenza». I mesi invernali sono anche sinonimo di mercato, ma «con la dirigenza non ci siamo ancora incontrati e non abbiamo dunque discusso di eventuali trasferimenti o rinforzi. In ogni caso, io ritengo che questa squadra, una volta recuperati tutti gli infortunati, sia già competitiva così». Al rientro in campo «mi piacerebbe vedere un gruppo ancora più compatto. Dobbiamo aver voglia di creare, di mostrare un calcio propositivo al cospetto di qualsiasi avversario, perché abbiamo dimostrato di poter mettere in difficoltà chiunque».

L’obiettivo, in definitiva, «è quello di fare sempre bene e cercare di vincere il più possibile, in modo da rimanere in una buona posizione di classifica». L’appuntamento per rivedere in azione i momò è datato 20 febbraio 2022, quando al Riva IV arriverà il Rapperswil-Jona, formazione che occupa l’undicesimo rango della graduatoria.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calcio chiasso fc chiasso promotion league
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved