NY Rangers
3
CHI Blackhawks
2
fine
(0-1 : 2-0 : 1-1)
VAN Canucks
1
PIT Penguins
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
NY Rangers
3
CHI Blackhawks
2
fine
(0-1 : 2-0 : 1-1)
VAN Canucks
1
PIT Penguins
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
al-letzigrund-il-lugano-non-ha-tenuto-botta
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Hockey
6 ore

Decisivo Loeffel, a Berna il Lugano coglie due punti pesanti

I bianconeri pareggiano il conto all’ultimo minuto con il topscorer Luca Fazzini e si impongono ai rigori
Gallery
Hockey
7 ore

Un buon Ambrì si arrende solo all’overtime ai Lions

Il ‘ruggito’ di Hollenstein al 63’46" mette fine a una partita particolarmente combattuta. Per i leventinesi a bersaglio Heim e McMillan
Hockey
10 ore

Dominic Zwerger ‘out’ fino a dopo la pausa Nazionale

Il giocatore dell’Ambri Piotta ha subìto una lesione muscolare durante l’allenamento di venerdì mattina
calcio e finanza
23 ore

È ancora Italia-Svizzera, la partita delle plusvalenze

Indagini sull’utilizzo spinto della formula per scambiare calciatori da parte della Juventus e altri club di A: nel mirino gli affari con Lugano e Basilea
Tennis
1 gior

In Davis Djokovic non basta: la Serbia è fuori

Mektic e Pavic dettano legge, e la Croazia è in finale. Se la vedrà con la vincitrice dell’altra sfida tra Germania e Russia, in programma domani
Formula 1
1 gior

A proposito di Arabia e Hinwil

Picci e Vasseur, convivenza turbolenta in casa Sauber. Nelle libere le Mercedes di Hamilton e Bottas precedono GAsly e Verstappen
Sci
1 gior

Sofia Goggia ha i razzi ai piedi, Lara invece è attardata

Nella libera di Lake Louise l’italiana lascia solo le briciole alle avversarie: quasi un secondo e mezzo alla seconda classificata, l’americana Johnson
Sci
1 gior

Odermatt è ancora da podio. Ma alle spalle di Kilde

A Beaver Creek è il norvegese a trionfare nel secondo superG in 24 ore sulle nevi del Colorado, dove il talento nidvaldese è battuto per soli 3 centesimi
Hockey
1 gior

La pandemia posticipa la festa dell’Ambrì Piotta

Slitta a data da definirsi la festa (prevista sabato 18 dicembre) per l’inaugurazione del nuovo stadio biancoblù
Hockey
1 gior

‘Spiace che la notizia sia già uscita, ma va bene pure così’

Ultima stagione di Fora con l’Ambrì. Che poi, per quattro anni, giocherà a Davos. ‘Il ricordo più bello? Speriamo debba ancora arrivare’
Gallery
Basket
1 gior

Per Sam e Tigers conta vincere, seppur per motivi diversi

Domenica Massagno ospita l’Olympic, domani il Lugano di scena all’Elvetico contro la cenerentola Monthey
Gallery
Calcio
1 gior

Croci-Torti: ‘Con pazienza possiamo venire a capo del Sion’

Domenica contro i vallesani dell’ex mister bianconero Tramezzani mancheranno Celar e il portiere Saipi. Il tecnico del Lugano: ‘Baumann è pronto’
Hockey
1 gior

Il Ginevra mette le mani su Bertaggia. ‘È una nuova sfida’

Il Servette ufficializza un contratto quinquennale alle Vernets per il 28enne attaccante bianconero. Il ds Marc Gautschi: ‘Porterà emozioni alle Vernets’
Tennis
1 gior

Australian Open, perdite per 70 milioni di franchi

Per organizzare l’edizione 2022 in gennaio la federazione attinge alle riserve (56 milioni) e ricorre a un credito di 30 milioni
Calcio
 
17.10.2021 - 19:070
Aggiornamento : 19:27

Al Letzigrund il Lugano non ha tenuto Botta

Contro lo Zurigo ai bianconeri privi del loro numero 10 sono mancate le idee e forse anche un po’ di coraggio. A Croci-Torti di trovare soluzioni...

Tabù Zurigo e spauracchio Antonio Marchesano? Tutto vero, per il povero Lugano. Costretto al Letzigrund nello scontro d’alta classifica della decima giornata di Super League a inchinarsi 1-0 alla nuova provvisoria (per una notte) capolista e a incassare così il quinto ko consecutivo (senza oltretutto mai segnare) contro i tigurini, che Sabbatini e compagni non battono dal 22 luglio 2020 (1-0 a Cornaredo). Poi un pareggio e appunto cinque sconfitte in “bianco”, l’ultima delle quali firmata sabato sera dalla bestia nera dei sottocenerini, quel numero 10 venuto proprio dal Ticino che nelle precedenti cinque occasioni in cui si era ritrovato sulla sua strada il Lugano, era andato a segno in altrettante occasioni. Stavolta niente gol, ma il 30enne bellinzonese autore già di sei reti e tre assist in questo campionato e che gli ospiti sono riusciti a limitare solo in parte, è comunque risultato decisivo inventandosi il passaggio che ha permesso all’ex bianconero Assan Ceesay di siglare l’unico gol del confronto, il decimo per lui in questa stagione tra campionato (8) e Coppa Svizzera (2). Decidendo così una partita sulla quale oltre allo stesso attaccante gambiano e a Marchesano, ha pesato fortemente un altro giocatore, assente però sul manto erboso dell’impianto zurighese.

Uno zero che parla da solo

Già perché stavolta più che mai è apparso chiaro come la squadra di Mattia Croci-Torti, proprio non possa fare a meno del “suo” Marchesano, quel Mattia Bottani sabato sera non presente in quanto infortunato (al pari di Maric e Baumann) ma decisivo in più occasioni in stagione, se non a suon di gol (2 fin qui in campionato, a cui si aggiunge la tripletta nel primo turno di Coppa) perlomeno a livello di impulsi, di movimenti, di pericolosità, di fantasia e chi più ne ha più ne metta. Senza di lui a girare attorno al perno Celar, a dialogare con gli esterni alti Abubakar e Lavanchy, a creare spazi per gli inserimenti dei vari Lovric e Sabbatini, a tenere occupati più difensori avversari (senza dimenticare le palle ferme), la squadra bianconera perde un buon cinquanta per cento del suo potenziale offensivo e lo zero alla casella tiri in porta con cui i ticinesi hanno tristemente concluso il match del “Letzi”, ne è la prova più eloquente.

Abubakar ci ha provato a inizio ripresa con un paio di spunti interessanti e con un assist per la botta da fuori di Sabbatini che non è andata lontana dall’incrocio della porta difesa da Brecher, ma in sostanza quest’ultimo non ha dovuto effettuare una sola parata in tutta la partita. Il suo dirimpettaio, Osigwe, oltre a qualche intervento di normale amministrazione ha invece dovuto compiere due mezzi miracoli sulla punizione sempre di Marchesano al 36’ e sul destro basso del neoentrato Coric attorno al 70’, ma nulla ha potuto quando al 77’ Ceesay ha eluso la marcatura (per la verità tutto fuorché attenta) di Hajrizi e Daprelà, raccolto il lancio da metà campo del suo numero dieci e incrociato con precisione di sinistro, trovando il gol-partita che in fondo ha premiato la squadra migliore.

Scelte non incisive e poca intraprendenza

E forse anche quella più coraggiosa. L’impressione è infatti che a prescindere dalla pesante assenza del “Botta”, il Lugano a inizio di entrambe le frazioni abbia provato a prendere in mano la situazione e a sviluppare trame offensive, ma troppo timidamente, rinunciandovi non appena lo Zurigo rispondeva e guadagnava a sua volta qualche metro. In questo senso anche le scelte di Croci-Torti – difesa a quattro, Amoura in panchina, con quest’ultimo che va detto stavolta non è riuscito a incidere una volta entrato in campo al 64’ – non hanno forse dato quegli impulsi offensivi che lo stesso tecnico si aspettava, avendoci anche lavorato durante la pausa dedicata alle nazionali. Pena, il primo dispiacere da quando il 39enne momò – il quale a fine gara non ha cercato scuse parlando di «gol da non prendere in una situazione che conoscevamo» e di «troppi errori in fase di impostazione» – siede sulla panchina luganese.

Che ci può anche stare, dopo cinque risultati utili (Coppa compresa) e considerando che la sua squadra, oltretutto con una partita da recuperare, occupa pur sempre il quarto posto alla stessa distanza (otto punti) tanto dalla vetta riconquistata dal Basilea con la vittoria in extremis a Sion, quanto sull’ultima piazza occupata dal Lucerna. Ma la voglia del neoallenatore di lasciare la propria impronta sulla squadra anche in fase offensiva dovrà concretizzarsi al più presto, perché se contro Basilea (domenica) e Young Boys (mercoledì 27 in Coppa) a servire saranno forse più la solidità e il carattere, nei match successivi ci vorrà decisamente più coraggio di quello dimostrato al Letzigrund indossando la terza maglia (color blu-violetto-rosa) e soprattutto più idee e intraprendenza. Con o senza Bottani.

CALCIO: Risultati e classifiche

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved