laRegione
Nuovo abbonamento
il-baby-borussia-dortmund-secondo-lucien-favre
'Non ho bisogno di fare l'attore' (Keystone)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Hockey
8 ore

Anche il secondo derby amichevole va al Lugano

I bianconeri chiudono la preparazione al nuovo campionato con una vittoria: Ambrì Piotta battuto 5-3 alla Cornèr Arena
Calcio
9 ore

Guidotti cuor di Lugano, che pareggio al Letzigrund

Il ticinese sigla il 2-2 al 91' contro uno Zurigo con un uomo in più dal 53' per l'espulsione di Sabbatini. Perla di Gerndt per l'1-0, Marchesano il migliore
Volley
13 ore

Lugano ambizioso: 'Vogliamo prenderci ancora l'Europa'

Gli obiettivi delle ragazze di coach Lacerda, che dopo la stagione interrotta a causa della pandemia, mordono il freno
Gallery
Tennis
16 ore

Nadal cerca di fare tredici, Djokovic permettendo

Al Roland Garros Rafa, in cerca dello Slam numero 20, contende al serbo un titolo al quale ambiscono entrambi con argomenti diverso ma ugualmente validi
Calcio
20 ore

'Potremmo anche soffrire, ma questo Lugano lo sa fare'

FCLugano, Maurizio Jacobacci in vista della trasferta di Zurigo: ‘Se ripetiamo i primi 70' di Cornaredo contro il Lucerna possiamo fare bene’
BASKET
1 gior

Ricorso respinto, il Vevey riparte dalla Prima Lega

Il Tribunale arbitrale dello sport dà ragione a Swiss Basketball, confermando la retrocessione automatica dei vodesi dopo che era stata negata loro la licenza
Altri sport
1 gior

Atletica, a Doha un podio per Jason Joseph

Lo sprinter elvetico chiude alle spalle dello statunitense Mallet, impostosi nella tappa della Diamond League con il tempo di 13''15
Hockey
1 gior

Il Losanna senza il suo capitano. 'Può parlare con altri club'

Etienne Froidevaux potrebbe lasciare Prilly dopo aver perso il posto in squadra. Il direttore sportivo Petr Svoboda: 'È una scelta presa dallo staff tecnico'
MOTOCICLISMO
1 gior

Lüthi sfrattato da IntactGp: dovrà trovare una sistemazione

Il pilota bernese sembrava vicino al rinnovo, e invece nella prossima stagione dovrà andare a caccia di un ingaggio. Il suo posto sarebbe di Tony Arbolino
CICLISMO
1 gior

Küng bronzo mondiale, ma Ganna è intoccabile

La seconda medaglia svizzera arriva dalla crono maschile. Domenica Marc Hirschi tra i faovirti della prova in linea
Hockey
1 gior

Cornèr Arena, le istruzioni per l'uso

Il Lugano presenta in un video le novità per la stagione della pandemia, con il sistema loggaTi che garantirà la tracciabilità delle persone in caso di contagio
Ciclismo
1 gior

Richie Porte lascia la Trek per la Ineos

L'austrlaiano (35 anni) ha chiuso la terzo posto il Tour de France 2020. Alla squadra inglese altri quattro arrivi
TENNIS
1 gior

Laaksonen nel tabellone principale del Roland-Garros

Lo zurighese ha superato in due set (7-5, 6-1) il colombiano Galan. Non ancora noto il nome dell'avversario del primo turno
Calcio
15.09.2020 - 17:420

Il 'baby' Borussia Dortmund secondo Lucien Favre

Puntare sui giovani: è questa la grande sfida del 62enne tecnico vodese alla sua terza stagione alla guida della squadra

A 62 anni, l'obiettivo di Lucien Favre è essenzialmente quello di divertirsi. Mentre si prepara ad affrontare la sua terza stagione in Bundesliga alla guida del Borussa Dortmund, cercherà di dare la possibilità di mettersi in mostra a due giovani diciassettenni. Il mese scorso, a Bad Ragaz, il tecnico vodese aveva tessuto elogi sulle doti di Giovanni Reyna, americano che aveva fatto il suo esordio con il Dortmund il 18 gennaio ad Augsburg. Reyna non è però l'unico astro nascente per cui Favre spende belle parole: c'è infatti anche l'inglese Jude Bellingham, in gol lunedì nella vittoria (5-0) contro il Duisburg. Classe 2002 il primo, 2003 il secondo, a riprova del fatto che il Borussia Dortmund è il club di vertice europeo che fa maggiore affidamento sui giovani. Come mai? «Siamo fortunati ad avere nella nostra squadra giocatori di grande talento come Reyna, Bellingham, ma anche come il 18enne brasiliano Reinier, in prestito dal Real Madrid. E presto potrebbe entrare nella mischia anche Yousouffa Moukoko, che compirà 16 anni a novembre. Senza dimenticare i vari Jadon Sancho ed Erling Haaland, appena ventenni... Dunque perché non approfittare di una tale ricchezza?», sottolinea Lucien Favre.

Per un club come il vostro, fare così tanto affidamento sui giovani è senza dubbio una sfida straordinaria... «Bisogna trovare il giusto equilibrio. I giocatori più esperti devono garantire stabilità e tranquillità. Ma è vero che mi è sempre piaciuto lavorare con giocatori che hanno ancora un futuro davanti a sé. Spetterà comunque ai risultati dire quanto sia stato proficuo il nostro lavoro: mandare nella mischia giocatori così giovani non mi garantirà il totem dell'immunità».

Cosa ha spinto Favre e il Borussia Dortmund spendere 25 milioni di euro per accaparrarsi Jude Bellingham dal Birmingham? «Mi è piacuto molto scoprire le sue doti in allenamento. È un giocatore che può essere impiegato in diversi settori del campo. Si difende bene, e sa fare belle cose anche in attacco; ha un raggio d'azione molto lungo. Con lui, saremo in grado di variare i nostri sistemi di gioco. Più che la sua data di nascita, a me importa la sua intelligenza». Al fianco di Reyna e Bellingham, Jadon Sancho dovrebbe diventare una sorta di fratello maggiore: sarà capace di farlo? «È chiaro che abbiamo bisogno di un giocatore così, e sono contento che sia rimasto, malgrado la corte di altri club, e in particolare quella del Manchester United. Tutti conoscono le sue immense qualità. Sa segnare e far segnare. È un giocatore capace di fare la differenza da solo. Ma deve curare alcuni dettagli per poter essere ancora più forte. Ha bisogno di tempo, come Haaland, Bellingham e Reyna».

Si può affermare che nel calcio dei tempi moderni i giovani riescano a crescere più velocemente rispetto al passato? «Sì. Il Dortmund non è l'unico club ad affidarsi a diciassettenni. È vero che Pelé ha vinto la Coppa del mondo a 17 anni, ma lui era un'eccezione. Al giorno d'oggi, tutti questi giovani devono essere capaci di far fronte a un'enorme pressione, una pressione che li aiuta a crescere».

 

Come ci riesce un tecnico di 62 anni a tenere il passo di questi giovani? «L'astuzia è una dote che non cambia nel tempo. Un buon giocatore deve essere sempre in grado di poter leggere in anticipo come potrebbe svilupparsi l'azione, trovare il momento ideale per servire un compagno. Personalmente mi sento di fare ancora parte del mondo del calcio dei nostri tempi. Con i miei giocatori cerco di essere leale e aperto, spiegando loro le motivazioni che stanno alla base delle mie scelte. Mi prendo il tempo per parlare individualmente con tutti: lo trovo il miglior modo per avere un rapporto franco».

 

Un appunto che spesso viene mosso a Lucien Favre è quello della sua eccessiva compostezza durante le partite... «Urlare come un pazzo non serve a nulla. Dopo dieci minuti non avresti più voce... In allenamento mi capita di parlare per spiegare un esercizio tattico per 25 minuti senza pause. Lo faccio davanti ai giocatori, senza pubblico e senza telecamere. Non ho bisogno di fare l'attore».

Come vede Lucien Favre la sua terza stagione a Dortmund? «Nelle due precedenti avevamo chiuso al secondo posto. È difficile fare pronostici. A causa della pandemia, dovremo affrontare un calendario quasi folle, cosa che dovrebbe favorire la squadra con la panchina più lunga. Dovremo vedercela con il Bayern Monaco, compagine reduce dal suo ottavo titolo consecutivo in Bundesliga e fresco vincitore della Champions League... Insomma, la miglior squadra d'Europa con un contingente straordinario. E questa è una cosa che deve essere tenuta ben presente».

 

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved