laRegione
Nuovo abbonamento
il-lugano-e-salvo-lo-young-boys-e-campione
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
3 ore

Playoff Nhl, Kukan e compagni avanzano

I Columbus Blue Jackets vincono la 'bella' contro i Maple Leafs e accedono agli ottavi di finale. Dove affronteranno i Tampa Bay Lightning
Gallery
Hockey
13 ore

Successi a rigor di logica, ma siamo solo all'inizio

Ambrì Piotta e Lugano reduci dai vittoriosi test con i Ticino Rockets. Cereda: ‘Calati alla distanza, ma è normale’. Pelletier: 'C'è spazio per tutti, poi sceglieremo’
Formula 1
15 ore

Verstappen diverte tutti

L'olandese della Red Bull è giovane ma è già un abile stratega. Decisiva la scelta di un solo cambio gomme. Battute le Mercedes di Hamilton e Bottas
Calcio
16 ore

Young Boys in finale di Coppa Svizzera

I campioni svizzeri sconfiggono 3-1 il Sion di Paolo Tramezzani. Vallesani in dieci dal 35' per l'espulsione di Zock
Atletica
17 ore

Titolo svizzero U20 per Emma Piffaretti nell'eptathlon

Ai Campionati nazionali di Langenthal la 18enne ticinese dell'Us Ascona ha stabilito il nuovo record ticinese con 5'308 punti
Gallery
Tennis
17 ore

Interclub di Lna, Chiasso campione svizzero

Trascinata da Susan Bandecchi e Belinda Bencic, la squadra di Pedro Tricerri bissa il titolo dello scorso anno: Grasshopper sconfitto 4-3
Formula 1
17 ore

Verstappen batte le Mercedes

A Silverstone, teatro della gara che ha celebrato il 70esimo della F1, l'olandese ha preceduto Lewis Hamilton e Valtteri Bottas
Motociclismo
19 ore

Moto2, Lüthi soltanto 17esimo a Brno. In MotoGp vince Binder

Nel Gran Premio della Repubblica Ceca il pilota bernese è scattato dalla 26esima posizione. Per il sudafricano una bella 'prima' nella categoria regina
Calcio
19 ore

Thun a forte rischio retrocessione: parte dallo 0-2 di Vaduz

Domani l'incontro di ritorno dello spareggio di promozione e retrocessione: Il tecnico Marc Schneider: ‘La pressione c'è, è innegabile’
Calcio
20 ore

Europa League e Champions, da domani via ai quarti di finale

Il Basilea in campo martedì contro lo Shakhtar Donetsk. Ai quarti di Champions uno spettacolare Barcellona-Bayern Monaco
Hockey
1 gior

A Biasca finisce 3-1 per l'Ambrì Piotta

I biancoblu di Luca Cereda piegano i Rockets nella prima amichevole post-lockdown
Tennis
1 gior

Marco Chiudinelli: 'Amo il Ticino, perché è un po' come me'

Il tennis come scuola di vita, le nuove sfide, i consigli ai giovani, Roger Federer (ma non troppo). Intervista all'ex n. 52 al mondo: 'Contento della mia carriera'.
Calcio
31.07.2020 - 22:250

Il Lugano è salvo, lo Young Boys è campione

Nell’ultima uscita stagionale a Cornaredo i bianconeri superano 3-1 il Servette e conquistano la quinta salvezza consecutiva. Terzo titolo di fila per i bernesi.

Il Lugano è salvo. E in fondo, è l’unica cosa che conta. Da sempre, figuriamoci in una stagione travagliata come questa. E difatti se fischi e mugugni di alcuni degli 800 spettatori presenti per l’ultima uscita stagionale a Cornaredo hanno accompagnato l’esibizione a tratti stucchevole dei propri beniamini (in particolare nel primo tempo, forse la peggiore del post-lockdown), al triplice fischio finale che ha sancito il 3-1 con il Servette a risuonare nell’impianto luganese sono stati gli applausi per la quinta salvezza consecutiva dalla promozione in Super League nel 2015 conquistata dai protetti del presidente Renzetti. Grazie al settimo risultato utile consecutivo - comunque non necessario viste le vittorie mancate di Thun (0-0 con il Basilea e ora a -7 dal Lugano) e Sion (a -8 dopo lo 0-1 con l’Yb campione svizzero per la terza volta consecutiva) -, ma soprattutto grazie all’ennesima stagione (che si concluderà lunedì in casa del Neuchâtel già retrocesso) fatta di molta sostanza e che dall’avvicendamento tra Celestini e Jacobacci ha visto i ticinesi acquisire ulteriore solidità e costanza, che hanno permesso loro di raggiungere una salvezza più che meritata e che alla luce di tutto può (deve) soddisfare.

Primo tempo

Per la sfida contro un Servette non proprio motivatissimo vista la certezza di chiudere il campionato al quarto posto sinonimo di Europa League (a metà agosto i preliminari), tanto da spingere il tecnico Alain Geiger a lanciare tra i titolari un classe 2001 (Martial) e un 2002 (Henchoz), Jacobacci rispetto al pirotecnico 4-4 di Basilea ha ritrovato Gerndt, Custodio e Maric, subito mandati in campo al posto di Holender (infortunato) Guidotti e Covilo.

Il Lugano ha provato a prendere da subito in mano le redini dell’incontro ma gli ospiti non glie l’hanno permesso e le due squadre si sono alternate in maniera piuttosto regolare nel possesso palla. I primi a rendersi pericolosi sono stati i padroni di casa ma Lovric al 13’ ha sprecato la bella imbeccata di Gerndt, mentre tre minuti più tardi le parti si sono invertite ma l’assist dell’austriaco non ha raggiunto lo svedese solo davanti all’ex bianconero Kiassumbua. Il primo squillo dei ginevrini è invece arrivato poco dopo con la conclusione a lato dal limite di Andrea Maccoppi, seguita al 20’ dal vantaggio trovato da Kone dopo bella discesa sulla sinistra di Imeri (nell’occasione un po’ passiva la retroguardia bianconera). La reazione di Sabbatini e compagni si è fatta attendere e tra i fischi di qualche sostenitore bianconero scontento è stato ancora il Servette a rendersi più volte pericoloso Iapichino (nella prima occasione attento Baumann a chiudere sul primo palo), Imeri (salvataggio in extremis di Custodio) e Martial. E non è un caso se il pareggio dei granata (stasera in bianco) è arrivata su autorete di un altro ex, Steve Rouiller, che al 42’ ha spinto nella sua porta un traversone di Lungoyi.

Secondo tempo

Nella ripresa i padroni di casa sono tornati in campo con tutt’altro piglio e dopo nemmeno cinque minuti sono passati in vantaggio con un’incornata di Gerndt su bel traversone Custodio. Un episodio al quale hanno fatto seguito una serie di buone occasioni non sfruttate dai sottocenerini (in particolare da Lungoyi, tra i più attivi ma anche tra i più imprecisi), che hanno comunque gestito bene la (mancata) reazione degli ospiti fino al 3-1 trovato all'82' di testa da Maric, su pennellata ancora di Custodio.

Lugano - Servette (1-1) 3-1

Reti: 20’ Kone 0-1. 42’ Rouiller (autorete) 1-1. 50’ Gerndt 2-1. 82' Maric 3-1

Lugano: Baumann; Kecskes, Maric, Daprelà; Lavanchy, Lovric (67’ Guidotti), Custodio (90' Covilo), Sabbatini, Yao (90' Jefferson); Lungoyi (90' Macek), Gerndt (80' Janga)

Servette: Kiassumbua; Sauthier (76’ Mazzolini), Rouiller, Henchoz, Iapichino (59’ Goncalves); Maccoppi (59’ Holcbecher; Stevanovic (70’ Ajdini), Cognat (70’ Guerin), Martial, Imeri; Kone

Arbitro: San

Note: 800 spettatori. Lugano senza Bottani e Holender (infortunati), Pavlovic, Sasere e Rodriguez; Servette privo di R. Alves, Cespedes, Kyei, Ondoua, Samba, Sasso, Schalk, Routis, Severin e Tasar (infortunati). Ammoniti: 63’ Lovric. 76’ Maric. 78’ Baumann. 88' Imeri

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved