WAS Capitals
2
Detroit Red Wings
1
2. tempo
(1-0 : 1-1)
FLO Panthers
2
BOS Bruins
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
CHI Blackhawks
2
TOR Leafs
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
DAL Stars
1
VEGAS Knights
1
1. tempo
(1-1)
WAS Capitals
2
Detroit Red Wings
1
2. tempo
(1-0 : 1-1)
FLO Panthers
2
BOS Bruins
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
CHI Blackhawks
2
TOR Leafs
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
DAL Stars
1
VEGAS Knights
1
1. tempo
(1-1)
al-seminario-portoghese-con-il-top-degli-arbitri
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
4 ore

Kwadwo Duah infrange il sogno del Chiasso

I rossoblù ci credono ma l’exploit di Coppa sfuma al supplementare. La soddisfazione di Vitali: ‘Sono orgoglioso della prestazione offerta dai ragazzi’
Gallery
Calcio
5 ore

Croci-Torti: ‘Emozioni fortissime e un po’ di commozione’

Celar e Amoura firmano il 2-1 ai danni dello Young Boys che vale il passaggio ai quarti di Coppa contro il Thun. Il Crus: ‘Dedicata a Cao’
RUGBY
6 ore

La demenza dopo le botte alla testa. ‘Ora sono spaventato’

Il racconto di Bobbie Goulding e di altri ex campioni vittime dei colpi ricevuti in campo. ‘Trattati come pezzi di carne, non come degli esseri umani’
Hockey
7 ore

È il momento del ritorno di Arno Del Curto. Con l’Austria

L‘ormai sessantacinquenne tecnico grigionese fungerà da assistente a Roger Bader nel quadrangolare di Jesenice. ‘Sono felice che voglia darci una mano’
VELA
8 ore

Vendée Globe, Alan Roura e il mecenate che fabbrica i sogni

Alla sua terza campagna intorno al mondo, il ginevrino sarà al timone di Hugo Boss 7, l’Imoca da 4 milioni ricevuta in dono da un personaggio misterioso
GINNASTICA
11 ore

Hitomi lascia l’ospedale. Sulle proprie gambe

La ventunenne giapponese era caduta mentre si allenava in vista della finale dei Mondiali. ‘Sono dispiaciuta di non aver potuto soddisfare le aspettative’
Hockey
11 ore

Zugo, Dario Simion sotto i ferri

L’attaccante valmaggese è stato operato a una gamba, dopo essersi tagliato martedì con un pattino di un avversario. Dovrà star fuori all’incirca due mesi
Hockey
14 ore

McSorley padrone a Sierre, non in pista ma con la pista

L’allenatore canadese del Lugano guida una cordata che ha firmato due lettere d’intenti con club e città vallesani per la costruzione di un nuovo impianto
Calcio
14 ore

Il difensore del Bayern Monaco Lucas Hernandez evita il carcere

Il Tribunale Provinciale di Madrid ha accolto il ricorso del calciatore, sospendendo l’esecuzione della pena di sei mesi per maltrattamenti
Tennis
14 ore

Tra Djokovic e l’Australian Open c’è Victoria

Lo Stato di cui Melbourne è capitale ha escluso di accordare un permesso speciale ai giocatori non vaccinati, tra i quali ci sarebbe anche il serbo
Gallery
Calcio
21 ore

Spycher assicura: ‘Niente cali di tensione da parte dell’Yb’

Impegnato su tre fronti, lo Young Boys è ospite domani sera del Lugano per la Coppa. Il diesse giallonero: ‘Questo torneo permette di vincere un titolo’
Hockey
1 gior

L’Ambrì ritrova i tre punti. ‘E la grinta che era mancata’

Trascinati da Bürgler, i biancoblù tornano a sorridere a spese del Langnau. ’Quando segni ti festeggiano, ma io sono felice per Johnny e André’
Hockey
1 gior

‘Questa boccata d’ossigeno ci voleva proprio’

Calvin Thürkauf torna sul successo (in scioltezza) del Lugano alla Cornèr Arena a spese dell’Ajoie
Hockey
1 gior

Contro l’Ajoie, i bianconeri calano il poker

Senza strafare, il Lugano mette sotto i giurassiani: alla Cornèr Arena finisce 4-1
Hockey
1 gior

Ambrì, una settimana dopo riecco i tre punti

Reduci dalle sconfitte contro Zurigo e Friborgo, i biancoblù ritrovano il successo al termine di una serata convincente, trascinati dalla linea di Bürgler
Calcio femminile
1 gior

Rossocrociate a punteggio pieno

La Svizzera ha battuto 5-0 la Croazia, ultima della classe, e mantenuto la testa del gruppo G a pari merito con l’Italia
TIRI LIBERI
1 gior

La linea verde del Lugano, l’amalgama della Sam

Ulteriori considerazioni in merito a un derby che sabato ha detto una cosa importante: il potenziale di pubblico c’è, bisogna fidelizzarlo
Gallery
Calcio
1 gior

Beatrice Girelli team manager dell’Fc Lugano

Marco Padalino assumerà il ruolo di scout (a tutti i livelli di età) per la Svizzera, Cao Ortelli confermato assistente allenatore di Mattia Croci Torti
BOCCE
1 gior

Il settimo sigillo di Davide Bianchi

A Biasca, nella finale del campionato svizzero individuale ha battuto Aramis Gianinazzi e ora si trova a 4 successi dal ‘maestro’ Brenno Poletti
ROLLER
1 gior

Un Biasca decimato e disunito inciampa nel canton Uri

I ticinesi sempre alla rincorsa della formazione di casa che trova la rete decisiva (4-3) a poco più di 2’ dal termine. Il 13 novembre trasferta a Wimmis
PODISMO
1 gior

Doppietta Stampanoni al Gir dal diavol

A Tesserete, Paola si è imposta nella categoria femminile, Elia in quella maschile. Un centinaio gli atleti al via
Calcio
02.03.2020 - 06:000

Al seminario portoghese con il 'top' degli arbitri

La 'Regione' ha partecipato al corso d'élite, diretto da Massimo Busacca, per i migliori 'fischietti' europei già proiettati al Mondiale '22 in Qatar

Lisbona - Grandi storie di calcio si sono idealmente incrociate, a febbraio, in occasione del seminario europeo per arbitri d’élite organizzato a Lisbona dal Dipartimento arbitrale della Fifa. L’istruzione era curata dal ticinese Massimo Busacca, ex arbitro internazionale, dal 2011 direttore del Dipartimento arbitrale della Fifa. Un corso, quello lusitano cui la “Regione” ha potuto presenziare, che ha visto la partecipazione di 17 grandi arbitri europei – in pratica i migliori del momento – già proiettati verso i Mondiali 2022 in Qatar. Tutta gente avvezza alle partite di cartello nei maggiori campionati europei, alle sfide di Champions e ai grandi tornei internazionali.

Dal 2016 a Doha i seminari d’élite sono aperti anche alle donne: a Lisbona non c’erano le migliori “giacchette nere” in assoluto, ma 9 arbitri considerate emergenti in provenienza da Grecia, Polonia, Galles, Spagna, Finlandia, Croazia, Svezia, Inghilterra e Repubblica Ceca.

Due ‘squadre’ al lavoro

Nel nuovo centro della Federcalcio portoghese ad Oeiras (inaugurato nel 2016) gli arbitri hanno innanzitutto svolto un lavoro sul campo con l'appoggio delle squadre giovanili della Belenenses.

La collaborazione consisteva nella creazione di situazioni “ad hoc” da parte dei giovani calciatori – uno contro uno in area, falli da rigore reali o simulati, repentini ribaltamenti di fronte – che dovevano venire giudicate in tempo reale dagli arbitri e poi confrontate al VAR grazie a tre sale appositamente dotate, realizzate sul posto dalla Fifa come tutto l’apparato di ripresa televisiva. Un’altra componente fondamentale era quella prettamente teorica, con sedute giornaliere finalizzate ad analizzare, commentare e “risolvere” situazioni di gioco che per definizione sono sempre destinate a far discutere, come i falli di mano in area, gli interventi da ultimo uomo o quelli che possono costare un cartellino giallo o rosso.

Per una grande squadra di arbitri ne è stata allestita una, egualmente d’élite, di istruttori e tecnici. Era formata da 22 persone fra “amministrativi” e tecnici Fifa ed esperti nei rispettivi settori (allenamento, tattica, preparazione fisica, fisioterapia, VAR) provenienti dalle Federazioni calcistiche nazionali – a partire da quella portoghese come padrona di casa – o selezionati in base alle capacità dimostrate in precedenti stage di formazione o nelle molteplici competizioni Fifa organizzate annualmente. “Group leader” dell’arbitraggio femminile era l’americana Kari Seitz, che in carriera ha arbitrato in 4 Mondiali femminili e in altrettante Olimpiadi.

La commissione arbitrale era rappresentata sul posto dal presidente ed ex arbitro internazionale di lungo corso Pierluigi Collina e dalla ceca Dagmar Damkova, membro e istruttrice tecnica arbitrale, anch’essa con alle spalle una carriera di arbitro internazionale. Oltre ai seminari d’élite destinati ogni anno ai migliori arbitri di ognuna delle Confederazioni Fifa, altri 250 ne vengono svolti in giro per il mondo per arbitri che aspirano ad entrare nel novero delle élites continentali.

‘Personalità, capire di calcio ed essere sempre al posto giusto’

Massimo Busacca, seminari di questo genere ci sono sempre stati alla Fifa, ma cosa è cambiato dal suo avvento alla direzione del Dipartimento arbitrale?

Si sono evoluti dal punto di vista tecnico e tattico, la preparazione è più specifica. Ed è migliorato anche lo staff, composto anche da allenatori professionisti che dirigono gli allenamenti con una specifica preparazione tattica dei giocatori di appoggio; in questo caso i ragazzi della Belenenses.

Quali sono gli obiettivi?

A tre anni dal Mondiale, amalgamare il gruppo di arbitri Fifa per far passare la nostra filosofia. Diciamo che noi lavoriamo con gli arbitri come le varie Nazionali di calcio fanno con i migliori calciatori dei singoli Paesi prima di un grande evento.

Ha parlato di filosofia Fifa...

Sì, vogliamo arbitri di grande personalità, che capiscano il calcio, sappiano interpretare le regole e sappiano essere sempre al posto giusto nel momento giusto, esattamente come un grande attaccante che vuol fare gol; il che determina la necessità di essere sempre al top anche dal punto di vista atletico. La finalità è far progredire una classe arbitrale che sappia prendere la decisione giusta anche quando ha pochi elementi a disposizione.

Quanti di quelli visti a Lisbona andranno al Mondiale 2022?

Per l'Europa saranno una decina, ma a tre anni dal torneo non è detto che siano per forza fra quelli portati in Portogallo. Questi erano i migliori in questo momento, ma da qui al 2022 possono succedere ancora molte cose, esattamente come nelle Nazionali di calcio che parteciperanno al Mondiale. Vogliamo sempre e solo i migliori.

Il VAR ha avuto uno spazio importante. È destinato ad averne sempre di più?

Si tratta di un mezzo che fornisce un grande aiuto, ma non fa tutto. Fino a quando ci sarò io alla direzione del Dipartimento arbitrale, escludo ad esempio che si organizzino dei seminari esclusivamente dedicati al VAR. Questo perché la cosa essenziale, molto prima della tecnologia, è avere arbitri di personalità che facciano la differenza in campo riuscendo ad affrontare nel migliore dei modi anche le situazioni più difficili. In quello la tecnologia non può aiutare.

Da qualche anno le donne vengono integrate nei seminari maschili, dove lavorano esattamente come i colleghi uomini. Un bilancio?

Quella vista a Lisbona è una nuova generazione di arbitri donne che sta crescendo. Le abbiamo chiamate per vederle all’opera. Le altre più quotate le conosciamo già bene, ma verranno comunque convocate in occasione di un prossimo seminario.

Nell'élite femminile ci sono arbitri particolarmente capaci. È verosimile che fra le donne di vertice ne vedremo qualcuna arbitrare al Mondiale maschile in Qatar?

L’obiettivo della Fifa non è strettamente quello, ma piuttosto farle crescere a livello arbitrale. Per riuscirci, devono avere la possibilità di arbitrare partite maschili, come ad esempio successo ai Mondiai Under 17 del 2017 in India e del 2019 in Brasile e, in generale, in occasione di altre competizioni maschili. Preciso che se le donne in genere arbitrano partite femminili e gli uomini quelle maschili non è certo per una scelta di genere, ma piuttosto per una questione fisiologica, fattore che nello sport fa ancora la differenza. Il livello tecnico degli arbitri donna è comunque molto migliorato e ciò è legato all'esperienza maturata nelle partite di club maschili. È chiaro che se una donna dimostra di essere all’atezza dei migliori uomini come prestazioni fisiche e capacità tecniche, allora è ovvio che non la puoi privare della possibilità di arbitrare fra i maschi, anche nelle grandi competizioni. Questo, tenendo comunque sempre presente che agli stessi eventi aspirano con grande convinzione molti ottimi arbitri uomini. In definitiva tutto si gioca sulle qualità individuali, non sul genere.

Lei dirige il Dipartimento arbitrale da 9 anni. A che punto si trova del suo cammino professionale?

Devo dire che mi sento benissimo, all’altezza di quello che faccio. Mi sento bene anche per rapporto a ciò che ho creato al Dipartimento, per come sto portando avanti le cose, per la fiducia che provo e quella che sento attorno a me. Per ora mi sento al top perché non sono ancora venute meno la passione, la voglia e soprattutto i risultati. Di conseguenza, mi piacerebbe continuare ancora a lungo.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved