Ti-Press
Calcio
02.12.2018 - 17:590
Aggiornamento 20:49

Nuzzolo risponde a Junior, che beffa Lugano!

Due volte in vantaggio con Junior, i bianconeri si fanno riprendere dalla doppietta su punizione di Nuzzolo con il secondo gol caduto a tempo ormai scaduto

Sembrava poter finalmente tornare alla vittoria il Lugano, oltretutto in un match importante come quello che lo opponeva all’ultima forza della Super League, lo Xamax, staccado di quattro lunghezze in classifica da bianconeri. Invece per ben due volte Nuzzolo (la seconda al 93’) ha risposto alla doppietta di Junior e il Lugano si è dovuto accontentare di un punto che sa di beffa.

Privo degli squalificati Daprelà e soprattutto Gerndt, Celestini ha scelto di mantenera la difesa a tre schierata contro lo Young Boys (quindi con Covilo tra Sulmoni e Maric), ma a centrocampo oltre all’inserimento di Masciangelo sulla sinistra ha optato per Vécsei al posto di Fazliu, con Bottani e Junior in attacco. E proprio per sfruttare la velocità dei suoi due piccoli attaccanti i bianconeri hanno inizialmente cercato di sorprendere gli avversari, ben più guardinghi, con improvvise verticalizzazioni, ma non sono andati oltre una conclusione bassa di Sabbatini sventata da Walthert. Come spesso capita è così stata una palla ferma a sbloccare il match: punizione di Masciangelo, sponda di testa di Maric e capocciata vincente di Junior. E meno di due minuti più tardi il Lugano è pure andato vicino al raddoppio con un assolo di un incontenibile Bottani, fermato solo dal portiere avversario. Al 32’ è invece toccato all’altro estremo difensore, Da Costa, fermare con un bel guizzo il colpo di testa di Tréand destinato nell’angolo, mentre al 40' lo stesso svizzero-portoghese non ha potuto fare altro che osservare la sfera calciara da Nuzzolo e deviata da un difensore finire a lato di un niente.

La ripresa è iniziata com’era finito il primo tempo, ossia con i bianconeri un po’ ‘impallati’ e i neocastellani a spingere, ma sono comunque stati i padroni di casa ad avere l’opportunità di mettere una seria ipoteca sul successo con il rigore conquistato da Masciangelo (fallo di mano di Gomes). Sabbatini si è però fatto ipnotizzare da Walthert (conclusione a mezza altezza nemmeno troppo angolata) e pochi minuti dopo gli uomini di Celestini sono stati puniti dal pareggio trovato con una gran punizione dal solito Nuzzolo (nono gol stagionale). Da quel momento la partita si è trascinata senza particolari sussulti fino all’81’, quando ancora una palla ferma ha permesso nuovamente al Lugano di passare in vantaggio: calcio d’angolo battuto da Macek, sponda stavolta di Covilo e altro tap-in vincente di Junior. Ma quando tutto Cornaredo era pronto per festeggiare i tre punti, ancora Nuzzolo ha trasformato un calcio di punizione molto contestato dai padroni di casa.

Tags
junior
lugano
nuzzolo
punizione
bianconeri
masciangelo
© Regiopress, All rights reserved