laRegione
Nuovo abbonamento
mai-abbassare-la-guardia
Davide Agosta
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
12 ore

Ronaldo non basta alla Juve, ai quarti ci va il Lione

Negli ottavi di Champions i bianconeri superano 2-1 i francesi grazie al portoghese ma l'1-0 dell'andata premia gli uomini di Garcia. Il City elimina il Real.
Calcio
14 ore

Il Vaduz supera il Thun e vede la Super League

Rapp, Tosetti e compagni sconfitti 2-0 dalla squadra del Principato (seconda in Challenge) al Rheinpark nell'andata dello spareggio. Lunedì la sfida decisiva.
Ciclsimo
16 ore

Jakobsen esce dal coma ed è in buone condizioni

L'olandese caduto rovinosamente nella prima tappa del Giro di Polonia è stato risvegliato. Groenewegen squalificato, aperta un'inchiesta.
Calcio
17 ore

'Prestiti simili metterebbero a rischio lo sport svizzero'

Il direttore generale dell'Fc Lugano Michele Campana spiega la decisione della Sfl di non firmare l'accordo di prestito con l'Ufficio federale dello sport
Calcio regionale
19 ore

Seconda Lega, statistiche e curiosità della passata stagione

In attesa della ripresa dei campionati, ecco alcuni dati per cominciare a riaccendere i motori del calcio regionale
Calcio
1 gior

Francoforte nuovamente battuto: il Basilea vola ai quarti

Europa League, già forti del 3-0 dell'andata, i renani non fanno sconti ai tedeschi, stavolta superati con il minimo degli scarti
atletica
1 gior

Ricky Petrucciani è una scheggia sui 200 metri

Il ticinese dell'Lc Zürich fa segnare il nuovo record cantonale sulla distanza e si avvicina alla soglia dei 21"
Gallery
Hockey
1 gior

Sul ghiaccio di Biasca, l'Ambrì Piotta fa sul serio

Coach Luca Cereda: 'Il campionato? Non vedo perché non debba cominciare il 18 settembre'
Calcio
23.08.2017 - 16:350
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:12

Mai abbassare la guardia

Lo sport, come dimostra il recente caso dell’ex monitore di ginnastica condannato a 12 anni per aver abusato di sei ragazzine, rappresenta un terreno di caccia fertile per i predatori sessuali. In tutte le discipline, calcio compreso. Di recente, la federazione ticinese è stata confrontata con due episodi che l’hanno condotta ad ulteriori profonde riflessioni sul tema. Contattata da un italiano che voleva allenare in Svizzera, una società ticinese ha chiesto informazioni alla federazione cantonale, la quale ha scoperto con una semplice ricerca nella rete un nominativo identico implicato in casi di pedofilia. Grazie ai contatti con la Polizia cantonale si è poi venuti a sapere che non si trattava di un caso di omonimia. La federazione ha così suggerito alla società ticinese di richiedere l’estratto del casellario giudiziale italiano, richiesta alla quale l’allenatore ha risposto dileguandosi.
Nel secondo caso, una società della zona di Milano ha contattato la Ftc per assumere informazioni sui diplomi Asf di un tecnico italiano domiciliato in Svizzera. Un ulteriore controllo con la Polizia cantonale ha portato alla luce il fatto che il personaggio in questione tempo prima era stato prelevato dalle forze dell’ordine durante un corso d’aggiornamento in quanto coinvolto in un caso di pedofilia.
«Noi, ovviamente, abbiamo subito informato la società milanese – afferma Silvano Beretta, membro di comitato della federazione ticinese e responsabile del settore tecnico – e le abbiamo suggerito di richiedere l’estratto del casellario giudiziale svizzero. Al che l’allenatore in questione è sparito dalla circolazione».
Quella della richiesta del casellario giudiziale sembra essere, al momento, l’arma migliore in mano alle società sportive... «Venerdì, in occasione dell’assemblea della Ftc che comporterà pure le nomine statutarie, il presidente Fulvio Biancardi proporrà che ogni nuova assunzione in seno alla federazione sia soggetta alla richiesta dell’estratto del casellario. Con l’esplicito invito alle singole società a comportarsi nello stesso modo con i loro collaboratori».
La Ftc, come molte altre federazioni, non ha però atteso gli ultimi avvenimenti prima di muoversi... «Lo spartiacque è stato il caso Bomio. Scoperto il vaso di Pandora, tutti hanno cercato di correre ai ripari. Per quanto ci riguarda, abbiamo applicato alcune semplici norme in grado comunque di garantire una certa sicurezza. Ad esempio, quando gli spogliatoi sono occupati dai ragazzi, gli adulti non possono entrare se non in coppia. Quando poi i ragazzi si cambiano o fanno la doccia, l’accesso è di norma vietato».
I due casi citati dimostrano quanto sia importante la buona collaborazione tra società e federazione... «L’asticella per noi è sempre posta molto in alto e non intendiamo abbassarla. Invitiamo ovviamente tutti i dirigenti dei singoli club a volere contattare la federazione in caso di dubbi. Grazie ai canali privilegiati di cui le federazioni dispongono possiamo venire a conoscenza, per quanto ovviamente mai nei dettagli, di informazioni preziose». Perché mai come in questo ambito prevenire è meglio che curare.

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved