senza-la-svizzera-tedesca-il-nostro-e-un-basket-monco
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
4 ore

Niente impresa per Henri Laaksonen, battuto da Medvedev

Il russo, numero 2 al mondo, mette fine ai sogni di gloria dello sciaffusano agli Australian Open. Eliminate anche Vögele e Golubic
Tennis
6 ore

‘Djokovic era sereno, gli australiani un po’ meno’

Tristan Schoolkate, sparring partner di Nole durante il suo breve soggiorno australiano, racconta a laRegione l’incontro con il campione serbo
Gallery
Calcio
15 ore

Petkovic, dall’altare di Bucarest alla polvere della Gironda

Il pesante 6-0 rimediato a Rennes pone l’ex ct della Svizzera a serio rischio esonero. Il suo Bordeaux è penultimo con la peggior differenza reti
CALCIO
15 ore

Per la Fifa, Lewandowski è il giocatore dell’anno

Il polacco del Bayern Monaco premiato con il ‘Best Player’. Ha preceduto Leo Messi e Mohamed Salah. Tra le donne vittoria di Alexia Putellas (Barcellona)
Sci
17 ore

Beat Feuz di nuovo papà: è nata Luisa

Con un tempismo perfetto, la secondogenita dello sciatore rossocrociato è venuta al mondo dopo le gare di Wengen e prima di quelle di Kitzbühel
FREESTYLE
17 ore

Dopo Deer Valley per Marco Tadè ci sono le Olimpiadi

Il ticinese è pronto a volare a Pechino, mentre Nicole Gasparini negli Stati Uniti non è riuscita a staccare il biglietto per i Giochi
CALCIO
18 ore

Inghilterra e Kosovo per le amichevoli di marzo

Reso noto il programma 2022 della Nazionale svizzera. Nel mese di giugno quattro partite di Nations League in dieci giorni. E in novembre i Mondiali
HOCKEY
19 ore

‘Playoff lontani, ma provarci rimane un dovere’

Santeri Alatalo e il difficile momento del Lugano: ‘Le ultime sconfitte ci sono costate molto sul piano emotivo, ma abbiamo i mezzi per riprenderci’
Automobilismo
19 ore

Quarto posto per Marciello nella prima gara del 2022

Nella 24 ore di Dubai il podio sfuma a pochi minuti dal termine per il pilota ticinese, che ha gareggiato con l’Haupt Racing Team
Altri sport
20 ore

Pechino 2022, il comitato annulla la vendita dei biglietti

Alle Olimpiadi invernali solo gli invitati potranno seguire le gare e le prove. La misura come parte della stretta sui controlli contro il Covid e Omicron
Tennis
21 ore

A Melbourne Bencic parte bene e assicura: ‘Sto sempre meglio’

La 24enne sangallese, colpita dal coronavirus prima di Natale, nel primo turno ha superato in due set la francese Mladenovic. Avanti anche Jil Teichmann.
Tennis
22 ore

Djokovic, atto finale: è arrivato a Belgrado

Dopo lo scalo nella notte, il tennista serbo è rientrato nella capitale serba accolto da numerosi sostenitori
Basket
02.03.2021 - 18:510

Senza la Svizzera tedesca, il nostro è un basket monco

Il mondo della pallacanestro d'élite nel nostro Paese vive quasi esclusivamente sull'asse Ticino-Romandia, ma in questo modo è quasi impossibile crescere

Non credo ci sia un’altra nazione come la Svizzera dove uno degli sport maggiori come il basket conosca una geografia così stramba. Infatti, fatta qualche lodevolissima eccezione, la parte svizzero tedesca della pallacanestro rossocrociata è legata a pochi club che resistono stoicamente da decenni in Lega nazionale A e che si limitano praticamente alle aree di Basilea e Lucerna, con una puntatina qua e là, come Winterthur. In campo femminile, sempre nella massima serie, abbiamo Aarau e Winterthur, in un tempo lontano anche Baden e Wetzikon. Altrimenti è il buio e di questa situazione anomala ne paghiamo lo scotto.

Perché uno sport che vive sull’asse Ticino-Romandia, con due punte estreme a Boncourt e Basilea, non può pretendere di soddisfare le esigenze di numero e di qualità che tale sport richiede. Ci mancano quegli elementi che potrebbero uscire dal serbatoio svizzerotedesco ma che da anni ormai non produce che pochissimi elementi. Eppure oltre Gottardo non mancano atleti oltre i due metri e dalle doti adeguate per giocare al basket, ma le scelte di questi ultimi vanno in altre direzioni, in particolare verso la pallamano e la pallavolo. Due sport, soprattutto il primo, che è dominante proprio in quella parte della Svizzera.

Dove sta l’errore di fondo? Una parte del problema potrebbe essere legato ai programmi sportivi nelle scuole, dove il basket non è certamente al top dell’insegnamento: la pallacanestro è uno sport molto complesso e c’è da pensare che insegnarlo sia un problema anche per gli stessi docenti oltre Gottardo. Però non c’è solo la scuola, in gioco entra anche quanto viene fatto a livello di propaganda in campo nazionale e quanto vengano spinti i club verso la serie A, dato che non mancano le squadre svizzerotedesche in Serie B e in prima divisione. Ma questi club si limitano a raggiungere obiettivi intermedi e non trovano i mezzi per andare oltre. Bisognerebbe capire quali siano le migliori strategie per distribuire le giuste forze economiche per arrivare e stabilirsi in serie A. Se la Svizzera vuole salire ulteriormente di valore in campo internazionale, deve prendere in considerazione anche questo aspetto geografico, altrimenti saremo sempre una nazione monca.

Il fascino della Coppa nella sfida tra Massagno e Friborgo

La Coppa Svizzera ha il suo innegabile fascino e la sfida valida per i quarti di finale tra Massagno e Frinorgo è pure ricca di attrattività e aspettative: in palio la semifinale contro la vincente fra Starwings e Lugano che si giocherà il 10. In altre parole, la sfida di domani sera alle 19.30 a Nosedo, può valere una finale. L’Olympic è abbonato alle sfide di questo genere, la Sam non è da meno anche se con una tradizione meno corposa. È una gara aperta a ogni risultato, nella quale ogni palla conta, ogni dettaglio può essere decisivo. Dalla sua la Spinelli ha un potenziale offensivo di spessore, il migliore del campionato, mentre i burgundi vantano la seconda miglior difesa. Una gara che si annuncia quindi molto delicata per entrambe, con gli ospiti che schiereranno il nuovo arrivato Krajina, un pivot tosto e abile sotto le plance, al posto dell’esautorato Garrett (9 punti e 6 rimbalzi al debutto a Monthey). Ma tutto l’Olympic è da temere per le rotazioni lunghe di cui dispone Aleksic, con i nazionali Cotture, Gravet, Mbala, Hart e Zinn.

Massagno però non ha molto da invidiare e il rientro di Slokar è un fattore importante vicino a canestro. Poi le bocche da fuoco non mancano ma è di squadra che si vincono queste sfide. «Certamente dobbiamo giocare uniti e concentrati in ogni istante, cercando di tenere i ritmi bassi e perdendo meno palloni possibili – ci dice il tecnico dei ticinesi Robbi Gubitosa –.  L’Olympic è micidiale in contropiede e in transizione, per cui ogni errore d’impostazione lo paghi caro. Dovremo metterli in difficoltà e far sudare loro ogni punto».

Tattiche particolari? «Non ce ne sono, se non qualche accorgimento da adottare in partita: ci conosciamo e sappiamo vita e miracoli una dell’altra, sarà una sfida molto tattica, ma vogliamo vincerla più di ogni altra».

Già, perché non c’è ritorno. Dentro o fuori e ogni altra considerazione è per il… dopo.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved