SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
1 ora

‘Possiamo vincere, ma aiutandoci a vicenda’

Michael Spacek, al suo primo derby ticinese, punta sul complesso, forte anche delle tante bocche da fuoco: ‘Poco importa chi segna ed è il top scorer’
CICLISMO
2 ore

L’ultima pedalata di Alejandro Valverde sarà al Lombardia

Lo spagnolo ha annunciato, a 42 anni, il ritiro dalle competizioni. È stato campione del mondo nel 2018 e ha vinto 4 volte la Liegi e 5 la Freccia
ATLETICA
2 ore

Argento e primato ticinese U20 per Tiziana Rosamilia

A Ginevra si sono svolte le finali nazionali del MilLe Gruyère. La ragazza dell’Usa Ascona ha abbassato il limite ottenuto nel 1993 da Marta Odun
TENNIS
2 ore

A Tallin, Belinda Bencic come un rullo compressore

Nel torneo estone la sangallese ha superato di slancio il primo turno, infliggendo un chiaro 6-0 6-2 alla padrona di casa Malygina
hockey
2 ore

‘Anche il mio rendimento deve migliorare’

Markus Granlund, nonostante le due reti segnate, non è soddisfatto del suo inizio a Lugano. Ma è tutta la squadra che nel derby deve riscattarsi.
CALCIO
3 ore

Nations League, chiudere i conti con la salvezza

La Svizzera ospita a San Gallo la Repubblica Ceca. Un pari basterebbe per mantenere il posto in Lega A. Partita numero 100 per Ricardo Rodriguez
hockey
4 ore

Tre giornate a Salomäki

L’attaccante del Losanna punito per il colpo alla testa di Oliwer Kaski
CICLISMO
8 ore

Van der Poel colpevole, ma può lasciare l’Australia

Il ciclista olandese accusato di violenza contro due adolescenti nella notte precedente il Mondiale di Wollongong
Hockey
9 ore

Ambrì senza Heed per tre o quattro settimane

Colpa di un infortunio al costato rimediato venerdì a Porrentruy
Basket
10.02.2021 - 22:42
Aggiornamento: 23:00

Una Sam un po' spocchiosa piega un buon Lugano

All'Elvetico i Tigers ci mettono cuore e grinta per colmare il divario tecnico ma alla fine devono arrendersi 81-74 alla superiorità di Mladjan e compagni

di Dario 'Mec' Bernasconi
una-sam-un-po-spocchiosa-piega-un-buon-lugano

Un derby piacevole, quello che ha chiuso la seconda fase del campionato e che Massagno si è aggiudicato in trasferta 81-74. Piacevole grazie alla verve di un indomito Lugano e a una scialba prestazione della Sam, un po’ troppo spocchiosa e che come tale ha giocato con sufficienza, conscia della propria forza.

Gubitosa deluso dall'atteggiamento, Cabibbo loda i suoi

Un atteggiamento che ha deluso, in primis, il suo coach... «Abbiamo giocato in maniera inguardabile a partire dalla fine del primo quarto, con una difesa molle e un attacco senza logiche, dove ognuno si sentiva di inventare qualcosa – ha spiegato Robbi Gubitosa –. Per fortuna Dusan (Mladjan, ndr) ha fatto la sua parte e anche Molteni è stato tra i pochi che hanno lottato su ogni pallone. Faccio i complimenti al Lugano per come ha tenuto il campo con grinta e orgoglio. Adesso prendiamoci questa pausa della nazionale per resettare tutto e ripartire come basket comanda».

In casa Tigers i volti sono soddisfatti perché, pur senza Aw e Steinmann, i bianconeri hanno lottato dall’inizio alla fine, recuperando più volte e andando avanti per diversi minuti, con un parziale di 9-0 del quale essere felici... «Abbiamo dato tutto, pur con i nostri limiti tecnici e di effettivo – il commento del tecnico Salvatore Cabibbo –. Ho visto bene i giovani, in campo per tanti minuti, capaci di fare la loro parte. Una sconfitta che era annunciata ma che abbiamo esorcizzato con carattere e determinazione, mettendo spesso in difficoltà la Spinelli e costringendola a giocarsela fino alla fine con i migliori uomini in campo».

Mladjan-Molteni tengono a galla la Spinelli, tutti bravi i bianconeri

Tutto vero. Non basta ovviamente l’attenuante delle assenze di Marko Mladjan e di Slockar per giustificare la prestazione di Massagno. Eppure la partenza era stata al top, con subito cinque triple (2 di Nottage e 3 di Mladjan) a portare avanti la squadra, 17-24 al 7’. Divario sceso a +5 alla prima pausa (22-27). Secondo quarto dei bianconeri, che infilano un 15-0 (41-32 al 6’), malgrado due timeout chiesti da Gubitosa e sentiti anche in Val Colla. Nulla, se non un 7-2 per chiudere la prima parte di gara sul 48-44.

Il 52 pari lo firma Williams al 3’ della seguente frazione. Poi il Lugano subisce la difesa a zona dei cugini e dal 55 pari si va sul 57-66 con i rientro di Dusan in campo (60-66 all’ultima pausa). Nel quarto conclusivo, due triple del solito Mladjan portano il +10 (64-74). I bianconeri non ci stanno e firmano un 7-0 che porta lo score sul 71-76, con la terza tripla di un ritrovato Stevanovic. Ma la Sam resta in controllo e non succede più nulla fino al 74-81 finale.

Se in casa Sam il duo Mladjan-Molteni ha portato di peso i suoi, con qualche spunto del debuttante Williams e di Nottage all’inizio (poco efficienti gli altri), in casa bianconera sono tutti o quasi da elogiare. Nikolic il solito guerriero ovunque sul campo, Stevanovic finalmente concreto con 20 punti è da record personale, Jackson 14 assist e una buona difesa, Louissant fra pasticci e palle perse resta comunque positivo con 17 punti e Kovac, 27 minuti di campo, bravo con 4 rimbalzi, 3 offensivi e una buona difesa. Mina, Bracelli, Togninalli e Dell’Acqua tutti in campo per almeno sei minuti. Un applauso anche a loro che stanno crescendo bene.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved