laRegione
la-gioia-di-schurter-l-amarezza-di-colombo
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

Hockey, rimandata Lugano - Ginevra

L'incontro è stato posticipato a causa dei casi di Covid tra le fila dei ginevrini. Domani si giocherà solo Losanna-Frigorgo
Tennis
12 ore

Rémy Bertola mai così in alto, dopo mesi complicati

Dal calo di motivazione alla vittoria su Tommy Robredo. Intervista al 22enne luganese, numero 9 in Svizzera
Basket
15 ore

Sam per il poker: 'Gruppo solido dentro e fuori dal campo'

Dopo aver battuto Olympic e Neuchâtel la Spinelli di Gubitosa cerca il quarto successo in altrettante partite contro Ginevra, altra squadra di alta classifica
Hockey
1 gior

I Ticino Rockets mancano l'aggancio in vetta

La squadra allenata da Eric Landry ha pagato a caro prezzo un primo tempo chiuso sotto 3-0 inchinandosi 6-1 in casa contro l'Ajoie
Formula 1
1 gior

C'era una volta il Gp di San Marino...

La crisi economica lo ha messo in ginocchio, quella legata al Covid una seconda chance che chiude il tris di prove del Mondiale su territorio italiano
CALCIO
1 gior

L'Inghilterra piange Nobby Stiles

Mediano dal gioco duro come la roccia, era stato il perno della Nazionale inglese che nel 1966 aveva conquistato il titolo mondiale
CALCIO
1 gior

Quarantena soft quale àncora di salvezza

Rinviata Lugano - Young Boys. Michele Campana: 'Se il Governo vuole che lo sport prosegua deve garantirci le condizioni quadro'
Calcio
1 gior

La sospensione dei campionati Attivi e Seniori ora è ufficiale

La Ftc ha reso formale la decisione dopo il rinvio di tutte le partite sino al 12 novembre, sottolineando che si cercherà di anticipare la ripresa dopo l'inverno
Altri sport
1 gior

Tokyo 2020, gli organizzatori ci credono ma intanto rimborsano

Presentate le modalità per richiedere la restituzione della somma spesa per acquistare un tagliando (circa 4,5 milioni quelli venduti) per i Giochi olimpici
Altri sport
1 gior

Oltre sette milioni di franchi per l'atletica rossocrociata

Swiss Olympic ha accolto la richiesta di aiuti formulata dalla Federazione svizzera, a sua volta interpellata da circa 200 società e organizzatori
Calcio
1 gior

Ne rimarrà soltanto una (forse): San Gallo - Basilea

In Super League questo weekend confermato il rinvio di Lugano - Young Boys (su richiesta dei bianconeri, con 8 giocatori in quarantena) e pure Servette - Zurigo
Hockey
1 gior

Non c'è due senza tre: Ginevra in quarantena (preventiva)

Dopo Losanna e Zugo, anche il Servette è costretto a fermarsi. Almeno per oggi: ancora da definire se potrà giocare domenica contro il Lugano
MOUNTAIN BIKE
17.10.2020 - 17:270

La gioia di Schurter, l'amarezza di Colombo

Il grigionese è il nuovo campione europeo, davanti al francese Carod e all'altro elvetico Flückiger. Il ticinese, partito benissimo, ha forato a metà gara

Nino Schurter è il nuovo campione europeo di cross-country. Una settimana dopo aver dovuto cedere a Jordan Sarrou la maglia iridata, nei boschi del Monte Ceneri si è tolto una parziale soddisfazione, conquistando il suo primo titolo continentale nella categoria maggiore. Lo ha fatto al termine di una gara molto combattuta e nella quale ha preceduto il francese Titouan Carod di 10", dopo averlo superato nell'ultimo tratto tecnico in discesa. Sul terzo gradino del podio, a completare il trionfo elvetico, anche Mathias Flückiger, già argento ai Mondiali di Leogang.

Grande delusione, per contro, per Filippo Colombo, pupillo del pubblico. Partito benissimo, nella prima metà della gara è stato perfetto, inserito nel terzetto di testa (poi diventato un quartetto con il rientro di Flückiger) con il quale ha collaborato a dettare il ritmo. Nella prima parte del quarto dei sette giri in programma, però, la sfortuna si è abbattuta sul ticinese con una foratura alla ruota posteriore... «Si è trattato di un mio errore, non c'è altro da aggiungere – ha affermato con molta sincerità al termine di una prova chiusa al 27º posto a 5'12" da Schurter –. In un tatto di percorso nel quale non c'era alcun pericolo, sono andato a prendere di striscio l'unico sasso presente, schivato all'ultimo momento dal corridore che mi precedeva. Forse ho calato per un attimo la concentrazione e l'ho pagata. Poi, prima di poter raggiungere la zona tecnica ho dovuto compiere oltre mezzo giro con la ruota a terra, ciò che ha ovviamente compromesso la mia prestazione».

Filippo Colombo non può certo nascondere la delusione... «Ovvio, sono deluso, ma vincerò la prossima volta. Ero partito benissimo, mi sentivo davvero a mio agio, rimanevo davanti con i primi senza alcun problema. Ad ogni modo, posso ritenere positiva questa giornata. Non tanto per me, ma per la grandiosità dell'evento che gli organizzatori hanno messo in piedi, per l'emozione che ho provato al via. È vero, ero molto più emozionato rispetto ai Mondiali, perché percepivo la vicinanza di tutte le persone che tifavano per me. Avrei voluto regalare spettacolo, ho provato a farlo e per circa metà gara penso di esserci riuscito».

Nonostante l delusione, Colombo ha portato a termine la prova... «È stato frustrante, è vero. Ma sentivo di dover onorare l'evento, il pubblico, l'impegno profuso dal Velo Club Monte-Tamaro per l'organizzazione. Per questo ho dato il 100% fino alla fine».

Dopo prestazioni deludenti in Coppa del mondo e ai Mondiali, Nino Schurter è tornato il dominatore che tutti conoscono. Fin dalle prime battute si è capito che la sua pedalata era quella dei giorni migliori, tant'è che ha quasi sempre fatto corsa in testa, al di là di qualche cambio concessogli da Colombo, da Flückiger e da Carod. Perso per strada il ticinese, gli altri due svizzeri hanno provato a scrollarsi di dosso la compagnia di Carod all'inizio del penultimo giro, ma il francese è rientrato alla grande e nell'ultima tornata, dopo una nuova accelerazione di Schurter, ha provato l'attacco. Nino ha perso qualche metro, ma poi è rientrato ed è rimasto alla ruota del francese fino all'ultima discesa tecnica, dove ha attaccato con decisione per involarsi verso il successo... «Ho provato in più di un'occasione ad andarmene, ma Titouan non si è mai staccato da ruota. Nel corso dell'ultimo giro sono stato io a dover chiudere il buco e ne ho approfittato per affondare il colpo nell'ultima difficoltà a disposizione prima dell'eventuale sprint. Ancora una volta, quello del Monte Ceneri si è dimostrato un percorso molto difficile, del quale occorre conoscere ogni angolo».

Alla vigilia, il grigionese aveva lascito intendere che le condizioni di forma stavano tornando a essere quelle dei bei giorni e che la vittoria era una possibilità da mettere in conto... «È vero, stavo bene, ma gli ultimi risultati non proprio incoraggianti mi avevano fatto un po' dubitare. Anche per questo motivo sono davvero contento di aver conquistato il mio primo titolo europeo. Vincere in Svizzera, con il pubblico che ti acclama, dà sempre i brividi».

Si è invece dovuto accontentare del quinto posto a 1'07" da Schurter, il campione del mondo Jordan Sarrou, preceduto anche dall'italiano Luca Braidot.

Domani i Campionati europei del Monte Ceneri si concluderanno con le due prove juniores (in campo femminile al via anche le tamarine Linda Zanetti e Giulia Alberti) e con la gara delle ragazze U23.

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved