laRegione
Nuovo abbonamento
Atalanta
Paris Saint Germain
21:00
 
ajla-e-le-lacrime-di-chi-sa-d-avercela-fatta-non-riuscivo-a-smettere
Keystone
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
1 min

Cade il muro dei mille. 'Ci faremo valere davanti ai medici'

Pubblico negli stadi, a ottobre si cambia passo. Ma ora la palla passa ai Cantoni, e intanto i club si preparano. Mona: 'Potremmo arrivare a 3'700 posti'
BASKET
2 ore

Riva, anche in B avanti con Valter Montini

Dopo aver abbandonato la massima divisione le momò confermano il tecnico per il sesto anno. 'Vogliamo costruire un trampolino su cui spiccare il salto'
CICLISMO
3 ore

Van Aert vince anche al Delfinato

Dopo Strade bianche e Sanremo, il 25.enne belga si impone nella prima frazione della corsa francese, davanti a Impey e Bernal
CICLISMO
4 ore

Annullati i Mondiali di Aigle e Martigny

Si sarebbero dovuti svolgere dal 20 al 27 settembre, prima dell'apertura dei grandi eventi al pubblico annunciata dal Consiglio federale
ATLETICA
5 ore

Doping, la Russia pagherà la maxi multa

Il ministro dello Sport Matytsin annuncia una sovvenzione straordinaria alla Federazione atletica. 'Stiamo istituendo una cultura per la tolleranza zero'
CALCIO
6 ore

Champions 21-22, solo il campione svizzero ai preliminari

Nel ranking Uefa la Svizzera è al 17.mo posto. Le altre tre squadre che staccheranno un ticket europeo andranno nella nuova Conference League
CALCIO
7 ore

Calcio, Stephan Lichtsteiner si ritira

Il capitano della nazionale svizzera lo ha annunciato poco fa durante una conferenza stampa
CALCIO
8 ore

Diritti tivù, il bando si apre il 14 settembre

Al via le trattative per il prossimo quadriennio. L'attuale accordo porta nelle casse della Sfl circa 40 milioni di franchi all'anno
CALCIO
9 ore

Jonas Omlin passa al Montpellier

Il 26.enne aveva disputato le ultime due stagioni con la maglia del Basilea
CICLISMO
10 ore

Australia, solo professionisti ai Mondiali

Per non mettere a rischio la loro salute, la federazione nazionale ha deciso di non inviare a Aigle e Martigny (20-27 settembre) juniores e under 23
BASKET
10 ore

Tre ritorni per i Lugano Tigers

Florian Steinmann, Jules Aw e Axel Louissant vestiranno di nuovo la maglia della compagine del presidente Cedraschi
CALCIO
22 ore

Shakthar troppo forte, il Basilea saluta l'Europa

A Gelsenkirchen nei quarti di finale renani battuti 4-1 dai campioni ucraini che hanno messo al sicuro la sfida già nei primi 22'. Lunedì semifinale contro l'Inter
NUOTO
22 ore

Nuovo record svizzero per Lisa Mamié

A Roma la zurighese ha ritoccato il limite dei 100 rana, fermando il cronometro in 1'06"60 alla sua prima competizione post-pandemia
TENNIS
1 gior

Avanzano Teichmann e Küng

Le due elvetiche superano il primo turno, rispettivamente a Lexington e a Praga
CICLISMO
1 gior

Jakobsen pronto a far rientro in Olanda

Migliorano le condizioni del 23.enne velocista, coinvolto in una terribile caduta nella prima tappa del Giro di Polonia
HOCKEY
1 gior

Alessandro Chiesa non sarà più il capitano del Lugano

La società bianconera lo ha annunciato in un comunicato stampa. Il nome del sostituto del difensore verrà reso noto prima dell'inizio della regular season
CALCIO
1 gior

Young Boys, Maceiras sostituisce Lotomba

Il difensore ha sottoscritto un contratto valido fino al 2024. Nel frattempo il Grasshopper si è separato da Veroljub Salatic
CALCIO
1 gior

La Champions chiama, Neymar vuole rispondere

A via a Lisbona la Final 8, con una partita al giorno a iniziare da Psg - Atalanta. Gasperini: 'Bergamo merita una gioia speciale'
CICLISMO
1 gior

Delfinato, su e giù dalle montagne

Scatta domani la corsa francese, ridotta a cinque tappe, ma con tutti i pretendenti alla vittoria del Tour de France. Cinque giorni per testarsi in salita
CALCIO
1 gior

Scozia, il governo potrebbe fermare il campionato

Provvedimento allo studio sulla base di troppe violazioni delle norme sanitarie. Ultimo caso, quello del belga del Celtic, Boli Bolingoli
Gallery
Tennis
1 gior

Susan Bandecchi, decisiva tanto quanto Belinda

La 22enne ticinese ha apposto il proprio sigillo sul titolo interclub di Lega nazionale A del Tc Chiasso
ATLETICA
23.07.2020 - 21:530
Aggiornamento : 22:09

Ajla e le lacrime di chi sa d'avercela fatta. 'Non riuscivo a smettere'

La ticinese, terza sprinter più veloce del pianeta in questo 2020, domani sarà attesa protagonista a Berna, grazie all'11''08 di Bulle. 'Mi ci devo abituare'

Per quanto si sforzi, quelle lacrime non riesce proprio a trattenerle. Mentre il cronometro sputa quell’11''10 che è il tempo impiegato da Ajla Del Ponte per divorare il rettilineo del Meeting della Gruyère. Cifre che la dicono lunga sui numeri della ticinese, che in un indimenticabile undici luglio, quattro giorni prima del suo ventiquattresimo compleanno, riuscirà pure a limare ulteriori due centesimi nella sua seconda corsa, diventando nientemeno che la terza ragazza più veloce dell’anno nei cento metri a livello mondiale, pur in una stagione stravolta dal virus. «E dire che non è neppure stata una corsa perfetta» racconta Ajla al suo arrivo a Berna, dove domani torna in pista nell’edizione 2020 del Citius, il primo grosso meeting su suolo elvetico in questa stagione azzoppata dalla pandemia. «Io so soltanto che quei cento metri sono volati, e quando ho visto il cronometro, beh... È come se mi fossi resa conto in quel preciso istante che ne fosse valsa la pena di aver fatto tutti quei sacrifici per arrivare fin lì. Così, l’unica reazione possibile era mettersi a piangere. E diciamo pure – ride – che dopo l’11''10 il vero obiettivo della giornata è stato fermare le lacrime, siccome non riuscivo a smettere».

È il pianto di chi sa di avercela fatta. Oltretutto, piombando nell’olimpo dei cento più veloci dell’anno, alle spalle soltanto della dirompente giamaicana Shelly Ann Fraser-Pryce (11''00) e della ventenne americana Sha’Carri Richardson (11''05, ma già un personale di 10''75). «Diciamo che faccio fatica a rendermene conto - spiega -. Però grazie a quel tempo ho ottenuto la conferma per Montecarlo (14 agosto, ndr) e Stoccolma (il 23, ndr) in Diamond League, ed è un qualcosa di emozionante per chi, come me, s’era abituata a guardare le grandi stelle nei pre-meeting».

Adesso, infatti, sei entrata in una nuova dimensione. «Soprattutto ho provato tanto, tanto sollievo, dopo aver messo tanta pressione su me stessa, per non essere riuscita a raggiungere il personale nella scorsa stagione, né avere centrato l’obiettivo del limite olimpico. Cosa che, tra l’altro, il risultato di Bulle mi avrebbe garantito, se solo il periodo di qualificazione non fosse stato congelato a causa del Covid».

In un’intervista di qualche giorno fa, Laurent Meuwly, tecnico friborghese che ti allena ormai dal 2015, aveva detto che nella Gruyère avresti anche potuto frantumare il muro degli undici secondi... «Diciamo che la mia prima preoccupazione dopo l’11''10 nelle eliminatorie era di confermare quel tempo: volevo evitare di chiudere con un 11''30, per dimostrare di poter correre velocemente due volte nello stesso giorno. E dopo aver applicato le correzioni che mi sono state date tra le due corse, aiutata pure dal minor vento sono andata ancora più veloce. Ed ero fiera di me stessa, di questa – diciamo – nuova maturità».

Tuttavia, sempre secondo il tuo allenatore in finale a Bulle ti sei dimostrata fin troppo aggressiva. «La verità è che ho capito subito di essere partita meglio, e ciò mi ha portata a perdere un po’ la scioltezza che avevo nella seconda parte della prima corsa. Sono una che si basa molto sulle partenze, e tutta la mia corsa di ciò può risentirne come beneficiarne: nell’occasione, in sostanza sono andata più a ‘martellare’ con la frequenza, forzando un po’ troppo. Ed è questo che Laurent mi ha rimproverato. Perché è vero che i primi dieci metri possono essere decisivi, ma ne rimangono pur sempre altri novanta».

Come si vive, quando ci si rende conto di essere sulla bocca di tutti? «Per me è qualcosa di strano. Io che generalmente sono una persona discreta, mi ritrovo ad avere così tante attenzioni, così tante richieste... Banalmente, dopo la performance al meeting di Bulle il numero di ‘follower’ su Instagram praticamente è esploso. Mi fa enormemente piacere, ma è anche vero che dovrò un po’ aggiustarmi, per così dire, abituandomi a questa nuova situazione. Al fatto che adesso c’è più gente interessata a seguirmi, a vedere cosa sto facendo». 

Se dovessi riassumere in una parola cosa ti ha permesso di arrivare fin qui, quale sarebbe? «Perseveranza, direi. È stata quella a portarmi dove sono. Oltre alla voglia di fare, e al desiderio di non dover più essere nella condizione di dirsi scontenti di sé stessi». 

‘Se ci riesci una volta lo puoi fare ancora’

La pressione, invece? Come si fa a conviverci? «In verità, il fatto che ci fossero persone che mi seguivano non è mai stato motivo di pressione. Se dovessi usare una metafora, direi che mi sono sempre sentita come qualcuno che ospitava sulla barca delle persone con cui fare un viaggio assieme. Del resto (ride, ndr) credo che le mie di aspettative siano ampiamente sufficienti».

C’è tuttavia un problema, data la situazione: cioè che quell’11''08 serve più come conferma che come risultato, almeno in ottica olimpica, siccome la finestra qualificativa per i Giochi di Tokyo dell’anno prossimo, semmai si faranno, è bloccata fino a dicembre. «Sì, certo. Io, come molti altri, del resto, non ho apprezzato la decisione di congelare le qualificazioni. Al tempo stesso, però, la capisco: è giusto così se si vuol mantenere uno sport pulito, siccome durante una pandemia non si possono effettuare controlli sugli atleti con la stessa frequenza e qualità. In ogni caso, per me quest’anno era importante riuscire a scendere sotto il limite richiesto (di 11''15, ndr) a prescindere dal biglietto per Tokyo. E quando sai di esserci riuscito una volta, sai di poterlo fare ancora».

Quanto alla soglia psicologica degli undici secondi, da una parte Meuwly ha detto di sentirsi sollevato dal fatto che tu non l’abbia superata già l’11 luglio a Bulle: infatti, per lui sarebbe stato un balzo un po’ troppo grosso rispetto al tuo vecchio personale di 11''21. «Infatti ci sono atleti che dopo un salto del genere si sono trovati confrontati con una specie di blocco. Senza contare, poi, che anche le condizioni del momento hanno il loro peso: ad esempio quando ho corso in 11''08 il vento era di +0,7 metri al secondo, ma trovo che abbia più valore quel crono rispetto, ad esempio, a un 10''99 con due metri di vento a favore. Anche se, naturalmente, spero di riuscire a scendere sotto gli 11'', un giorno».

Magari già domani sera al Wankdorf. Dove, in assenza di Mujinga Kambundji, l’unica atleta rossocrociata di punta ad aver declinato l’invito, sarai tu la protagonista più attesa. «Per prima cosa sono felice di essere tornata a Papendal (dove lavora Laurent Meuwly, ndr) dopo il meeting nella Gruyère, perché così ho potuto tornare ad allenarmi. Ciò di cui sentivo il bisogno, avendo inanellato una gara dopo l’altra. Adesso, però, ho voglia di tornare in pista. Ed è vero, la settimana scorsa avevo corso un 200, ma si trattava semplicemente di una corsa inserita in apertura del mio programma d’allenamento. Domani, invece, si farà sul serio, con la mentalità giusta. Sono contenta che capiti di nuovo in Svizzera, a Berna, davanti a mio padre e a mio fratello che si sono aggiudicati il posto in tribuna». Grazie a due degli appena 500 biglietti, messi in vendita con la formula del chi primo arriva, meglio alloggia. In tempi di Covid è così che stanno le cose.

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved