laRegione
Nuovo abbonamento
'Comportamenti irresponsabili'
TENNIS
25.06.2020 - 12:580
Aggiornamento : 14:28

Il manager di Thiem se la prende con Djokovic

Dopo il fallimento dell'Adria Tour (almeno quattro giocatori contagiati dal coronavirus), Herwig Straka punta il dito contro il serbo

Membro del consiglio di amministrazione dell'Atp, direttore del torneo di Vienna e manager di Dominic Thiem, Herwig Straka non si risparmia le parole dopo il fiasco dell'Adria Tour. «Novak Djokovic è l'unico a doversi scusare, perché è lui che ha organizzato tutto», ha detto. Questo torneo «è andato in una direzione completamente sbagliata. È stato stupido e assurdo – ha spiegato Herwig Straka in un'intervista al quotidiano austriaco "Standard" –. Gli avevo permesso di partecipare a condizione che ci fossero chiare linee guida per il Covid-19», ha detto l'austriaco in difesa di Dominic Thiem.

In linea di principio, si doveva accettare un massimo di 1.000 spettatori e si dovevano rispettare le regole di distanziamento sociale. Ma Novak Djokovic, secondo Herwig Straka, ha trasformato lo spettacolo in un vero e proprio evento pubblicitario. «Va bene, gli altri hanno partecipato. Ma Novak era molto coinvolto», dice.

«Dal punto di vista dell'Atp, è stato un evento inutile. Nessuno di quelli che erano presenti è stato un modello. È triste, ma vero», ha continuato l'austriaco a proposito di un torneo in cui non meno di quattro giocatori sono risultati positivi al coronavirus (Novak Djokovic, Viktor Troicki, Borna Coric e Grigor Dimitrov). E secondo lui, se i test effettuati da Dominic Thiem si sono rivelati negativi, è solo questione di fortuna.

Un Dominic Thiem che si è anche espresso per la prima volta giovedì, per scusarsi. «Il nostro comportamento è stato un errore, abbiamo agito in modo troppo euforico. Mi dispiace –, ha scritto su Instagram –. Ci siamo fidati delle regole messe in atto dal governo serbo, ma eravamo troppo ottimisti», ha continuato il finalista dell'ultimo Australian Open.

Secondo il suo manager, il colpevole principale è ancora Novak Djokovic, maestro costruttore dell'Adria Tour. «Gli altri giocatori erano lì, non hanno fatto male a nessuno. Ma è successo, e dobbiamo imparare da questo", spiega Herwig Straka. Ma «non si è trattato di un atto criminale. E i giocatori avranno finalmente capito il motivo pre cui sono state stabilite le rigide regole».

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved