laRegione
Nuovo abbonamento
la-missione-di-ajla-voglio-conoscermi-meglio-come-atleta
Keystone
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Atletica
1 min
Hartmeier primatista ticinese U20 nel giavellotto
La giovanissima esponente della Virtus di Locarno ha scagliato l'attrezzo a 37m60. Irene Pusterla (Vigor) vince il lungo con 6m18
Ciclismo
18 min
Pellaud e Stasny vincono la Grono-Rossa
Grande successo per la quarta edizione della Grono-Rossa, prima gara del calendario di Ticino Cycling dopo la pausa forzata per la pandemia
Hockey
1 ora
Pius Suter saluta tenta l'avventura della Nhl
L'attaccant 24enne fa valere la clausola rescissoria e lascia i Lions, con cui aveva vinto il titolo nel 2018
Ciclismo
2 ore
Stefan Küng al via della cronometro iridata
Niente gran finale del Tour de France per il turgoviese, che punta sull'appuntamento iridato di Aigle-Martigny
Calcio
2 ore
Il Tas 'grazia' il Manchester City: l'Europa ci sarà
Il Tribunale dello sport autorizza il club inglese a prendere parte ai tornei continentali
Hockey
3 ore
Il canadese Eric Fehr un altro anno alle Vernets
Il Ginevra Servette conferma l'attaccante 34enne, e completa così il suo quartetto di stranieri
FORMULA 1
17 ore
Lewis Hamilton, senza storia e con poche emozioni
Il britannico parte in testa e domina il Gp di Stiria, seconda prova del Mondiale. Harakiri Ferrari: al primo giro Leclerc tocca Vettel, fuori entrambi
CALCIO
18 ore
Partita rinviata per Covid-19 nel torneo della Mls
Negli Stati Uniti un test positivo e un secondo caso sospetto fermano la sfida tra Dc United e Toronto
Gallery
Calcio
18 ore
Questo Lugano fa e disfa, alla fine è 'solo' pareggio
Bianconeri in doppio vantaggio alla pausa, sul 3-0 al 47', ma beffati dalla rimonta del Lucerna (3-3) trascinato da Schürpf. Palo di Lavanchy al 93'
ATLETICA
24.05.2020 - 21:090

La missione di Ajla: 'Voglio conoscermi meglio come atleta'

Tornata in Olanda, la sprinter ticinese Del Ponte spera in un estate con qualche meeting

Bentornata normalità. Dopo una primavera naturalmente durissima per tutti, ma soprattutto per chi, come Ajla Del Ponte, è stato costretto a interrompere tutto sul più bello, senza aver più neppure l’opportunità di allenarsi. Ora che è tornata in Olanda, dove s’allena con il suo allenatore Laurent Meuwly al Centro federale di Papendal, dopo aver potuto fare ritorno in Ticino per trovare i genitori («ero davvero preoccupata per loro», dice la sprinter tesserata per l’Us Ascona), quella parentesi è solo un ricordo. Pur se la quarta svizzera più veloce della storia, come indica l'11''21 sui 100 stabilito due anni fa a La Chaux-de-Fonds, in questa crisi qualcosa l’ha comunque imparato: «Ho preso definitivamente coscienza che non serve essere sempre stressati - spiega - Anche se in verità già lo sapevo, me ne sono resa davvero conto quando finalmente la situazione si è fatta più distesa, e il mio corpo ha reagito meglio di come credessi. E la forma c’è».

Adesso che è tornata a sudare, il suo obiettivo è quello di fare un passo avanti. «È bello tornare a correre in uno stadio, facendolo senza pensarci, col proprio allenatore. Sì, mi sono davvero tolta un peso... I prossimi mesi? Spero che ci sia comunque qualche meeting, non so, ad agosto, oppure settembre. Io spero di poter correre a Losanna, a Bellinzona e a qualche altro apputantamento minore. Perché è primordiale non perdere il legame con la competizione, e con le sensazioni che regala. Anche se adesso, a dire il vero, ho un obiettivo ben preciso: voglio imparare a conoscermi meglio come atleta, lavorando a fondo sulle cose di cui abitualmente non mi occupo, concentrandomi sulle mie debolezze».

Debolezze che il suo coach Laurent Meuwly riassume così. «Ajla deve riuscire a essere più efficace nei primi dieci metri - spiega il tecnico friborghese -. Tecnicamente, poi, il suo piede deve avanzare in maniera più diretta, senza salire tanto in alto quando arretra. Poi, nella seconda parte dei 100 Ajla dovrà riuscire a tenere una frequenza maggiore e a farlo con maggiore scioltezza».

C’è Tokyo nel mirino

Dal suo ritiro di Papendal, alla periferia di Arnhem, la ticinese spera di poter prendere parte a delle competizioni-test che sta cercando di mettere in piede il suo allenatore in Olanda. Anche se, in una stagione comunque rovinata dal Coronavirus, è difficile riuscire a fissarsi dei veri e propri obiettivi a livelli agonistici. «Io comunque continuo ad allenarmi con un preciso obiettivo cronometrico in testa - spiega Ajla -. Infatti bisognerà andare a cercare la qualificazione ai Giochi di Tokyo dell’anno prossimo». Qualificazione che nel caso della ticinese sui 100 dovrà passare da un crono di 11''15.

Di tempo, però, a disposizione ce n’è. «World Athletics ha deciso di congelare il periodo di qualificazione sino a fine novembre - ricorda -. Se riuscissi a centrare quell'11''15 entro fine anno, potrei però affrontare il 2021 con maggior fiducia. E se battessi il mio personale già quest’estate (11''21, ndr) potrei tentare nuovamente di migliorarlo l’anno prossimo. In ogni caso - conclude - non voglio prendere questo 2020 come un anno buttato oppure privo di significato». G.M.

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved