Golf
05.09.2018 - 16:080

Tiger tornerà a ruggire anche in Ryder Cup

Dopo anni difficili per gli infortuni (e non solo) Woods è tornato sui suoi migliori livelli e si è guadagnato la convocazione per la sfida contro l'Europa

La Ryder Cup ritrova Tiger Woods. Il capitano degli Stati Uniti, Jim Furyk, ha rotto gli indugi: la leggenda californiana giocherà la supersfida (a distanza di sei anni dall'ultima volta) contro l'Europa, in programma a Parigi dal 28 al 30 settembre. "Tiger ha meritato la convocazione, grazie ai risultati e al sacrificio mostrato in questi mesi – le parole di Furyk, da Philadelphia, celebrano l'ennesima impresa dell'ex numero uno al mondo–. Non ha mai mollato". E Woods può finalmente esultare. "Ce l'ho fatta – la gioia dello statunitense –, in Francia andremo per vincere". Dal quasi ritiro alla Ryder cup, l'ottava in carriera da giocatore. Quattro operazioni alla schiena, la paura di non farcela e gli scandali extra-green a complicare tutto. Woods se l'è vista davvero brutta ma, con sacrificio e talento, ha raggiunto l'obiettivo, mettendo a tacere tutti gli scettici. Quelli che lo scorso gennaio avevano bollato il suo ritorno come un tentativo disperato di provare a far tornare a parlare solo il campo. Dall'Inferno al Paradiso, questa la parabola della leggenda californiana. Che nel dicembre 2017 era 1'199° al mondo e ora, a distanza di 8 mesi, è 26°.

Per quel che riguarda la selezione europea che si opporrà a quella statunitense, le ultime scelte del capitano Thomas Bjorn sono cadute su Paul Casey, Sergio Garcia, Ian Poulter ed Henrik Stenson, ai quali sono state assegnate le quattro wildcard a disposizione.

Tags
ryder
woods
tiger
ryder cup
cup
© Regiopress, All rights reserved