Winterthur
3
Zugo Academy
2
fine
(1-1 : 0-1 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
GCK Lions
6
Langenthal
8
fine
(1-1 : 2-5 : 3-2)
Turgovia
4
Ticino Rockets
1
pausa
(2-1 : 2-0)
Ajoie
0
Kloten
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
Visp
2
Olten
0
pausa
(2-0)
Winterthur
LNB
3 - 2
fine
1-1
0-1
1-0
0-0
1-0
Zugo Academy
1-1
0-1
1-0
0-0
1-0
1-0 ROOS
2'
 
 
 
 
17'
1-1 OEJDEMARK
 
 
26'
1-2 OEJDEMARK
2-2 NIGRO
54'
 
 
2' 1-0 ROOS
OEJDEMARK 1-1 17'
OEJDEMARK 1-2 26'
54' 2-2 NIGRO
Ultimo aggiornamento: 20.01.2019 18:18
GCK Lions
LNB
6 - 8
fine
1-1
2-5
3-2
Langenthal
1-1
2-5
3-2
1-0 MEIER
5'
 
 
 
 
16'
1-1 KUNG
2-1 BUSSER
23'
 
 
3-1 GEIGER
25'
 
 
 
 
28'
3-2 STERCHI
 
 
31'
3-3 PELLETIER
 
 
34'
3-4 KELLY
 
 
35'
3-5 GERBER
 
 
40'
3-6 RYTZ
 
 
42'
3-7 PELLETIER
 
 
44'
3-8 KUMMER
4-8 BERNI F.
45'
 
 
5-8 SUTER
56'
 
 
6-8 PUIDE
59'
 
 
5' 1-0 MEIER
KUNG 1-1 16'
23' 2-1 BUSSER
25' 3-1 GEIGER
STERCHI 3-2 28'
PELLETIER 3-3 31'
KELLY 3-4 34'
GERBER 3-5 35'
RYTZ 3-6 40'
PELLETIER 3-7 42'
KUMMER 3-8 44'
45' 4-8 BERNI F.
56' 5-8 SUTER
59' 6-8 PUIDE
Ultimo aggiornamento: 20.01.2019 18:18
Turgovia
LNB
4 - 1
pausa
2-1
2-0
Ticino Rockets
2-1
2-0
1-0 MEROLA
13'
 
 
2-0 KENNETH
14'
 
 
 
 
20'
2-1 WETTER
3-1 WYDO
21'
 
 
4-1 KENNETH
32'
 
 
13' 1-0 MEROLA
14' 2-0 KENNETH
WETTER 2-1 20'
21' 3-1 WYDO
32' 4-1 KENNETH
Ultimo aggiornamento: 20.01.2019 18:18
Ajoie
LNB
0 - 0
2. tempo
0-0
0-0
Kloten
0-0
0-0
Ultimo aggiornamento: 20.01.2019 18:18
Visp
LNB
2 - 0
pausa
2-0
Olten
2-0
1-0 LINDEMANN
5'
 
 
2-0 CAMPERCHIOLI
12'
 
 
5' 1-0 LINDEMANN
12' 2-0 CAMPERCHIOLI
Ultimo aggiornamento: 20.01.2019 18:18
Tecnologia
15.07.2018 - 21:400

Allarme rosso per i cyber attacchi

Il segnale di pericolo giunge dalla National Intelligence statunitense: la situazione ricorda quella precedente all'11 settembre

Il segnale lampeggia rosso, si è raggiunto un punto critico. È il direttore della National Intelligence negli Usa, Dan Coats, a lanciare in questi termini l’allarme sulla minaccia dei cyber-attacchi, paragonando i "segnali d’allarme" a quelli che precedettero l’11 settembre. "I segnali d’allarme ci sono. Il sistema lampeggia. Credo allo Hudson Institute a Washington. Oggi l’infrastruttura digitale che serve il nostro Paese è letteralmente sotto attacco", ha spiegato. "Fu nei mesi precedenti all’11 settembre che, stando all’allora direttore della Cia George Tenet, il sistema lampeggiò rosso. E quasi due decenni dopo, sono qui a dirvi che l’allarme rosso lampeggia nuovamente".

Coates ha quindi fatto riferimento a Russia, Cina, Iran e Corea del Nord, fra coloro che "continuano nei loro sforzi per minare la nostra democrazia", descrivendo la Russia come "l’attore straniero più aggressivo, senza dubbio. Paesi che ogni giorno – ha detto – si introducono nelle nostre infrastrutture digitali e conducono una gamma di cyber-intrusioni e attacchi contro obiettivi negli Usa". Obiettivi che includono il governo federale, l’esercito, amministrazioni locali e statali ma anche aziende americane, ha spiegato ancora Coats. Alla luce della recente incriminazione di 12 agenti di intelligence russi nell’ambito dell’inchiesta sul Russiagate, il capo dell’intelligence Usa ha però sottolineato che "concentrarsi sul potenziale effetto di queste azioni nelle nostre elezioni di midterm vuol dire mancare il punto più importante: sono azioni insistenti e pervasive, mirate a minare la democrazia americana su base quotidiana, che sia periodo elettorale o meno". E ha aggiunto: "Ciò che è grave rispetto ai russi è il loro intento", ovvero "minare i nostri valori basilari, minare la democrazia, creare un cuneo fra noi e i nostri alleati".

Tags
allarme
intelligence
democrazia
attacchi
allarme rosso
settembre
usa
minare democrazia
© Regiopress, All rights reserved