i-pompieri-gysin-e-sirica-per-spegnere-le-braci-di-schonenberger
Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
13.05.2022 - 05:30

I pompieri Gysin e Sirica per spegnere le braci di Schönenberger

Dall’Ucraina per girare mezzo Ticino prima di trovare un alloggio definitivo. E ancora: dalle Terre di Pedemonte al Wankdorf passando per... Torino

Dopo il polverone sollevato dalle dichiarazioni di Nicola Schönenberger, Fabrizio Sirica e Greta Gysin cercano di calmare le acque: tra Partito socialista e Verdi i rapporti «sono molto buoni». La presidente dei Verdi, a tal proposito, assicura: «A livello cantonale ci sono dei contatti in vista delle elezioni cantonali dell’anno prossimo. Contatti costruttivi e proficui, questa è la realtà».

Dall’Ucraina al Mendrisiotto. Per poi ripartire in direzione del Sopraceneri. È l’Odissea che rischia di dover fare una donna in fuga dalla guerra, prima accolta da una famiglia momò ma che ora rischia di dover... emigrare a nord del Ceneri per seguire l’indispensabile iter per finalmente ricevere un appartamento tutto suo; prima a Cadenazzo, al Punto di affluenza, poi ad Airolo o ad Aurigeno. Il tutto con la Perfetta di Arzo a due passi...

Le Terre di Pedemonte si chinano sul Piano regolatore, e in particolare sulle sue varianti per la riqualifica del comparto Maggia/Melezza. Quelle che, qualora le intenzioni del Municipio dovessero essere confermate, potrebbero significare ultimi calci al pallone sul campo da calcio in zona Ai Gabi a Tegna, che dovrebbe far posto a un’area di svago/ricreativa.

Domenica è il grande giorno: quello che assegnerà la Coppa Svizzera di calcio 2022 a uno tra Lugano e San Gallo. All’antivigilia della sfida che vale una stagione, nell’edizione odierna ripercorriamo con uno dei protagonisti, Pier Tami, l’ultimo storico sussulto dei bianconeri nella competizione: il 31 maggio 1993 al Wankdorf contro il Grasshopper.

C’è un Eurovision Song Contest anche dietro le quinte, e non è meno importante di chi si esibisce sul palco del PalaOlimpico. Abbiamo incontrato Duccio Forzano, insieme a Cristian Biondani alla regia del più grande show televisivo non sportivo.

Buona lettura!

Leggi anche:

Schönenberger, Gysin e Sirica: ‘I rapporti restano buoni’

Terre di Pedemonte, si ridisegna il comparto Maggia/Melezza

‘Noi l’avevamo vinta già prima di scendere in campo’

Eurovision: Duccio Forzano, raccontare lo spettacolo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fabrizio sirica greta gysin maggia/melezza pier tami profughi tegna ucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved