Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
Newsletter
20 ore

Lugano e cultura alternativa, fra proposte e chiusure (poche)

I gruppi del legislativo cittadino si esprimono sul tema. Su laRegione di oggi, spazio anche alla ciclopista Grigioni-Ticino e l’affaire Aim a Mendrisio
Newsletter
1 gior

‘Esserci’, le prime impronte di Timbal alla Rsi

Su laRegione l’intervista al direttore Rsi, il Ticino con i salari più bassi della Svizzera, le difficoltà economiche degli avannotti e lo sportwashing
Newsletter
2 gior

Psicoterapeuti in formazione e LaMal, qualcosa non va

Dalle zone grigie delle nuove norme all’‘affaire’ Ail a Mendrisio. E ancora: case per anziani, elezioni cantonali 2023 e due donne... fuori dal comune.
Newsletter
3 gior

Sirica: ‘Su Unitas si faccia chiarezza al più presto’

Nell’edizione odierna anche l’aggregazione in alta Mesolcina, il rinnovo delle funivie centovalline e la nuova docu-serie incentrata sul mondo del tennis
Newsletter
5 gior

L’alto Ticino strizza sempre più l’occhio ai camper

Dalle aree di sosta attrezzate al ‘caso Unitas’. Nel giornale di oggi però spazio anche all’ex Albergo Eden di Paradiso e alla morte di David Crosby
Newsletter
6 gior

A Lugano si riaccende il dibattito sul destino dell’ex Macello

Per uno degli argomenti chiave sulle sponde del Ceresio spunta un’ipotesi... Straordinaria. Parliamo di sentenze e trasparenza, turismo moesano e razzismo
Newsletter
1 sett

La “connection” svizzera di Matteo Messina Denaro

Torniamo poi su Unitas dove grandinano critiche dopo la volontà affossare un’interpellanza al Consiglio di Stato
Newsletter
1 sett

Socialisti a Lugano, fra bilanci e sfide per il futuro

Oggi su laRegione intervista a Cristina Zanini Barzaghi. E ancora Mendrisio, con il +2 al moltiplicatore 2023, il caso ‘Coronaleaks’, e le donne in Iran
24.02.2022 - 23:02

Giorgio Merlani per chiudere il cerchio della pandemia

Il Ps lancia l’offensiva a favore di un costante aggiornamento di privati e aziende. A Brissago, invece, si vogliono rilanciare turismo e commerci

giorgio-merlani-per-chiudere-il-cerchio-della-pandemia

L‘ultima tappa del viaggio lungo i due anni della pandemia si chiude con un’intervista a Giorgio Merlani. Esattamente due anni dopo l’annuncio del primo caso di positività al virus in Svizzera (e in Ticino). Una chiacchierata a tutto tondo con il medico cantonale, per parlare del presente ma anche del futuro: «Quando l’Organizzazione mondiale della sanità annuncerà la fine della pandemia mi prenderò il tempo necessario per valutare i passi futuri, tenendo in considerazione anche nuove opportunità e sfide professionali. Posso immaginare che anche i ticinesi saranno stufi di vedere la mia faccia», sottolinea Merlani. Che, poi, traccia un bilancio di questi due anni vissuti all’insegna del coronavirus.

L’offensiva del Ps per incentivare persone e aziende a rimanere sempre aggiornati si fa in tre. Come gli atti parlamentari (un’iniziativa elaborata e due mozioni), con misure concrete, proposte precise e obiettivi chiari a cui tendere. Gli obiettivi dichiarati sono quelli di sostenere la formazione fino a 60 anni, aiutare chi ha problemi con le competenze di base e l’istituzione di bonus formativi per dipendenti e aziende. Ne parliamo con Anna Biscossa.

Brissago vuole rilanciarsi. E per riuscire in questo intento, il Municipio (con l’aiuto di un esperto del settore) ha deciso di avviare un’iniziativa destinata agli operatori sociali del turismo e dei commerci, analisi che consentirà a istituzioni e addetti alla promozione turistica di capire in che modo programmare gli investimenti e quali strumenti mettere a disposizione agli operatori per facilitare il loro lavoro.

Dall’Ucraina, dove le truppe di Putin sono ormai ovunque, vi proponiamo il diario di una giornalista, si chiama Anna Korbut: ‘Ho chiamato mia madre, che vive a Charkiv, per dirle di scappare con me in Occidente, ma per lei è troppo pericoloso muoversi ora. Vorrei uscire, ma dicono di stare a casa per il rischio che ci siano in giro dei cecchini. La gente si ripara in metropolitana’.

Dalle bombe a ‘Quelo, Vulvia e tutto il resto: LOL, chi (non) ride è fuori’. Per chi ridesse poco o quasi mai, e o non avesse Prime Video perché in Svizzera i tre quarti dei film sono in tedesco senza sottotitoli, ‘LOL – Chi ride è fuori’ è un programma televisivo che fa molto ridere. Su Prime Video è disponibile la seconda stagione del format. Ed è la benvenuta.

Buona lettura!

Leggi anche:

Tra politica e scienza: Merlani, due anni dopo

Formazione professionale e continua, ecco l’offensiva del Ps

Il reportage: una giornata di guerra in Ucraina

Quelo, Vulvia e tutto il resto: LOL, è fuori chi non ride

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved