omofobia-arrivano-le-prime-denunce-anche-in-ticino
Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
Newsletter
7 ore

I numeri delle Officine Ffs. E dei regali di Natale

Quante persone lavoreranno nelle nuove Officine che le Ffs intendono realizzare a Castione? E siete sicuri di avere tutti i pacchetti per il 25?
Newsletter
1 gior

Verso stabili più flessibili e Comuni innovativi

Edifici funzionali, belli ed economici, è la sfida dei progettisti. Mentre i Comuni di Mendrisio e Novazzano vincono un concorso sull’energia rinnovabile
Newsletter
4 gior

Ogni anno buttiamo nella spazzatura 330 chili di cibo buono

Care lettrici e cari lettori buongiorno
Newsletter
5 gior

Il peso finanziario (per lo stalker) del braccialetto

Le Harley fanno sentire il loro rombo per Telethon. Acque sempre agitate a Locarno per il Cbr. Riflettori accesi a Lugano su Paolo Beltraminelli
Newsletter
6 gior

Freddo e spazi ristretti per un tampone al San Giovanni

Critiche al nosocomio di Bellinzona. Lugano, altri dettagli sull’inchiesta del rogo al ‘White’. Il commento di Daniel Ritzer sulle nuove restrizioni
Newsletter
1 sett

Cambiamento ai vertici del Centro balneare. A Locarno è polemica

Tutti i vantaggi del secondo tunnel del Gottardo e il commento di Aldo Sofia sulla variante Omicron
Newsletter
1 sett

Centrale di pronto intervento e over 55 senza lavoro

Ps e Ppd chiedono, con un’iniziativa parlamentare, una rendita ponte cantonale per i disoccupati più anziani
Newsletter
1 sett

Da Maradona a Roveredo passando col giallo

Un anno fa moriva il più grande calciatore di tutti i tempi. Mentre un piccolo paese grigionese guarda al futuro
Newsletter
18.10.2021 - 05:300

Omofobia, arrivano le prime denunce. Anche in Ticino

Tra le persone segnalate, anche un professore della Facoltà di teologia di Lugano. E poi il Ceneri che ancora divide, le settimane bianche a Bellinzona…

La “mafia gay” composta di “parassiti della società”: parole forti che costituirebbero una discriminazione basata sull’orientamento sessuale ai sensi dell’articolo 261bis del Codice penale, la legge contro l’omofobia entrata in vigore nel luglio del 2020. Così la pensa l’associazione Pink Cross, la federazione svizzera di omo e bisessuali, che ha sporto numerose denunce, molte delle quali relative alla campagna per la votazione sull’iniziativa “matrimonio per tutti”. Una di queste denunce riguarda il Ticino: Manfred Hauke, direttore di una rivista bimestrale cattolica in lingua tedesca e del suo sito web – e docente alla Facoltà di teologia di Lugano, la quale non prende posizione sul caso specifico anche se ricorda la propria contrarietà a qualsiasi forma discriminatoria – in cui è apparso l’articolo con i virgolettati da cui siamo partiti.

Segnalazioni anche all’Istituto leventinese per anziani, ma questa volta si tratta dei dipendenti delle tre strutture di Faido, Giornico e Prato sulle situazioni da loro ritenute problematiche nella gestione della struttura, degli ospiti e delle risorse umane. Ma c’è anche chi, temendo ritorsioni, ha deciso di non esporsi. Si era invece esposta la Vpod: il sindacato si era infatti opposto a una risoluzione del Consiglio di Stato sullo sciopero dei dipendenti cantonali. Risoluzione del 2012: il ricorso ha avuto un iter travagliato e il sindacato ha deciso di ritirarlo, chiedendo un incontro con il governo per discutere del tema. A proposito di sindacati: c’è una formica rossa per chi pensa che alcuni siano troppo ricchi.

Restando nel Sopraceneri, c’è la questione delle settimane bianche bellinzonesi: il collegio dei direttori ha deciso di concentrarsi sulle settimane verdi, lasciando perdere le attività legate allo sci. Ma il Consiglio comunale potrebbe nuovamente dire la sua. Andiamo nel Sottoceneri, soffermandoci un attimo su questa montagna che separa, geograficamente e culturalmente, il Ticino: ce ne parla lo storico Orazio Martinetti autore del libro ‘Il Ticino sottosopra’. Intanto a Chiasso si sono festeggiati, con Stefano Bollani, i vent’anni dalla riapertura del Cinema Teatro: vi raccontiamo come è andata.

Infine, per i commenti abbiamo Aldo Sofia che ci parla, a proposito delle proteste dei “no pass" in Italia, del vistoso fascismo che non esiste.

Buona lettura e ci rileggiamo domani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved