Honda CBR 650R
Auto e moto
22.11.2018 - 11:050

EICMA Milano

Presentati al salone del motociclo di Milano le novità per il 2019. In questa pagina vi sveliamo quelle principali di casa Honda, Yamaha, Kawasaki, Suzuki, BMW, Ducati, KTM, Harley-Davidson e gruppo Piaggio.

EICMA, il principale salone per le moto è giunto alla 76a edizione e ha appena calato il sipario. Sono stati 1’278 i brand presenti, per oltre la metà esteri e provenienti da ben 44 paesi.

In casa Honda la nuova CB 650R “neo Sports Café” va a completare la gamma delle eleganti naked della casa di Tokyo. La nuova sportiva carenata CBR 650R è ispirata nel look alla Fireblade ed è spinta dal 4 cilindri in linea di 650 cc potenziato a 95 cavalli. Qualche miglioria anche per la supersportiva CBR 1000RR Fireblade, sia per la versione standard che SP, con aggiornamenti per l’elettronica. Infine aggiornata anche la gamma delle bicilindriche da 500 cc: CB 500X, CB 500F e CBR 500R.
Yamaha ha presentato la nuova adventure Ténéré 700, con poche differenze rispetto al concept T7 presentato all’EICMA dello scorso anno. La Ténéré è spinta dal bicilindrico frontemarcia CP2 di 698 cc. Allo stand Yamaha era presente anche la nuova versione GT della Niken: la moto a tre ruote che monta parabrezza alto, borse laterali semirigide da 25 litri, maniglioni per il passeggero e manopole riscaldate per il pilota.
Kawasaki ha svelato cinque novità. La prima è la Ninja ZX-6R, supersportiva di media cilindrata di 636 cc con una potenza di 130 cavalli: monta cambio Quick Shifter, frizione antisaltellamento, controllo di trazione KTRC, il tutto abbinato a una ciclistica pensata per il circuito. La seconda novità è la Z400, naked bicilindrica che, rispetto alla Z300 è più potente e leggera. Tolto il velo a due nuovi modelli della famiglia W, la W800 Street e la W800 Café, che riprendono lo stile della W1 650 del 1966 ma naturalmente con ABS e motore Euro4. C’è poi l’ultima versione della linea Ninja H2 SX, promette di essere la “hyper tourer definitiva” con un motore da 200 cavalli con sospensioni elettroniche. Infine in arrivo la nuova generazione della Versys 1000, disponibile anche in versione SE con sospensioni anteriori e posteriori regolabili elettronicamente; la nuova “tuttoterreno” ha nuovi fari a led e cruise control.
In casa Suzuki è stata presentata la nuova Katana, reinterpretata con uno stile che riprende l’epocale sportiva dei primi anni 80, sulla base tecnica moderna della naked GSX-S 1000. La versione 2019 della supersportiva GSX-R1000 dispone ora dell’assistenza in scalata per il Quick Shifter.
La regina dello stand BMW è stata senza dubbio la nuova S 1000RR. La superbike della casa di Monaco si è rinnovata dall’estetica fino al motore, che ora sviluppa 207 cavalli ed è più leggera di 10 chilogrammi. La R 1250 GS e la sorella RT sono dotate del nuovo propulsore a fasatura variabile di 1’254 cc. Questa nuova unità motrice sarà montata su tutti i modelli della famiglia R, cioè la naked R 1250R e la semicarenata R 1250 RS. Nel segmento scooter è in arrivo il C 400GT, la versione turistica del C 400X.
La casa di Borgo Panigale ha presentato la Ducati di serie più potente mai prodotta, la superbike Panigale V4 R sprigiona 221 cavalli che diventano 234 con lo scarico full-racing Ducati Performance by Akrapovic. Aggiornamenti anche per le moto spinte dal bicilindrico testastretta da 937 cc, come Hypermotard 950 e la Multistrada 950, quest’ultima con l’arrivo della versione 950S con sospensioni elettroniche si avvicina alla sorella maggiore in termini di dotazione e raffinatezza.
KTM ha presentato la nuova 790 Adventure, disponibile anche in versione R, è dotata di sospensioni completamente regolabili e di cambio Quick Shifter. Le altre novità per il 2019 sono la Supermotard 690 SMC R e la 690 Enduro R, votate rispettivamente ad un utilizzo stradale e fuoristrada: in comune hanno il monocilindrico di 690 cc capace di erogare 74 cavalli.
La vera novità in casa Harley-Davidson è la nuova LiveWire che è spinta da un motore elettrico collocato nella parte inferiore della moto per abbassare il baricentro e migliorare la maneggevolezza.
A Noale hanno rinnovato l’Aprilia RVS4 Factory portando la cilindrata da 1000 a 1100 cc, ora monta un propulsore di 1078 cc che eroga ben 217 cavalli, dispone di nuovi freni e un nuovo setting della ciclistica.
Tra le novità in prospettiva futura l’Aprilia RS 660, un Concept che vuole segnare il ritorno di Aprilia nelle medie cilindrate sportive per rinverdire i fasti delle RS a due tempi. Un modello che si preannuncia interessante e che si farà attendere con interesse per la sua produzione di serie.
Per quanto riguarda la moto Guzzi la regina dello stand è stata la nuova cross­over V85 TT, modello che segna il ritorno della casa nel segmento adventure: monta un nuovo bicilindrico a V da 853 cc, eroga 80 CV e dispone di una buona coppia (80 Nm a 5’000 giri) e di un peso contenuto (208 chilogrammi a secco).

Ixon presenta l’airbag
elettronico IX-Airbag U03

Presentano l’airbag elettronico intelligente da indossare sotto qualsiasi giacca. Il sistema è completamente autonomo (niente cavi, né installazione di sensori sulla moto).
L’airbag, si apre in meno di 55 millisecondi, per proteggere le zone del torace, dell’addome, della colonna vertebrale, delle vertebre cervicali e delle clavicole.

Tags
casa
versione
cavalli
cc
novità
moto
eicma
motore
naked
sospensioni
© Regiopress, All rights reserved