laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
5 ore
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
14 ore
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
1 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
1 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
2 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
3 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
4 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
6 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
1 sett
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
1 sett
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
1 sett
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
L'editoriale
31.07.2018 - 06:300

Primo di agosto: neologismi e déjà-vu

Scritta che appare sul Muro di Berlino: «Chi vuole che il mondo rimanga come è, non vuole che il mondo rimanga».

C’è una parola coniata di recente che va di moda nel politichese. Più che una parola è un concetto, un modo di pensare il proprio essere nella comunità: la parola è sovranista. Chissà se qualcuno prenderà al balzo la palla del Primo di agosto per lanciarla anche da noi.

Di per sé la sovranità non è una brutta cosa. Anzi, è meravigliosa, se ad essere sovrano è il popolo e non chi sta sopra e comanda, tenendo magari i cittadini nell’ignoranza e pensando che, in fondo, l’importante è che obbediscano (‘panem et circenses’, lo dicevano già i romani). La democrazia diretta elvetica è sicuramente un bell’esempio di sovranità e sana dialettica. Nella società digitale, però, il popolo può essere influenzato più facilmente anche con una serie di notizie sputate dalla rete e confezionate ad hoc, a seconda di quanto l’algoritmo e i suoi padroni hanno stabilito. Così uno nemmeno si accorge di essere nel mirino di un nuovo sistema di addomesticamento dell’opinione pubblica e quindi anche dell’elettorato. Il caso Cambridge Analytica, con l’uso di dati sensibili per influenzare il pensiero degli elettori Usa a favore del candidato repubblicano, è un esempio da manuale.

Ma torniamo al mondo dei sovranisti e al neologismo in voga. La parola indica chi desidera essere ‘solo padrone in casa propria’ (lo slogan da anni usato dalle varie leghe) e significa anche che prima viene il proprio Paese. È questo, per esempio, anche il concetto base dell’America first di Trump, che nel nostro microcosmo si è concretizzato, quasi ante litteram, in ‘prima ai nostri’. Che dire? Discutiamone, l’arena politica è fatta per questo. Come in ogni frangente, è però sempre questione di proporzioni. Trump, ad esempio, dopo averle sparate grosse coi dazi sta ora tornando sui suoi passi. Questo perché – che scoperta! – il mondo è particolarmente interconnesso e si regge sugli scambi fra Stati: se tu riservi privilegi per i tuoi accoliti, anche il tuo vicino farà altrettanto e ci si troverà presto al punto di partenza.

Il lato oscuro (e rischioso!) del ‘sovranismo’ è quello spinto, che si tira dietro una feccia che nel ragionamento avanza a oltranza, marciando su terreni minati. Terreni che ci fanno tornare indietro di secoli, mettendo in discussione i principi di eguaglianza dei cittadini di fronte a legge e Stato, il divieto di discriminazione legato a censo, colore della pelle, fede religiosa. Alle tesi dei sovranisti plaudono anche i suprematisti (altro neologismo): ovvero coloro – e non mancano anche qui – che tornano a sostenere che i bianchi dovrebbero vivere coi bianchi, i neri coi neri, i musulmani coi musulmani e via di questo passo (d’oca). A dire che non può né deve essere così, non vi sono solo i valori e i principi su cui si fondano le moderne democrazie, ma anche la realtà dei fatti in continuo, anzi perenne, rimescolamento e motore medesimo dell’avventura umana. Così è, ci piaccia o meno. Compito di una società matura è quello di accogliere (entro limiti gestibili) e di trasmettere ai nuovi arrivati i principi e valori della civile convivenza, pretendendo che vengano rispettati. Hanno valore alto, sono frutto di battaglie e li abbiamo ricevuti come un’eredità da consegnare a chi dopo di noi verrà. Guai a far tornare indietro le lancette dell’orologio, masticando una parola che sembra bella, ma che nella storia ce ne ha già fatte vedere di tutti i colori. Il sovranismo, non a caso, rima con nazionalismo. E altri ismi. In bucalettere ci è giunta ieri una cartolina da Berlino, dal Muro. «Chi vuole che il mondo rimanga come è, non vuole che il mondo rimanga». In altre parole: la vita non è fissità, è flusso. Nuotiamoci degnamente per il tempo che ci è dato.

Buon Natale della Patria a tutti!

© Regiopress, All rights reserved