laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
5 ore
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
20 ore
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
20 ore
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
1 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
3 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
3 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
5 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
6 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
1 sett
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
L'editoriale
11.11.2014 - 10:490
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:08

Quando suona la campanella

Ma a cosa serve la scuola? Ce lo chiediamo dopo aver letto che chi è più ricco ha maggiori possibilità di frequentare le scuole medie superiori. Lo rivela uno studio, anticipato dai domenicali, realizzato da Confederazione e Cantoni, secondo cui, negli ultimi due anni della scuola dell’obbligo, chi è figlio di un benestante può più facilmente accedere alle scuole superiori, perché può beneficiare di aiuti (pagati direttamente dai suoi), ossia di lezioni private. E all’origine di questa corsa, o rincorsa, alla costosa stampella c’è ovviamente la convinzione (giustissima) che, se il proprio pargolo riuscirà un domani ad avere perlomeno una maturità in tasca, avrà qualche difficoltà in meno ad affacciarsi sul duro mondo del lavoro e la sua giungla. Dietro questa constatazione c’è però un’ingiustizia a tutti evidente. Chi non può permettersi lezioni private, perché appartiene a una famiglia di condizioni economiche modeste, per farcela a scuola deve necessariamente essere capace e intelligente. Perché, se per disgrazia uno nasce da genitori con disponibilità limitate e in più non ce la fa a scuola (perché non ci arriva da solo), da un punto di vista professionale sarà condannato a rimanere al palo, proprio come i suoi. Altro che parità di opportunità!

Ecco perché è importante che la scuola abbia docenti in gamba. Capaci di insegnare e di realizzare anche quell’alto obiettivo che è di riuscire a offrire a tutti le medesime chance di successo quando si è ai box della vita. Molto in concreto significa che il docente deve essere il primo a saper trasmettere il suo sapere a tutta la classe. Ma, diciamocelo, non è sempre il caso. Ci sono docenti che di fatto obbligano, perché spiegano male, un certo numero di allievi ad affidarsi a docenti privati per cercare di stare perlomeno a galla. Simili situazioni spingono, sempre chi ha una certa disponibilità finanziaria, a provare prima con le lezioni private e poi, se proprio non va, con il trasferimento del pargolo in una scuola privata, che permette di seguire i figli col doposcuola portandoli il più possibile avanti.

Ma è questo che si vuole? Arrivare di fatto a minare la scuola pubblica dall’interno? Ebbene: sarebbe allora il caso, se lo studio dice qualcosa di vero anche per la scuola ticinese, che le direzioni scolastiche cercassero di capire chi sono quei docenti che non sanno fare, o non vogliono fare, il proprio lavoro e che per queste ragioni obbligano gli allievi a farsi spiegare da altri, pagandoli e al di fuori da scuola, quello che dovrebbero invece già facilmente apprendere fra le mura scolastiche. Come? Si potrebbe porre ai genitori (assicurando alle famiglie discrezione) una serie di domande sulla qualità dell’insegnamento ricevuto: «Come insegna il docente x? Per i test è sufficiente seguire le lezioni a scuola o sono necessarie lezioni private? Quando: regolarmente o saltuariamente?» A farlo, in primis, dovrebbero essere le direzioni e gli ispettorati. Se però non funziona, visto che i casi (seppur isolati) sono comunque noti là dove negli anni si trascinano di generazione in generazione e nelle classifiche sussurrate nei cortili scolastici, pensiamo potrebbero muoversi le associazioni dei genitori. Il campanello d’allarme è da prendere molto sul serio.

© Regiopress, All rights reserved