laRegione
tra-trump-e-biden-putin-rimette-ordine-nel-suo-ex-impero
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
5 ore

KKS ferma la ‘società civile’

Imprese responsabili, la consigliera federale è la grande vincitrice. Ma le Ong confermano la loro forza d’urto.
Commento
3 gior

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19
il commento
4 gior

Non idonea è anche la Commissione

Il concorso verrà rifatto. Una scelta opportuna, ma che solleva interrogativi anche sulla Commissione giudiziaria.
Il ricordo
4 gior

Hasta siempre, Diego

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo
Il ricordo
4 gior

Ho visto Maradona, ho visto Maradona

Simbolo di rivalsa sociale, simbolo di Napoli, città alla quale ha voluto bene. Imperfetto, autodistruttivo, a volte patetico. Ma il più grande di sempre.
Commento
4 gior

Se per Ungheria e Polonia Bruxelles ‘è come l’Urss’

Lo scontro sullo Stato di diritto blocca i fondi dell'Unione Europea per il rilancio post-Covid
Commento
5 gior

Accoltellamento alla Manor, il peso del sospetto!

Continuiamo a condurre la vita di prima, amandola e onorandola secondo le nostre regole della civile convivenza e dello stato di diritto
Commento
5 gior

Non siamo oggetti, basta brutalità contro le donne!

La violenza domestica uccide più della strada, una piaga sociale che divora generazioni. Inizia prima dello schiaffo, negando ad esempio la parità salariale
L'analisi
6 gior

Il vaccino russo è quasi pronto, la sua produzione no

Forti dei loro studi sulla Sars, gli scienziati russi sono partiti avvantaggiati sulla ‘concorrenza’. Ma ora mancano le infrastrutture
L'analisi
14.11.2020 - 06:000

Tra Trump e Biden, Putin rimette ordine nel suo ex impero

Risolta al momento la questione del Nagorno-Karabakh, adesso toccherà alla Bielorussia, poi alla Kirghisia e, chissà, alla Moldova.

Posizione attendista nei confronti del prossimo inquilino della Casa bianca; azione estremamente attiva in politica estera, soprattutto nel 'vicino estero'. Il Cremlino ha scelto la sua linea da qui al 20 gennaio prossimo, quando il 46esimo presidente Usa si insedierà alla Casa bianca. Così, mentre le istituzioni americane chiariscono l’esito delle elezioni, la Russia mette intanto ordine in casa propria, nel suo “cortile interno”, ossia lo spazio ex sovietico, dove, dal crollo dell’Urss nel 1991, non vuole interferenze esterne.
Risolta al momento la questione del Nagorno-Karabakh, adesso toccherà alla Bielorussia, poi alla Kirghisia e, chissà, alla Moldova. Con Donald Trump Vladimir Putin aveva fatto un patto non scritto per non pestarsi i piedi dopo la crisi ucraina del 2014, quando Barack Obama era presidente. In pratica, per 4 anni, gli Usa si sono tenuti fuori dall’ex Urss. In futuro difficilmente Joe Biden, che ha avuto in passato un rapporto non semplice con Putin, rispetterà tale patto. Ecco perché le lancette della storia hanno iniziato a correre in maniera folle, tanto da ridimensionare o quasi in poche ore uno dei “conflitti congelati” più vecchi nell’ex Urss, quello del Nagorno-Karabakh.
Se si fa un consuntivo dei rapporti bilaterali con Trump e si guarda oltre il 20 gennaio ci si rende conto che il bilancio è fallimentare, e troppe sono le partite, in particolare in campo strategico, da vincere insieme. Il Russiagate, lo scandalo collegato alle presidenziali del 2016, ha costretto il tycoon newyorkese a mantenere le distanze da Putin per non venire accusato dai Democratici di essere stato aiutato dai russi nella sua elezione. Così pochi sono stati i contatti diretti tra i due leader per quattro anni. Il primo incontro – raccontano le solite 'gole profonde' – in una toilette in Asia sud-orientale a margine di un vertice del Pacifico.
I due leader si saranno pure piaciuti personalmente, ma Trump non ha cancellato le tante sanzioni finanziarie ed economiche (volute da Obama) che hanno messo in difficoltà l’economia russa. Anzi, ha imposto pure quelle energetiche. Inoltre il 45esimo presidente ha cancellato unilateralmente il trattato Inf, quello del 1987 sui missili a corto e medio raggio, facendo ripiombare il Vecchio continente nell’incubo degli “euromissili” negli anni Ottanta.
Putin ha rilanciato nelle scorse settimane sulle questioni strategiche. Ha proposto: impegno su base volontaria di Russia e Usa a non dislocare missili (vietati dall’Inf) in Europa; allungamento di un anno dello Start-3 – sulla riduzione degli arsenali – in scadenza il 5 febbraio 2021. Ma da Washington non sono giunte vere risposte. Trump vorrebbe eliminare anche quest’ultimo trattato, Biden – grande esperto di disarmo e fine conoscitore della Russia fin dal lontano 1973 – vorrebbe, al contrario, conservarlo.
Ma dal punto di vista geopolitico e da quello della sfida con la Cina gli occidentali hanno necessità di recuperare un rapporto decente con la Russia, per non buttarla definitivamente tra le braccia di Pechino. Teoricamente servirebbe un altro patto di non aggressione nello spazio ex sovietico e di abbandono delle sanzioni reciproche. L’avvelenamento, però, di Aleksej Navalnyj non lascia spazio a eccessivo ottimismo.

© Regiopress, All rights reserved