ferocia-jihadista-contro-la-francia-laica
Keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
2 ore

Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra

La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
DISTRUZIONI PER L’USO
2 ore

Classici e razzismo: precisazioni su Howard (e Marion)

L'università afroamericana non chiude il dipartimento di ‘Classics’ per via della ‘cancel culture’. Ma in Italia e in Ticino si preferisce non verificare
Commento
1 gior

Il non rinnovo di Pelletier, un epilogo in parte già scritto

Non si tratta di un fulmine a ciel sereno, ma la fine di un capitolo probabilmente solo rimandato dalla pandemia
Commento
1 gior

I guardiani della risata

Per molti, se una battuta non ci fa ridere, non deve ridere nessuno. Ma per il comico Ricky Gervais "se ti senti offeso, non è detto tu abbia ragione"
La formica rossa
2 gior

C’era una volta il fioretto, ora la spada affonda il Triciclo

Gli accordi saltano quando si parla di poltrone. E di Centro. Serve leggere tra le righe, non solo in un pomeriggio dei lunghi coltelli come quello di ieri
Commento
2 gior

La storiella, la campana e il coraggio politico (che ci manca)

Del presidente americano Biden la rivoluzionaria svolta: 'È tempo di costruire un’economia che cresca dal basso verso l’alto'
Commento
3 gior

Fedez mente libera, trent'anni dopo Elio

Al Concertone del 1991 gli Elii cantarono 'ti amo' ai furfanti della Prima Repubblica; sabato scorso, il rapper le ha cantate alla Lega. Senza autotune.
Commento
3 gior

Legittima difesa, bastava un condizionale

La sentenza del Tribunale federale e lo scivolone del Consiglio di Stato ridanno ossigeno all'iniziativa di Ghiringhelli.
Commento
5 gior

Non salvate il soldato Pérez

La Super Lega è stata bocciata da tifosi, investitori e da quasi tutti i fondatori. Ma il presidente del Real Madrid continua la sua anomala guerra all'Uefa.
Commento
6 gior

1° maggio, dai martiri di Chicago ai (tele)lavoratori di oggi

Dal 1886 al 2021 (in verità anche prima) ritroviamo sempre lo stesso soggetto storico in lotta per vedere riconosciuti i propri diritti
L'analisi
29.10.2020 - 20:430
Aggiornamento : 22:30

Ferocia jihadista contro la Francia laica

Dalle parole incendiarie di Erdogan all’attentato di Nizza. Fra silenzi e reticenze colpevoli, se non complici.

Ancora la ferocia jihadista. Ancora Nizza. La città della Costa azzurra che quattro anni fa, in una calda sera di festa nazionale, fu palcoscenico di uno dei più selvaggi attentati contro la République, attacco che sul lungomare più celebrato e frequentato di Francia falciò le vite di 80 persone, bambini compresi, è di nuovo teatro di un’aggressione che toglie il respiro. Ultimo atto di una recente sequenza dell’orrore: cominciata a fine settembre con l’accoltellamento di due giovani nei pressi della redazione di Charlie Hebdo (‘colpevole’ di aver ripubblicato le caricature di Maometto), proseguita con la decapitazione alla periferia di Parigi di Samuel Paty, il docente che quelle vignette aveva deciso di mostrare in classe per discutere con i suoi allievi il tema della libertà di pensiero, e piombata ieri nella basilica Notre Dame di Nizza. Altri tre morti, un altro sgozzamento. 

«La Francia sotto attacco», dice, a ragione, il presidente Macron. Non sempre il fanatismo islamista colpisce in base a un calendario preciso. Non sempre ha il bisogno di dare ordini a lupi solitari in cerca di emulazione. Ma stavolta una regia si può intravedere. Non a caso negli scorsi giorni l’agenzia Thabat – vicina ad Al Qaida – aveva invocato e preannunciato altro sangue. Non a caso la Francia patria del laicismo era ormai indicata come il bersaglio da colpire. E non a caso quest’ultima strage avviene mentre il capo dell’Eliseo dichiara guerra al «separatismo islamico», che tenta di imporsi nella comunità musulmana francese, per mettere la propria lettura del Corano in concorrenza contro le leggi dello Stato. Macron vuole un «Islam francese», preannuncia una più efficace sorveglianza sulle moschee dell’Esagono, intende tagliare il nodo degli imam importati (20 maghrebini, 120 algerini, 150 turchi) spesso agli ordini delle ambasciate dei rispettivi paesi d’origine (lo chiamano l’‘islam consolare’). E subisce l’attacco personale e politico del presidente turco Erdogan, un neo-sultano senza più freni, che estende all’Europa l’accusa folle di «trattare i musulmani come gli ebrei prima della seconda guerra mondiale». Parole incendiarie. 

Violenza verbale dietro cui l’autocrate di Ankara coltiva disinvoltamente e pericolosamente i suoi calcoli politici: presentarsi come ‘lo scudo dell’umma’ (l’intera comunità musulmana); perseguire l’obiettivo di un nuovo impero ottomano a sud del Mediterraneo; superare attraverso un nazionalismo vociante le difficoltà dell’economia nazionale e la resistenza all’islamizzazione delle grandi città turche; usare la forza militare, dalla Siria, alla Libia, al Mediterraneo orientale. La Francia, mentre troppi tergiversavano, o erano assenti e silenti, è stata la più esplicita nel condannare le mosse del piromane Erdogan. Certo, Parigi difende interessi propri, ma anche questioni di diritto internazionale, di principio e di civiltà. Quindi per la Turchia diventa il ‘bersaglio perfetto’. Contro cui aizzare le folle islamiche, e indirettamente incoraggiare la mano di altri assassini. A farlo è un membro della Nato. Alleanza che a questo punto deve pur decidere se Erdogan possa farne ancora parte. Visto che la Nato ancora pretende (a parole) di difendere libertà e democrazia. Silenzi e reticenze colpevoli. Se non complici.

© Regiopress, All rights reserved