laRegione
cinque-stelle-e-nient-altro
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta

Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
2 gior

Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey

Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Il ricordo
2 gior

Beppe sognava un mondo diverso

Il ricordo dell'ex collega Giuseppe 'Beppe' Dunghi, scomparso negli scorsi giorni
Commento
3 gior

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione
Commento
4 gior

Ma i consiglieri di Stato non sono semplici funzionari

La riforma pensionistica dei membri del governo è realtà, ma non risolve i dubbi legati alla carica
Commento
4 gior

Di gatti rossi, neri e zampa tesa

Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!
Commento
5 gior

Se la pandemia non merita una discussione parlamentare

Rifiutando la proposta dell'Mps ieri il parlamento ha segato il ramo su cui è seduto. Ai cittadini serve più di un quotidiano bollettino numerico
Commento
5 gior

Nomina quinto giudice, Ermani si faccia qualche domanda

Emersi nella vicenda legata ai pp bocciati dal Cdm, i messaggini del presidente del Tribunale penale al pg Pagani sono riecheggiati ieri in Gran Consiglio
Commento
5 gior

Covid, molto, moltissimo dipende da noi!

Molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere nelle prossime settimane – dipende ancora e sempre dai nostri comportamenti quotidiani
L'analisi
6 gior

'Je suis Samuel'

La difesa dello Stato laico non consente oggi compromessi: cinque anni dopo, “Je suis Charlie” rimane un proclama di libertà
L'analisi
14.10.2020 - 06:000

Cinque Stelle e nient'altro

L'inevitabile crisi del movimento di Grillo insidia la tenuta del governo Conte

Non erano questo, non erano quello (non un partito, non professionisti della politica, non di destra né di sinistra, non altre cose) e a forza di non esserlo non sanno neppure loro che cosa sono diventati. Le lacerazioni intestine finite in pasto ai media in queste settimane lo confermano. Più che Cinque Stelle sembrano un firmamento di individualità che poco hanno in comune salvo l’essere stati miracolati dal fenomeno Grillo, che li ha proiettati su una scena politico-istituzionale a cui non erano preparati e della quale si professavano fieri antagonisti.

I risultati si vedono. E se non apparisse cinico, andrebbe aggiunto che a “miracolarli” è giunta una pandemia che ha fagocitato quasi per intero il discorso pubblico e il confronto politico, il cui tema esclusivo è tenere la testa fuori dall’ondata che tutto ha travolto.

Solo che talvolta la realtà ha la meglio sulle costruzioni fantastiche ispirate da Grillo e Casaleggio padre, la cui forza di attrazione era pur riuscita a portare il movimento a ottenere il 33% dei voti nelle legislative del 2018, e sembra un secolo fa. Una realtà prosaica, che ha rivelato anche a loro stessi che il bello del sentirsi insieme e forti quando si riempiono le piazze e i social non regge mai alla prova di capacità richiesta dal potere conquistato. Oltretutto, al confronto tra (semplifichiamo) le componenti movimentista e “governista”, conosciuto da tutti i movimenti di opposizione una volta conquistata la maggioranza, si aggiunge in questo caso la desolante pochezza dei personaggi che le raffigurano, se dobbiamo intendere in quel ruolo il perdigiorno guerrigliero da fumetti Alessandro Di Battista e Gigino Di Maio, democristianissimo a sua insaputa. Il secondo, pare, sfuggito al controllo del burattinaio ereditario Casaleggio.

E potremmo lasciarli a giocare ai soldatini, non fosse che (uno) qualche responsabilità dovrebbe pur assumersi chi ha convinto persone degnissime e competenti a unirsi al movimento, convincendo un terzo degli elettori; e (due) che anche da loro dipende la sopravvivenza di un governo a cui l’Italia ha affidato le residue possibilità di uscire viva dall’esperienza, non ancora conclusa, del coronavirus. Che ci sappiano fare, quanto a questo, lo ha dimostrato la disinvoltura con cui sono passati dall’alleanza con la destra radicale a quella con il Partito democratico, facendo perno su un Giuseppe Conte degno di Andreotti quanto a spregiudicatezza. Che sappiano che cosa fare è invece un altro discorso, e il sospetto è semmai che la manfrina serva a dissimulare la paura di vedere certificato dalle prossime elezioni il proprio fallimento.

Ecco: fallimento? Secondo alcuni studiosi, ai Cinque Stelle va almeno riconosciuto di avere riavvicinato alla politica cittadini che ormai se ne disinteressavano del tutto, e di avere contenuto un flusso di voti che sarebbe altrimenti finito alla destra estrema. Il che può essere vero, ma non regge del tutto alla verifica dei contenuti proposti ed è smentito poi dal fatto che quando si sono trovati insieme al governo, alla destra estrema hanno concesso tutto, divenendone subalterni.

C’è poi chi, come Pierangelo Corbetta (direttore di ricerca dell’Istituto Carlo Cattaneo, che i grillini se li è studiati per bene) ritiene che una funzione utile possa comunque essere rivestita dai resti del movimento, quella di un’opposizione severa e attenta in parlamento e nel Paese, analoga a quella svolta a suo tempo dai radicali, la cui visibilità ha sempre superato i risultati elettorali. Sarà, ma i radicali avevano almeno Pannella e Bonino.

© Regiopress, All rights reserved