laRegione
un-nobel-contro-lo-scandalo-della-fame
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
2 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
1 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
1 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
2 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
L'analisi
12.10.2020 - 06:000
Aggiornamento : 14:42

Un Nobel contro lo scandalo della fame

Il merito e il significato del premio andato al World Food Programme

Ha sempre avuto una esplicita connotazione politica il Nobel per la pace. E spesso, quel premio è stato motivo di polemiche. Fu così con quello attribuito nel 2009 a Barack Obama, a pochi mesi dalla sua entrata alla Casa Bianca. In realtà, quell’assegnazione voleva sottolineare l’eccezionalità storica del primo nero presidente americano, e dell’illusione, com’è oggi sotto gli occhi di tutti, che quell’evento potesse ricucire le profonde ferite del razzismo negli Stati Uniti.
Ora, undici anni dopo, oltre alla segnalazione di una giustissima causa, c’è anche una piccola ma evidente dose di malizia nel Nobel per la pace 2020 attribuito al World Food Programme e alla sua lotta contro la fame nel mondo. Gli Stati Uniti (con oltre il 40 per cento, su otto miliardi di bilancio) sono i principali finanziatori dell’Agenzia Onu; il suo direttore è l’americano David Beasley; ex governatore repubblicano della South Carolina, dichiarato sostenitore di quel Donald Trump che ha spesso attaccato le Nazioni Unite (sede dell’odiato multilateralismo), e minacciato di ridurre i finanziamenti americani.

Un bel gioco d’anticipo da parte del comitato norvegese e il riconoscimento di un’organizzazione di cui va riconosciuta l’assoluta necessità: 15 miliardi di razioni alimentari distribuite in 83 Paesi, a beneficio di 87 milioni di persone. Per il 2020, l’organizzazione mondiale “Oxfam” lancia l’ennesimo allarme: dodicimila morti per fame ogni mese; 126 milioni affetti permanentemente da fame acuta; e 690 milioni che vivono sull’orlo della denutrizione (trecento in meno rispetto a trent’anni fa, nonostante la popolazione mondiale sia aumentata di due miliardi).

Cifre eloquenti. Di cui si parla pochissimo. E che lasciano indifferenti (spesso perché disinformati) quelli nati nella “parte giusta” del pianeta. Il diritto al cibo è il primo dei diritti umani, e la fame non è affatto inevitabile. È il risultato di politiche agricole spesso ancora sbagliate, di piccoli proprietari di terreni espropriati per soddisfare le multinazionali, della distruzione di delicati e secolari equilibri produttivi che garantivano il patrimonio anche alimentare a milioni e milioni di persone, della rapacità delle corporation che “hanno acquisito a forza un oligopolio delle sementi modificate in laboratorio” (denuncia Vandana Shiva), di regimi locali dittatoriali corrotti, del fenomeno “land grabbing” con cui la Cina ha acquistato terre in Africa e offerto 60 miliardi di dollari in prestiti che impongono a diverse nazioni un debito pubblico non rimborsabile, evidente forma di neo-colonialismo.

Ora le conseguenze del Covid-19 non faranno che accrescere la recessione, quest’ultima la miseria, quindi la disuguaglianza, e già la Banca mondiale prevede che i poveri aumenteranno da un miliardo a un miliardo e 400 milioni. Più povertà significa più fame. Non basta certo un Nobel per rovesciare e bonificare un quadro così drammatico, animato da troppi egoismi, da innumerevoli interessi economici, e risolvibile (quantomeno ridimensionabile) solo grazie a un rovesciamento di paradigma economico-politico. Per il resto durerà pochi giorni, durerà poche ore un annuncio che dovrebbe rianimare le coscienze sopite.

© Regiopress, All rights reserved