laRegione
la-solidarieta-europea-non-aiuta-i-migranti
ULTIME NOTIZIE Opinioni
DISTRUZIONI PER L'USO
12 ore

I libertari d’acqua dolce e le sciocchezze sul coronavirus

Per minimizzare la pandemia e screditare certe contromisure si continua a deformare la realtà. Ed è molto pericoloso
L'ANALISI
12 ore

Hacker russi, cinesi e iraniani contro le Presidenziali Usa

L'America è più protetta dagli attacchi informatici di quattro anni fa, ma le vulnerabilità permangono
Commento
1 gior

Caro Vescovo, e le messe online?

L’appello è rivelatore di quanto sia profondo il disorientamento che si sta manifestando anche in parte del popolo dei credenti.
L'analisi
1 gior

Ferocia jihadista contro la Francia laica

Dalle parole incendiarie di Erdogan all’attentato di Nizza. Fra silenzi e reticenze colpevoli, se non complici.
Commento
2 gior

Lo sport protesta ma non fa eccezione

Le misure del Consiglio federale contro gli assembramenti volte a contenere il numero dei contagi colpiscono duramente lo sport. Duro, ma comprensibile
Commento
3 gior

Ehi raga, okkio, arriva il rumorometro!

Così i rumoristi alla guida si divertiranno ancor più e chi continuerà a subire si arrabbierà ancora di più. A meno che...
Commento
4 gior

Regione che vai, Arp che trovi. Ticinesi trattati diversamente

Autorità regionali di vigilanza perennemente in affanno, con poco personale qualificato e cittadini che non vengono trattati allo stesso modo ovunque
Commento
5 gior

Covid, tante voci e il disorientamento aumenta!

Altro che lettere, l’autorità decida misure appropriate e soprattutto spieghi ai cittadini, convincendoli, perché è necessario fare anche nuovi sacrifici
L'analisi
5 gior

Di mascherine e di libertà

Rimaniamo vigili sul pericolo di una deriva anti-democratica, senza però mettere in pericolo la sicurezza di altri: una risposta alla filosofa Francesca Rigotti.
Commento
1 sett

Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta

Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
1 sett

Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey

Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
L'analisi
26.09.2020 - 06:100

La solidarietà europea non aiuta i migranti

Il Patto presentato da Ursula von del Leyen lascia irrisolti i temi che più dividono e conferma la chiusura delle frontiere

Si chiama “solidarietà obbligatoria” ed è il topolino partorito dalla montagna, con il nome di Patto europeo sulla Migrazione, illustrato in settimana dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. 

Indisposta, o non in grado di modificare il “regolamento di Dublino” (in sintesi quello che accolla ai paesi di arrivo l’intero onere di accoglienza ed eventuale respingimento dei migranti), la Commissione ha ripiegato su un meccanismo che fa affidamento sulla buona volontà degli stati membri: i paesi che non accetteranno di accogliere sul proprio territorio i migranti (proporzionalmente alla propria forza economica e alla popolazione) dovranno farsi carico del loro rimpatrio, pena l’obbligo di prenderseli.

Non è un granché, e si fatica a dire che è meglio di niente. Basterebbe riascoltare l’accorata risposta della stessa Von der Leyen a un eurodeputato di estrema destra (“parliamo di persone che hanno il diritto di cercare un futuro migliore”) per misurare lo scarto tra la retorica e la prassi. Mentre il suo “aboliremo Dublino” è rimasto una frase ad effetto.

È pur vero, del resto, che la Commissione deve misurarsi con le volontà dei ventisette governi che ne sono azionisti: singolarmente, o in alleanze d'occasione, concentrati sulla difesa di politiche nazionali indifferenti (o conflittuali) nei confronti di una supposta “volontà comune”. Finzione smascherata non tanto dal prevedibile rifiuto pregiudiziale dei paesi centroeuropei di ogni “imposizione” (e qui sarebbe interessante chiedere loro conto di quanto la loro integrazione nell'Ue è pesata sulle imposizioni, fiscali, dei cittadini degli altri paesi) ma da episodi ben più esemplari: proprio mentre la Commissione illustrava il Patto, le autorità francesi rifiutavano l'approdo sulle proprie rive alla Alan Kurdi, la nave con a bordo un centinaio di migranti raccolti nel Mediterraneo, reindirizzandola verso l'Italia, che solo il giorno successivo ne ha autorizzato lo sbarco. Sarà che la solidarietà obbligatoria non era ancora entrata a regime…

In questo scenario vi sono elementi decisivi che tuttavia spesso si ignorano. Il primo è che sul lungo periodo la crescita delle richieste d'asilo non dipende (non del tutto) da situazioni di crisi umanitarie, come fu per la Siria nel 2015, ma proprio dalla classificazione quale reato del tentato ingresso in un Paese, cosicché al migrante non resta che tentare la carta della richiesta d'asilo. In Italia fu l'infame legge Bossi-Fini (Salvini non ha inventato nulla), in altri Paesi sono legislazioni analoghe. Ciò determina un aumento esponenziale delle procedure di verifica, una dilatazione di tempi ingestibile e soprattutto una caotica e disumana gestione dei centri di permanenza cosiddetta temporanea. Dai quali si tenta la fuga o nei quali si resta imprigionati. E basta pensare a che cosa è accaduto nei centri come quello di Lesbo per capire che cosa significhi. La propaganda xenofoba si nutre di queste situazioni, e il paradosso è che proprio una politica asservita al suo discorso ne è all'origine (quando non lo rivendica con vanto, da Orbán in giù).

Politica che per parare le accuse di essere “debole” insiste nell'annuncio di nuove misure difensive dei “confini esterni” (dello spazio Schengen, per intenderci). Attraverso un rafforzamento del meccanismo di vigilanza dei confini marittimi e terrestri, e la ricerca di accordi con i “Paesi di partenza”. Un approccio che sinora sull'”aiuto a casa loro” ha visto prevalere l'”imprigioniamoli a casa loro”, passando per accordi che espongono l'Europa, o i singoli Paesi, al ricatto di gente come Erdogan o delle bande che si spartiscono la Libia. Il più recente rapporto di Amnesty International sulle condizioni di detenzione dei migranti nella stessa Libia fuga ogni dubbio su che cosa significhi il “fermiamoli prima che partano”, spacciato per “ragionevolezza”. Una pezza insufficiente a coprire una coscienza che più sporca non potrebbe essere.

© Regiopress, All rights reserved