laRegione
si-scrive-bannon-si-legge-trump
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
8 ore

Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta

Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
1 gior

Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey

Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Il ricordo
1 gior

Beppe sognava un mondo diverso

Il ricordo dell'ex collega Giuseppe 'Beppe' Dunghi, scomparso negli scorsi giorni
Commento
2 gior

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione
Commento
3 gior

Ma i consiglieri di Stato non sono semplici funzionari

La riforma pensionistica dei membri del governo è realtà, ma non risolve i dubbi legati alla carica
Commento
3 gior

Di gatti rossi, neri e zampa tesa

Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!
Commento
4 gior

Se la pandemia non merita una discussione parlamentare

Rifiutando la proposta dell'Mps ieri il parlamento ha segato il ramo su cui è seduto. Ai cittadini serve più di un quotidiano bollettino numerico
Commento
4 gior

Nomina quinto giudice, Ermani si faccia qualche domanda

Emersi nella vicenda legata ai pp bocciati dal Cdm, i messaggini del presidente del Tribunale penale al pg Pagani sono riecheggiati ieri in Gran Consiglio
Commento
4 gior

Covid, molto, moltissimo dipende da noi!

Molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere nelle prossime settimane – dipende ancora e sempre dai nostri comportamenti quotidiani
L'analisi
5 gior

'Je suis Samuel'

La difesa dello Stato laico non consente oggi compromessi: cinque anni dopo, “Je suis Charlie” rimane un proclama di libertà
Commento
5 gior

Passava di là, in un rifugio di pace

Per Erminio Ferrari la letteratura, come la montagna, era un bisogno; profondo, fisico, viscerale. In quegli spazi protetti, discosti, sottratti alle isterie e alle bassezze della quotidianità
L'analisi
22.08.2020 - 06:100

Si scrive Bannon, si legge Trump

Il pataccaro che ha trovato credito alla Casa Bianca e adorazione in Europa

E questi sono i tipi per i quali battono i cuori dei cosiddetti sovranisti del nostro piccolo mondo. Stephen Bannon è stato arrestato come un volgare pataccaro: raccoglieva soldi per costruire il muro lungo la frontiera degli Stati Uniti con il Messico e se li intascava. Non tutti, d'accordo, ma parliamo di milioni di dollari.

Non stiamo a scandalizzarci. Semmai annotiamo che, più dell’ideologia, il tratto unificante di questi presunti guru o capipopolo antisistema è ovunque la propensione ad assicurarsi una vecchiaia agiata mettendo da parte soldi non loro. 

E passi. Senonché questo Bannon è stato un artefice della vittoria di Donald Trump alle presidenziali statunitensi del 2016, e poi capo stratega alla Casa Bianca, prima di essere messo da parte, al pari di altri zelanti servitori che si erano illusi di esercitare una certa influenza su quella sorta di presidente.

Lo stesso Bannon che ha poi goduto di un periodo di gloria nelle marche europee dell’impero, venerato e rincorso dagli aspiranti ducetti della composita galassia d’estrema destra, sgomitanti per una fotografia in sua compagnia, o una cena, o una presenza a un “convegno di studi”. E riuscendo, Bannon, a spillare soldi grazie a fondazioni gaglioffe aventi per missione, nientemeno, la rifondazione d’Europa sui valori della tradizione. 

E sì, c’è stato un periodo che Bannon di qui, Bannon di là. Così che se solo avesse voluto gli sarebbe riuscito di vendere la Fontana di Trevi ai suoi adepti (ciò che stava per riuscire a Totò, ma lui a un americano). Uno sfondamento in provincia, va detto, direttamente proporzionale all’appannamento di immagine negli Usa.

Dunque, e per tornare alla questione, la sorte di Bannon, se verrà confermato colpevole, non è poi così interessante: il suo quarto d’ora di celebrità nella Storia sembra esserselo ormai giocato. Ma due considerazioni si devono tentare.

Una riguarda la drammatica (non soltanto per loro) pochezza intellettuale dei leader dell’estrema destra europea, pur così consistente, che scambiano per “visione” le fole di un ciarlatano e del giornalismo spazzatura che lo accompagna.

L’altra, che potrebbe rivelarsi più interessante, porta al contesto in cui le prodezze di Bannon si volgono in guai giudiziari: il momento di massima debolezza della presidenza Trump, già fiaccata dall’inetta gestione della crisi del coronavirus. L'arresto del suo suggeritore (dal quale goffamente il presidente ha cercato di prendere le distanze) è giunto infatti quasi contemporaneamente a una sentenza di un giudice distrettuale di New York che, a dispetto dei tentativi di metterlo a tacere da parte del fedelissimo ministro della giustizia Barr, ha respinto l’opposizione dei legali alla diffusione delle dichiarazioni dei redditi di Trump; e pochi giorni dopo la pubblicazione di un rapporto di una commissione del Senato (approvato da democratici e repubblicani) che conferma il ruolo esercitato dalla Russia a favore della sua elezione nel 2016. Quasi che una pur casuale serie di circostanze concorra a fare terra bruciata attorno a un presidente sempre più indifendibile, e che la corsa ad abbandonare la nave sia già cominciata.

Va da sé che mettere via Trump non ancora freddo (in senso figurato, per carità) sarebbe un clamoroso fiasco di analisi. La sua posizione non è risultata scalfita dalle “rivelazioni” di John Bolton né da quelle precedenti di altri consimili ceffi passati per il suo libro paga. Lo stesso potrebbe accadere con il caso Bannon, dato in pasto all'opinione pubblica per mettere in salvo il presidente. Ma non è detto: da sempre la presunzione di infallibilità si è rivelata il punto debole degli autocrati. Considerato quanto è grande quella di Trump, la sua debolezza è enorme.

© Regiopress, All rights reserved