laRegione
Nuovo abbonamento
il-libano-era-in-ginocchio-ora-e-steso
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
2 ore

La nostra scuola in presenza e presente!

A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
2 ore

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
1 gior

Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione

Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
1 gior

Paura batte cultura? Grosso problema!

Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
1 gior

In Italia ha vinto il sì. A che cosa?

Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
2 gior

Piccoli sovranisti in soccorso dello zar

La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
3 gior

Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio

In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
4 gior

La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc

Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
5 gior

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
5 gior

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
L'analisi
06.08.2020 - 06:000

Il Libano era in ginocchio, ora è steso

La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento

Se pure, come è sperabile, l'esplosione che ha devastato Beiurt si confermerà di natura accidentale, non si può non considerare quanta sventura patisca il Libano, da decenni il fusibile dell'alta tensione regionale. Un destino, una dannazione, che ne ha fatto teatro di dispute altrui, riducendolo ricorrentemente in brani. Ciò che gli tocca anche quando è il caso (apparentemente) a metterci mano. Il materiale esplosivo stoccato nei pressi del porto, poi esploso, è stato indicato come nitrato d'ammonio, ma si sospetta che vi fossero invece missili in dotazione a Hezbollah. Nell'uno e nell'altro caso, materiale bellico di cui si conoscevano, o si sospettavano provenienza e destinazione.

E se pure è un caso, non sfugge la coincidenza che Beirut sia saltata in aria a pochi giorni dalla sentenza attesa dal tribunale dell'Onu sull'attentato che uccise l'ex primo ministro Rafik Hariri, il 14 febbraio 2005, cui mandante è universalmente considerata la Siria. 

A questo proposito ci si potrebbe stupire che del Libano non sia stato fatto un boccone nel corso del conflitto siriano. Una spiegazione potrebbe essere che il sisma geopolitico che ha devastato l’area tra Damasco e Baghdad fosse tanto grande da far perdere di interesse il Paese. Oppure, e forse è più plausibile, perché un Libano conviene a tutti. Salvo ai Libanesi, naturalmente, che pagano la voracità degli appetiti altrui, ma soprattutto la spartizione lungo linee confessionali del potere. Una formula di compromesso concepita per riconoscere e governare la radicale conflittualità delle componenti nazionali, ma rivelatasi l'impedimento principale alla formazione di uno spirito nazionale, con l’aggiunta di avere cementato una trasmissione del potere per via dinastica o clanica. E il Libano conviene ai paesi nemici o amici  che se lo disputano non per conquistarlo, ché non converrebbe, ma per farne di volta in volta vasca di decantazione di tensioni interne o laboratorio per testare la capacità bellica altrui. 

Non fossero bastati i quindici anni di guerra civile, Israele (il cui esercito nell'82 arrivò alle porte di Beirut) ha fatto ripetuto ricorso all'invasione del Libano per alleggerire le pressioni sui propri confini e sfogare le contraddizioni della propria politica. Mentre la Siria, che lo ha sempre considerato un proprio protettorato, vi ha dislocato a lungo i propri soldati, e per andarsene ha preteso un prezzo di sangue e sottomissione altissimo. A sua volta, l'Iran vi mantiene una propria guarnigione conosciuta come Hezbollah, mentre i sauditi erano arrivati a sequestrare nel novembre 2017 il primo ministro Saad al Hariri per costringerlo a più miti consigli. E l'elenco potrebbe continuare, fornendo non per forza eventuali mandanti di un ipotetico attentato, ma la cornice di estrema volatilità in cui l’evento si è prodotto.

Parliamo oltretutto di un paese in cui da mesi la protesta per la gravissima crisi economica (giusto l’altro ieri, Save the children ha avvertito che mezzo milione di bambini rischiano la fame nella sola area di Beirut, dove le interruzioni di elettricità e di fornitura idrica sono ormai la normalità) ha finito per assumere un carattere espressamente politico, chiamando in causa la spartizione confessionale del potere e la corruzione che ne deriva, e contestando la posizione di stato nello stato detenuta da Hezbollah.

Che dunque si sia trattato di un incidente o (benché sinora non ve ne siano prove) di un atto deliberato, il risultato è lo stesso: del Libano si parlava ormai di un Paese in ginocchio, dall’altroieri è steso.

© Regiopress, All rights reserved