laRegione
Nuovo abbonamento
ma-un-europa-c-e-ancora
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Il festival che non c’è, dalla Piazza alle mascherine

Inevitabile, in questo strano 2020 pandemico, pensare a quello che è stato il Festival di Locarno, a quella condivisione che non c'è più. E che speriamo ritorni
Commento
1 gior

Ho visto un re (che scappava)

La parabola di Juan Carlos e la fine delle monarchie
L'analisi
2 gior

Lukashenko pronto a tutto per sopravvivere

Il presidente bielorusso 'ruba' le elezioni e sfida anche la Russia
Commento
3 gior

Bentornata, scuola: quanto ci sei mancata

La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: una funzione primaria che purtroppo è venuta meno per diversi mesi
Commento
4 gior

Mpc e Tpf, tornino protagonisti inchieste e processi

Dalla magistratura penale federale i cittadini si aspettano risultati investigativi e sentenze, soprattutto sui dossier importanti. Non (presunti) casi di mobbing interni
L'analisi
4 gior

Il giorno della rabbia nella tragedia libanese

Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile
Commento
6 gior

Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi

Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
1 sett

L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale

La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
1 sett

Il Libano era in ginocchio, ora è steso

La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
1 sett

Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)

Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
L'analisi
21.07.2020 - 06:050
Aggiornamento : 18:13

Ma un’Europa c’è ancora

'Mutualizzazione' del debito c’è stata nell’accordo finale raggiunto dopo quattro giorni di dura maratona: ma si tratta di una condivisione solo parziale

C’è chi, volando alto, troppo alto, aveva ricordato che gli Stati Uniti nacquero oltre duecento anni fa grazie alla “mutualizzazione” del debito, con lo Stato federale che si fece carico dei buchi di bilancio degli Stati dell’Unione più indeboliti dalla guerra di indipendenza dalla Gran Bretagna.

Una storica lezione per l’Ue, ci si è chiesti? No, la notte scorsa non sono nati gli Stati Uniti d’Europa. Né potevano nascere. “Mutualizzazione” del debito c’è stata nell’accordo finale raggiunto dopo quattro giorni di dura maratona negoziale: ma si tratta di una condivisione solo parziale del debito che l’Unione dovrà anche contrarre sui mercati finanziari per realizzare il Recovery Fund con cui rilanciare un’economia continentale devastata dai veleni del coronavirus.

Si tratta comunque di una “prima” storica. E al Recovery vanno aggiunti gli aiuti miliardari già varati in precedenza dal Mes (il Meccanismo europeo di stabilità), dal Sure (sostegno ai disoccupati dell’area Ue), e dalla Bei (la Banca europea degli investimenti). Va quindi valutato e giudicato complessivamente questo quadro di interventi impensabile ancora tre mesi fa, in un’Europa comunitaria che sembrava inesorabilmente scavata unicamente dalle logiche degli egoismi nazionali, e lacerata sui i dossier più importanti (dalla questione dei migranti, alla consistenza del budget Ue, alla difesa comune).

Anche in un momento così decisivo per le sorti dell’Ue, soltanto un faticosissimo compromesso ha prodotto la svolta che segna una direzione comunque tutta da realizzare. Del resto, nessuno dei principali protagonisti del confronto poteva rientrare in patria a mani vuote. Anche e soprattutto per motivi politici interni, fra scadenze elettorali e spinte populiste. Non potevano permetterselo quelli che si sono auto-definiti “Paesi frugali”, con in testa l’Olanda, che hanno ottenuto un riequilibrio fra versamenti a fondo perduto e prestiti da rimborsare. Non i “mediterranei”, soprattutto l’Italia, assolutamente bisognosi di una forte iniezione di sussidi: evitano pericolosi diritti di veto di singoli Stati, pur dovendo accettare il “superfreno di emergenza” (con cui un Paese può tentare di bloccare i fondi a membri inadempienti). Né potevano fallire Angela Merkel e Emmanuel Macron – la “locomotiva franco-tedesca” ritrovata – che hanno impresso la marcia a questa nuova tappa dell’integrazione europea, e smussato almeno in parte il ritorno in forze dei rigoristi nordici.

Tra le fila di questi primattori si sono poi mossi quelli di “Visegrad”, con Ungheria e Polonia, momentanei e imbarazzanti alleati, che in cambio dell’appoggio ai “latini” sperano di ottenere comprensione sulle restrizioni ai diritti fondamentali (controllo dei media e della magistratura) che impongono vergognosamente ai loro Paesi.

No, ieri non sono nati gli Stati Uniti d’Europa. Ma realisticamente, visto lo stato dell’Unione, la sua inconsistenza strategica, la permanente forza dell’assedio populista, ci si poteva forse aspettare di più? Forse, alla fine, prevarrà la consapevolezza che bisogna sottrarre il “vaso di coccio” europeo dalla morsa di quelli “di ferro” (o presunti tali), cioè Usa, Cina, Russia. L’intesa di Bruxelles, a suo modo storica, riapre una speranza. E c’è da augurarsi che vengano stoppati i guastatori di diversa caratura e consapevolezza: dai nuovi nazionalisti agli immancabili e svogliati riformisti.

© Regiopress, All rights reserved