laRegione
ma-un-europa-c-e-ancora
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
8 ore

Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta

Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
1 gior

Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey

Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Il ricordo
1 gior

Beppe sognava un mondo diverso

Il ricordo dell'ex collega Giuseppe 'Beppe' Dunghi, scomparso negli scorsi giorni
Commento
2 gior

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione
Commento
3 gior

Ma i consiglieri di Stato non sono semplici funzionari

La riforma pensionistica dei membri del governo è realtà, ma non risolve i dubbi legati alla carica
Commento
3 gior

Di gatti rossi, neri e zampa tesa

Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!
Commento
4 gior

Se la pandemia non merita una discussione parlamentare

Rifiutando la proposta dell'Mps ieri il parlamento ha segato il ramo su cui è seduto. Ai cittadini serve più di un quotidiano bollettino numerico
Commento
4 gior

Nomina quinto giudice, Ermani si faccia qualche domanda

Emersi nella vicenda legata ai pp bocciati dal Cdm, i messaggini del presidente del Tribunale penale al pg Pagani sono riecheggiati ieri in Gran Consiglio
Commento
4 gior

Covid, molto, moltissimo dipende da noi!

Molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere nelle prossime settimane – dipende ancora e sempre dai nostri comportamenti quotidiani
L'analisi
5 gior

'Je suis Samuel'

La difesa dello Stato laico non consente oggi compromessi: cinque anni dopo, “Je suis Charlie” rimane un proclama di libertà
L'analisi
21.07.2020 - 06:050
Aggiornamento : 18:13

Ma un’Europa c’è ancora

'Mutualizzazione' del debito c’è stata nell’accordo finale raggiunto dopo quattro giorni di dura maratona: ma si tratta di una condivisione solo parziale

C’è chi, volando alto, troppo alto, aveva ricordato che gli Stati Uniti nacquero oltre duecento anni fa grazie alla “mutualizzazione” del debito, con lo Stato federale che si fece carico dei buchi di bilancio degli Stati dell’Unione più indeboliti dalla guerra di indipendenza dalla Gran Bretagna.

Una storica lezione per l’Ue, ci si è chiesti? No, la notte scorsa non sono nati gli Stati Uniti d’Europa. Né potevano nascere. “Mutualizzazione” del debito c’è stata nell’accordo finale raggiunto dopo quattro giorni di dura maratona negoziale: ma si tratta di una condivisione solo parziale del debito che l’Unione dovrà anche contrarre sui mercati finanziari per realizzare il Recovery Fund con cui rilanciare un’economia continentale devastata dai veleni del coronavirus.

Si tratta comunque di una “prima” storica. E al Recovery vanno aggiunti gli aiuti miliardari già varati in precedenza dal Mes (il Meccanismo europeo di stabilità), dal Sure (sostegno ai disoccupati dell’area Ue), e dalla Bei (la Banca europea degli investimenti). Va quindi valutato e giudicato complessivamente questo quadro di interventi impensabile ancora tre mesi fa, in un’Europa comunitaria che sembrava inesorabilmente scavata unicamente dalle logiche degli egoismi nazionali, e lacerata sui i dossier più importanti (dalla questione dei migranti, alla consistenza del budget Ue, alla difesa comune).

Anche in un momento così decisivo per le sorti dell’Ue, soltanto un faticosissimo compromesso ha prodotto la svolta che segna una direzione comunque tutta da realizzare. Del resto, nessuno dei principali protagonisti del confronto poteva rientrare in patria a mani vuote. Anche e soprattutto per motivi politici interni, fra scadenze elettorali e spinte populiste. Non potevano permetterselo quelli che si sono auto-definiti “Paesi frugali”, con in testa l’Olanda, che hanno ottenuto un riequilibrio fra versamenti a fondo perduto e prestiti da rimborsare. Non i “mediterranei”, soprattutto l’Italia, assolutamente bisognosi di una forte iniezione di sussidi: evitano pericolosi diritti di veto di singoli Stati, pur dovendo accettare il “superfreno di emergenza” (con cui un Paese può tentare di bloccare i fondi a membri inadempienti). Né potevano fallire Angela Merkel e Emmanuel Macron – la “locomotiva franco-tedesca” ritrovata – che hanno impresso la marcia a questa nuova tappa dell’integrazione europea, e smussato almeno in parte il ritorno in forze dei rigoristi nordici.

Tra le fila di questi primattori si sono poi mossi quelli di “Visegrad”, con Ungheria e Polonia, momentanei e imbarazzanti alleati, che in cambio dell’appoggio ai “latini” sperano di ottenere comprensione sulle restrizioni ai diritti fondamentali (controllo dei media e della magistratura) che impongono vergognosamente ai loro Paesi.

No, ieri non sono nati gli Stati Uniti d’Europa. Ma realisticamente, visto lo stato dell’Unione, la sua inconsistenza strategica, la permanente forza dell’assedio populista, ci si poteva forse aspettare di più? Forse, alla fine, prevarrà la consapevolezza che bisogna sottrarre il “vaso di coccio” europeo dalla morsa di quelli “di ferro” (o presunti tali), cioè Usa, Cina, Russia. L’intesa di Bruxelles, a suo modo storica, riapre una speranza. E c’è da augurarsi che vengano stoppati i guastatori di diversa caratura e consapevolezza: dai nuovi nazionalisti agli immancabili e svogliati riformisti.

© Regiopress, All rights reserved