laRegione
il-virus-che-uccide-l-ue
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
8 ore

Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta

Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
1 gior

Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey

Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Il ricordo
1 gior

Beppe sognava un mondo diverso

Il ricordo dell'ex collega Giuseppe 'Beppe' Dunghi, scomparso negli scorsi giorni
Commento
2 gior

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione
Commento
3 gior

Ma i consiglieri di Stato non sono semplici funzionari

La riforma pensionistica dei membri del governo è realtà, ma non risolve i dubbi legati alla carica
Commento
3 gior

Di gatti rossi, neri e zampa tesa

Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!
Commento
4 gior

Se la pandemia non merita una discussione parlamentare

Rifiutando la proposta dell'Mps ieri il parlamento ha segato il ramo su cui è seduto. Ai cittadini serve più di un quotidiano bollettino numerico
Commento
4 gior

Nomina quinto giudice, Ermani si faccia qualche domanda

Emersi nella vicenda legata ai pp bocciati dal Cdm, i messaggini del presidente del Tribunale penale al pg Pagani sono riecheggiati ieri in Gran Consiglio
Commento
4 gior

Covid, molto, moltissimo dipende da noi!

Molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere nelle prossime settimane – dipende ancora e sempre dai nostri comportamenti quotidiani
L'analisi
5 gior

'Je suis Samuel'

La difesa dello Stato laico non consente oggi compromessi: cinque anni dopo, “Je suis Charlie” rimane un proclama di libertà
L'analisi
20.07.2020 - 06:000

Il virus che uccide l’Ue

Le ragioni di politica domestica di ciascun governo hanno prevalso su quelle di appartenenza e condivisione di un progetto comune

Ieri sera non sapevamo ancora quale fosse l’esito del vertice europeo di Bruxelles, ma che il suo tempo poteva essere risparmiato lo si poteva già dire. Se cioè si trattava di dare conferma della corsa allo svuotamento di significato del termine “unione” riferito all’Europa, allora non era davvero il caso di perdere tanto sonno. Nell’intera trattativa, infatti, le ragioni di politica domestica di ciascun governo hanno prevalso su quelle di appartenenza e condivisione di un progetto comune. E benché sia scontato che un esecutivo debba rispondere al legislativo, e attraverso questo ai cittadini, la forma assunta da questa norma di civiltà politica sembra ormai del tutto travisata.

Ridurre quindi la posizione dei cosiddetti “Stati frugali” alla tutela dei propri contribuenti, indisponibili ad assumere costi generati dagli Stati-cicala, Italia in testa, è una operazione ideologica, innervata di pregiudizi e sostanziata da una buona dose di falsità. Bisognerebbe semmai considerare insieme la partecipazione finanziaria e i benefici goduti da ciascun membro Ue (e i “frugali” si assicurano, proporzionalmente, abbondante parte dei secondi, per non dire dei “Visegrad”) per valutare l’opportunità o no di sostenere economicamente i Paesi più colpiti dal coronavirus, sottraendo così il confronto a una disputa meschina sulla “grana”. Ciò su cui si sono invece arroccati l’olandese Rutte e i suoi fratelli, mascherando di virtù la pochezza e la paura. 

Una volta scoperto che davvero è interesse comune sostenere i membri dell’Unione messi peggio, ne deriva che il rifiuto di farlo ha un’altra origine. La sua natura svela il ritardo e il voltafaccia di esecutivi e opinioni pubbliche rispetto a professate lealtà comunitarie. Da questo punto di vista non c’è capitale che possa chiamarsi fuori, nemmeno quelle che ora si trovano nella più urgente necessità di solidarietà.

Si tratta di uno snodo cruciale, che di questi tempi viene volentieri equivocato come tutela delle scelte democratiche di ciascun Paese. Ed è il tema più caro alle destre nazionaliste, riuscite a forzare in termini antagonistici una dialettica positiva e sacrosanta tra pari. Quanto i governi “moderati” siano a loro volta ostaggio o complici di questo indirizzo non è ancora possibile distinguere con chiarezza, ma di sicuro l’esito non cambia. Il che li chiama a un’assunzione di responsabilità che non consente scorciatoie propagandistiche. In questo senso, se la rigidità ottusa di Rutte è spiegabile anche dalla pressione che in patria subisce dalla forza in crescita della destra populista, è pur comprensibile che nel confronto politico la posizione dell’italiano Conte abbia ancora scontato la diffidenza suscitata dall’antieuropeismo che fino all’altroieri è stato un elemento identitario fortissimo per le forze che lo hanno messo a capo del governo (una delle quali, incidentalmente, si trova ora all’opposizione).

Per questo non si può parlare di un “naturale” processo disgregativo dell’Unione, di cui la tormentata trattativa sugli aiuti sarebbe solo un’ennesima conferma. Di “naturale” c’è ben poco, come sempre quando si tratta di politica. Sono semmai le scelte a fare apparire “naturali” gli indirizzi presi dagli eventi. E, di nuovo, il risultato rischia di essere lo stesso.

© Regiopress, All rights reserved