laRegione
Nuovo abbonamento
il-virus-che-uccide-l-ue
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Il festival che non c’è, dalla Piazza alle mascherine

Inevitabile, in questo strano 2020 pandemico, pensare a quello che è stato il Festival di Locarno, a quella condivisione che non c'è più. E che speriamo ritorni
Commento
1 gior

Ho visto un re (che scappava)

La parabola di Juan Carlos e la fine delle monarchie
L'analisi
2 gior

Lukashenko pronto a tutto per sopravvivere

Il presidente bielorusso 'ruba' le elezioni e sfida anche la Russia
Commento
3 gior

Bentornata, scuola: quanto ci sei mancata

La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: una funzione primaria che purtroppo è venuta meno per diversi mesi
Commento
4 gior

Mpc e Tpf, tornino protagonisti inchieste e processi

Dalla magistratura penale federale i cittadini si aspettano risultati investigativi e sentenze, soprattutto sui dossier importanti. Non (presunti) casi di mobbing interni
L'analisi
4 gior

Il giorno della rabbia nella tragedia libanese

Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile
Commento
6 gior

Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi

Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
1 sett

L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale

La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
1 sett

Il Libano era in ginocchio, ora è steso

La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
1 sett

Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)

Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
L'analisi
20.07.2020 - 06:000

Il virus che uccide l’Ue

Le ragioni di politica domestica di ciascun governo hanno prevalso su quelle di appartenenza e condivisione di un progetto comune

Ieri sera non sapevamo ancora quale fosse l’esito del vertice europeo di Bruxelles, ma che il suo tempo poteva essere risparmiato lo si poteva già dire. Se cioè si trattava di dare conferma della corsa allo svuotamento di significato del termine “unione” riferito all’Europa, allora non era davvero il caso di perdere tanto sonno. Nell’intera trattativa, infatti, le ragioni di politica domestica di ciascun governo hanno prevalso su quelle di appartenenza e condivisione di un progetto comune. E benché sia scontato che un esecutivo debba rispondere al legislativo, e attraverso questo ai cittadini, la forma assunta da questa norma di civiltà politica sembra ormai del tutto travisata.

Ridurre quindi la posizione dei cosiddetti “Stati frugali” alla tutela dei propri contribuenti, indisponibili ad assumere costi generati dagli Stati-cicala, Italia in testa, è una operazione ideologica, innervata di pregiudizi e sostanziata da una buona dose di falsità. Bisognerebbe semmai considerare insieme la partecipazione finanziaria e i benefici goduti da ciascun membro Ue (e i “frugali” si assicurano, proporzionalmente, abbondante parte dei secondi, per non dire dei “Visegrad”) per valutare l’opportunità o no di sostenere economicamente i Paesi più colpiti dal coronavirus, sottraendo così il confronto a una disputa meschina sulla “grana”. Ciò su cui si sono invece arroccati l’olandese Rutte e i suoi fratelli, mascherando di virtù la pochezza e la paura. 

Una volta scoperto che davvero è interesse comune sostenere i membri dell’Unione messi peggio, ne deriva che il rifiuto di farlo ha un’altra origine. La sua natura svela il ritardo e il voltafaccia di esecutivi e opinioni pubbliche rispetto a professate lealtà comunitarie. Da questo punto di vista non c’è capitale che possa chiamarsi fuori, nemmeno quelle che ora si trovano nella più urgente necessità di solidarietà.

Si tratta di uno snodo cruciale, che di questi tempi viene volentieri equivocato come tutela delle scelte democratiche di ciascun Paese. Ed è il tema più caro alle destre nazionaliste, riuscite a forzare in termini antagonistici una dialettica positiva e sacrosanta tra pari. Quanto i governi “moderati” siano a loro volta ostaggio o complici di questo indirizzo non è ancora possibile distinguere con chiarezza, ma di sicuro l’esito non cambia. Il che li chiama a un’assunzione di responsabilità che non consente scorciatoie propagandistiche. In questo senso, se la rigidità ottusa di Rutte è spiegabile anche dalla pressione che in patria subisce dalla forza in crescita della destra populista, è pur comprensibile che nel confronto politico la posizione dell’italiano Conte abbia ancora scontato la diffidenza suscitata dall’antieuropeismo che fino all’altroieri è stato un elemento identitario fortissimo per le forze che lo hanno messo a capo del governo (una delle quali, incidentalmente, si trova ora all’opposizione).

Per questo non si può parlare di un “naturale” processo disgregativo dell’Unione, di cui la tormentata trattativa sugli aiuti sarebbe solo un’ennesima conferma. Di “naturale” c’è ben poco, come sempre quando si tratta di politica. Sono semmai le scelte a fare apparire “naturali” gli indirizzi presi dagli eventi. E, di nuovo, il risultato rischia di essere lo stesso.

© Regiopress, All rights reserved