segnali-di-fumo-da-pyongyang
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
7 ore

Lo sport elvetico degno del 1° agosto

La Svizzera è a quota dodici medaglie, ben oltre le aspettative di Swiss Olympic. Quante perle a ridosso della Festa Nazionale, onorata come del resto merita
Commento
2 gior

L’utilità delle catastrofi

È il colmo che le autorità e anche il popolo votante abbiano bisogno delle calamità per correggere politiche sbagliate
Commento
3 gior

Peso della storia e frattura europea

Si pensava che l'allargamento dell'Ue portasse con sé una contaminazione democratica, i fatti e gli interessi nazionali ci stanno dimostrando il contrario
Commento
4 gior

Il certificato Covid non sia un incentivo a vaccinarsi

Il cosiddetto Green pass ha senso se l’alternativa al chiudere per i non vaccinati è chiudere per tutti
Commento
5 gior

Altri sgravi? L'offensiva liberale va controcorrente

La concorrenza fiscale intercantonale è un dato di fatto. Ciò che pare sfuggire al Plrt è che nel mondo post Covid il vento sta girando da un'altra parte
Gallery
L'analisi
5 gior

Vladimir Petkovic, addio sulla cresta dell’onda

Il 57enne tecnico della Nazionale rossocrociata, il più vincente di sempre, lascia la Svizzera e abbraccia la causa del Bordeaux. Lascerà un vuoto non facile da colmare
Il commento
6 gior

Polizia, il Tribunale federale consolida la legge ticinese

Il loro ricorso è stato respinto, ma i due giuristi hanno fatto bene a sottoporre al vaglio dei giudici di Mon Repos l'importante e delicata revisione normativa
il commento
1 sett

Medici, Corona e... tutti allenatori

Dallo scetticismo che aleggia fra medici e infermieri all'obbligatorietà vaccinale imposta già in diverse nazioni per eventi o frequentazioni
Commento
1 sett

Eh già... Angelone è ancora qua

Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
L'analisi
 
17.06.2020 - 06:300
Aggiornamento : 09:55

Segnali di fumo da Pyongyang

Calcolo e azzardo nella rappresaglia di Kim Jong-un contro Seul

La colonna di fumo che si è alzata dalle rovine dell’ufficio di collegamento tra le due Coree non è ancora l’innesco di un incendio; ma in cenere, insieme all’edificio inaugurato (in territorio nordcoreano) appena due anni fa, sono finite le residue illusioni sulle “prospettive di pace” tra Pyongyang e Seul favorite dalla “visione” di Donald Trump. Ammesso che qualcuno si fosse illuso, naturalmente.

A determinare la rabbiosa reazione di Kim Jong-un sarebbe stato il lancio verso il territorio nordcoreano di palloncini con allegati volantini di propaganda (ma anche chiavette usb, micro-radio, alimenti) da parte di espatriati al Sud. Ma anche tenuto conto dell’infima soglia di tolleranza del regime di Pyongyang nei confronti di tutto ciò che può attentare alla propria immagine, non si può liquidare l’episodio come una manifestazione di iperreattività da bullo del “giovane leader”, deciso oltretutto a tacitare definitivamente le voci che lo volevano male in arnese e non più nei pieni poteri.

In effetti, da tempo gli analisti sottolineavano la crescente insofferenza di Kim per la stasi nelle dinamiche che solo due anni fa lo avevano elevato a interlocutore diretto della maggiore potenza mondiale. Ricondotto, più o meno, nella condizione di paria internazionale, senza una prospettiva di allentamento delle sanzioni a cui il proprio Paese è sottoposto, Kim – non nuovo a questi exploit – avrebbe cercato e colto l’occasione per rimettersi al centro del discorso. Per acquisire posizioni di forza sul piano negoziale, e per confermare il registro della propaganda interna (obiettivo, quest’ultimo, tanto più urgente se sono vere le notizie di una drammatica e prolungata penuria di alimenti anche nella capitale). 

Non la fiammata di un giorno, dunque. Prima del botto di ieri c’era stata l’interruzione di tutte le linee di comunicazione con il Sud; e ad essa (ha minacciato lo stato maggiore nordcoreano) potrebbe seguire l’invio di truppe nell’area smilitarizzata in seguito all’accordo del 2018. E naturalmente bisogna attendersi la “risposta” a cui la Corea del Sud è in qualche modo tenuta. In una prima dichiarazione, il governo del presidente Moon ha lamentato la “distruzione delle speranze di pace nella penisola”, avvertendo che il suo Paese reagirà “fermamente” se Pyongyang seguirà a far peggiorare la situazione.

Come in occasione dei test missilistici nordcoreani, c’è molta ritualità in tutto ciò, ma ben pochi azzardano scenari certi sulla piega degli avvenimenti che seguiranno. Nessuno, nemmeno Kim ne ha certezza. La via bilaterale lungo la quale sembrava averlo sedotto Trump, si è rivelata fallimentare. Il resto lo fanno la mancanza di visione e il cinismo dei Paesi vicini e più direttamente interessati a una composizione del conflitto (a partire dalla Corea del Sud, combattuta tra autentica volontà di riconciliazione, tentazione egemonica e indisponibilità a farsi carico dei parenti poveri). Il resto, cioè il peggio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved