DJOKOVIC N. (SRB)
1
CARRENO BUSTA P. (ESP)
2
fine
(4-6 : 7-6 : 3-6)
un-referendum-su-trump
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
5 ore

L’utilità delle catastrofi

È il colmo che le autorità e anche il popolo votante abbiano bisogno delle calamità per correggere politiche sbagliate
Commento
1 gior

Peso della storia e frattura europea

Si pensava che l'allargamento dell'Ue portasse con sé una contaminazione democratica, i fatti e gli interessi nazionali ci stanno dimostrando il contrario
Commento
2 gior

Il certificato Covid non sia un incentivo a vaccinarsi

Il cosiddetto Green pass ha senso se l’alternativa al chiudere per i non vaccinati è chiudere per tutti
Commento
3 gior

Altri sgravi? L'offensiva liberale va controcorrente

La concorrenza fiscale intercantonale è un dato di fatto. Ciò che pare sfuggire al Plrt è che nel mondo post Covid il vento sta girando da un'altra parte
Gallery
L'analisi
3 gior

Vladimir Petkovic, addio sulla cresta dell’onda

Il 57enne tecnico della Nazionale rossocrociata, il più vincente di sempre, lascia la Svizzera e abbraccia la causa del Bordeaux. Lascerà un vuoto non facile da colmare
Il commento
4 gior

Polizia, il Tribunale federale consolida la legge ticinese

Il loro ricorso è stato respinto, ma i due giuristi hanno fatto bene a sottoporre al vaglio dei giudici di Mon Repos l'importante e delicata revisione normativa
il commento
5 gior

Medici, Corona e... tutti allenatori

Dallo scetticismo che aleggia fra medici e infermieri all'obbligatorietà vaccinale imposta già in diverse nazioni per eventi o frequentazioni
Commento
1 sett

Eh già... Angelone è ancora qua

Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
1 sett

Olimpia e il prezzo della felicità

Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
1 sett

Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso

Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
L'analisi
 
13.06.2020 - 06:300

Un referendum su Trump

Le elezioni statunitensi del 3 novembre saranno un pronunciamento sul presidente

Che il voto di novembre sarà un referendum su Donald Trump più che un’elezione presidenziale è già ora ben chiaro. Vuoi perché il presidente ha fatto della propria persona il contenuto politico del mandato, vuoi per la scelta al ribasso del candidato democratico, nuova conferma dello sbandamento del partito.

Si sa che le elezioni presidenziali statunitensi sono perlopiù una contesa interna a un’oligarchia che dimora al vertice della società, nella quale un ruolo determinante ha la disponibilità di enormi quantità di denaro (oltre, dall’ultima volta almeno, all’intervento diretto di potenze esterne). Vista da qui: più una grande kermesse che un atto politico maturo. Ma è pur vero che talvolta la presenza di candidati con una personalità peculiare può determinare mutamenti di portata estesa al resto del mondo. Ed è stato il caso di Trump.

Così, il paradosso della campagna elettorale già in corso è che il solo argomento usato sarà Trump stesso. Da parte dell’interessato, e questo non stupisce, ma anche da parte di Joe Biden. E ciò – sebbene sia parte di una tattica collaudata far prevalere gli attacchi al presidente in cerca del secondo mandato sull’esposizione di programmi alternativi – ne indica la debolezza.

Se questa prospettiva è plausibile, bisognerà allora attendersi mesi di esasperazione dei toni, praticata però nella carne di una società divisa e provata come non avveniva dalla Grande Depressione. Con, in aggiunta, il ritorno delle mai sopite tensioni figlie del razzismo connaturato a quella stessa società. 

Un contesto ideale per Trump, eletto per vendicare l’affronto dell’ingresso di un afroamericano alla Casa Bianca, e che ha scelto di amplificarne il potenziale distruttivo indicando Tulsa, in Oklahoma, come punto d’avvio della nuova campagna. Quella Tulsa teatro nel 1921 del massacro di centinaia di afroamericani, uno dei più gravi nella storia degli States.

D’altra parte, Trump non sarebbe il primo a cercare di avvantaggiarsi da disordini e instabilità. Gli storici del presente ricordano quanto giovò l’ondata di rivolte del 1968 a Richard Nixon, succeduto a Lyndon Johnson essendo riuscito ad accreditarsi come candidato “law and order”. Le stesse parole usate da Trump per cercare di intimidire i manifestanti di Minneapolis e per ingraziarsi la reazione bianca, dalla più estrema alla “moderata”.

Non è detto che funzioni questa volta. Anzi, secondo alcune analisi, Trump è oggi piuttosto un pilota alla guida di una macchina il cui controllo gli è sfuggito. Se è così, bisogna allora attendersi di peggio, non essendo Trump uno che fa prevalere il giudizio sul tornaconto.

Che poi i sondaggi lo diano in netto svantaggio dietro a Biden non significa un granché: il precedente di Hillary Clinton dovrebbe essere istruttivo, mentre l’accelerazione dei tempi di politica e comunicazione rendono i mesi che mancano alle elezioni scenari di potenziali e ripetuti ribaltamenti di fronte. Con, quale sola costante, l’indiscussa egemonia culturale imposta da Trump sul linguaggio della politica. Così è ancora più desolante sentire Biden affermare che “l’esercito scorterà Trump fuori dalla Casa Bianca”. Una resa allo stile del peggiore presidente della storia recente. O la conferma che chiunque va bene al suo posto, ma non è un’alternativa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved