laRegione
Nuovo abbonamento
Keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
11 ore
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
1 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
3 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
4 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
5 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
5 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
6 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
6 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
1 sett
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
L'analisi
16.05.2020 - 06:000

Un’Europa alleata dei propri nemici

La pandemia di Covid-19 ha svelato la finzione di un Europa divisa da numerose 'faglie', sia quella orietale, sia quella che divide nord e sud

Alla fine i cosiddetti sovranisti hanno trovato nel campo avversario il migliore alleato nella propria battaglia contro tutto ciò che sa di Europa. Additate, giustamente, come un virus politico capace di destabilizzare ciò che una comune volontà aveva impiegato decenni a costruire, le Brigate Salvini sono state per un momento marginalizzate dall’imporsi di una pandemia maggiore; e al loro posto l’iniziativa è stata ripresa da governi e organismi usi ad accreditarsi come garanti di valori e istituzioni comunitarie… purché prevalga l’interesse nazionale, come hanno dimostrato – d’accordo, con maggiore aplomb di Alternative für Deutschland – i giudici della Corte costituzionale tedesca.

Non è il caso di sorprendersi. In realtà occorreva uno sforzo notevole per non riconoscere le numerose faglie che incidono la superficie dell’Unione: quella che correva da nord a sud separando la “vecchia” Europa dal blocco orientale dei “Paesi Visegrad”, non meno di quella che opponeva il nord “virtuoso” alle cicale meridionali. Un quadro nel quale, paradossalmente, il solo fermento comune da un estremo all’altro della tela era quello delle destre populiste (destinato a sua volta a frantumarsi in un conflitto intestino, ma non è ciò di cui parliamo qui).

Diciamo allora che la pandemia di Covid-19 ha svelato la finzione. Le estenuanti trattative per la definizione di un programma condiviso di riparazione dei danni economici causati dal contagio ne sono state una conferma esemplare.

Senza sollevare l’Italia, per citarne il caso, dalle sue responsabilità per lo stato dei suoi conti, l’acredine manifestata nei confronti di uno Stato fondatore dell’Unione (di cui è pur la terza forza economica) ha rivelato il profondo radicamento del pregiudizio nutrito da molte capitali.

Il siparietto del capo del governo olandese Rutte che risponde “ci mancherebbe” all’esortazione rivoltagli da un concittadino – “non date soldi agli italiani!” – parla da sé.

La stessa sentenza della Suprema Corte tedesca, che “intima” alla Banca centrale europea di giustificare le misure di sostegno dell’euro (adottate a suo tempo da Mario Draghi), pur non riferendosi alle misure anti-Covid e benché motivata e contestualizzata da fini argomentazioni giuridiche, per il momento in cui cade è soprattutto rivelatrice di un equivoco di fondo circa la preminenza del diritto comunitario su quello nazionale, in sostanza sulla natura stessa dell’Unione europea. Imponendo al governo del proprio Paese la scelta tra ignorare il diritto comunitario o contraddire la propria suprema istanza giuridica, la sentenza della Corte ha un potenziale destabilizzante ben superiore alle sparate dei capipopolo la cui parabola, sperabilmente, non dura in eterno.

Adesso vai a capire se i possibili frantumi in cui rischia di finire l’Unione europea erano già scritti nel suo destino, o se sono il frutto della sventura. Ciò che si può dire con qualche certezza è che il momento per confermare la fondatezza del progetto europeo non poteva essere più propizio e soprattutto necessario: con lo sgretolamento della leadership mondiale degli Stati Uniti e il fallito esame di credibilità della Cina, una pur stanca Europa avrebbe potuto indicare un’alternativa. Essersi sottratti a questa responsabilità è una colpa che i governi non potranno addebitare al fracasso nazionalista. Anzi, se ne sono resi complici.

© Regiopress, All rights reserved