laRegione
la-libia-a-cose-fatte
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
7 ore

Il vaccino russo è quasi pronto, la sua produzione no

Forti dei loro studi sulla Sars, gli scienziati russi sono partiti avvantaggiati sulla ‘concorrenza’. Ma ora mancano le infrastrutture
Commento
1 gior

Caso Chiappini: via Borghetto, quante domande!

Sul chi sapesse cosa si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia
Commento
1 gior

Le sfide di Speziali, nel futuro ma non dimenticando il passato

Il neopresidente del Plr ha una visione per i prossimi anni che sarà di successo solo se sarà all'insegna dell'ascolto e del rispetto per la storia e le sensibilità
Commento
3 gior

La piccola Greta e il pulmino solo per residenti

Brutto esempio di ingiustizie e diseguaglianze anche fra gli ultimi
Commento
3 gior

Dio quanto ti odio (anche i quotidiani nel loro piccolo...)

(...s'incazzano) Il Giornale di Brescia ‘molla’ Facebook. ‘L’ora dei social è al tramonto’, commenta qualcuno. Ma lo dicevano anche del karaoke (maledetto Fiorello).
Commento
3 gior

Per un dibattito responsabile evitiamo i complottismi

Dal ‘Great Reset‘ alle pandemie programmate, evitiamo le teorie cospirazioniste che rendono impossibile discutere delle sfide che ci attendono
Commento
4 gior

Ginnaste ridotte a marionette, una cultura da cambiare

Una medaglia, magari olimpica, vale tante umiliazioni e violenze psicologiche? Tanti tabù da superare
Commento
5 gior

Iniziativa responsabile, controprogetto insostenibile

Responsabilità civile, obbligo di dovuta diligenza, piccole e medie imprese: alcune cose da ricordare al termine di una campagna che ha ‘deragliato’.
Commento
5 gior

La comunicazione durante il lockdown: luci e ombre

Un sondaggio Ustat mostra l'efficacia dell'informazione ‘unificata’ sotto lo Stato maggiore cantonale. Ma anche una critica è doverosa
Commento
6 gior

Presidenza Plr, lei o lui. E una supersquadra!

Timoniere/a con di fronte a sé una sfida da ramponi sulla parete Nord dell’Eiger!
Commento
6 gior

Tanti errori, tanta energia. Ma questi giovani ci salveranno

Risse, mancato rispetto delle misure anti Covid: abbiamo puntato il dito contro i giovani. Ma il nostro riscatto è nelle loro grandi e preziose risorse
L'analisi
15.01.2020 - 06:300

La Libia a cose fatte

Buon’ultima, l’Europa sembra avere ripreso l’iniziativa sulla Libia. Si scrive Europa, ma si dovrebbe leggere Germania. La convocazione della Conferenza di Berlino, il prossimo 19 gennaio (ammesso poi che si tenga), si deve infatti più ad Angela Merkel che al resto della compagnia. Non che non vi siano stati movimenti, ma quelli di cui si ha conoscenza sono desolanti: con Francia e Italia (questa affetta oltretutto da un deficit politico grottesco) impegnate più a ostacolarsi a vicenda – Parigi “con” Haftar, Roma “con” al-Serraj – facendo a gara nell’organizzare “vertici” buoni tutt’al più per i fotografi.

Anche questa mancanza di visione e di autorevolezza di due capitali che per ragioni storiche e strategiche avrebbero dovuto mostrarsi all’altezza (fu la Francia di Sarkozy a forzare la caduta di Gheddafi, mentre i legami, e i debiti, tra Roma e Tripoli sono Storia), associata al disimpegno non meno confuso degli Stati Uniti dall’area, ha generato quel vuoto presto occupato dalle smanie di Recep Tayyip Erdogan e di Vladimir Putin.

Un’occupazione di spazi che non va necessariamente intesa come definitiva superiorità. È vero cioè che le mosse di Turchia e Russia dicono di un “espansionismo diplomatico” che vorrebbe fare da apripista a uno di natura geostrategica maggiore, ma devono anche essere intese per ciò che pure sono: un bluff per “vedere” le carte altrui. Lo conferma, almeno in parte, il fatto che Ankara e Mosca sono presenti sulle linee di fuoco, ove lo sono, soprattutto con milizie fidate – i tagliagole siriani per Erdogan e i mercenari della compagnia Wagner per Putin – e non con i propri eserciti, per evitare collisioni che sarebbero poi difficili da sanare. Difficili, ma non impossibili: si pensi a quanto agevolmente i due presidenti hanno “dimenticato” l’abbattimento del jet russo sui cieli siriani da parte turca, nel 2015.

Né va trascurata la motivazione domestica dell’attivismo delle due capitali. I segnali di rallentamento dell’economia e il recente smacco elettorale subito da Erdogan a Istanbul, da un lato, e la drammatica stagnazione socioeconomica in Russa, dall’altro, hanno certamente suggerito agli apparati delle reciproche propagande, forti dei “successi” in Siria, di “investire” in un tema di sicuro effetto quale l’affermazione diplomatico-militare in uno scenario nel quale gli “altri” (l’Europa in primis) hanno fallito. Con tutto che, accanto alla rispolverata ambizione neo-ottomana di dominazione sul Mediterraneo centrorientale, a muovere Erdogan c’è anche il più pragmatico scopo di accedere e controllare le riserve di idrocarburi del deserto e del mare libici.

E men che mai si possono ignorare le “variabili” locali. Quelle milizie, tribù, potentati, impiegati sì a farsi guerra per conto terzi (l’elenco dei mandanti arriva sino al Golfo), ma soprattutto per spartirsi potere e ricchezze di un Paese che fu il più ricco dell’area e forse dell’intera Africa. Le intemperanze di Haftar ne sono l’espressione più vistosa e mostrano la precarietà dell’impianto su cui Putin ed Erdogan si autocelebrano. Basterebbe inoltre osservare gli spregiudicati cambi di alleanze delle bande islamiste in loco (filiali di al-Qaida e dell’Isis, con cui tuttavia la diplomazia sotterranea occidentale viene a patti) per rendersi conto di quanto sia illusorio confidare nelle virtù salvifiche di una conferenza. A meno di considerarla una cerimonia di conferma di una realtà consolidata sul terreno. In questo caso, la crisi libica potrebbe davvero entrare in una nuova fase. Benché non risolutiva, né definitiva.

© Regiopress, All rights reserved