laRegione
la-lezione-spagnola
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
9 ore

Lugano, l'aeroporto e quel retrogusto amaro

All'indomani del voto, restano i mal di pancia per le modalità di liquidazione di Lasa, per il 'magro' piano sociale e il doppio referendum annullato
Commento
23 ore

Così parlò il Comandante (Cocchi)

Stupefacente incapacità nel rappresentare in modo convincente e dignitoso le istituzioni cantonali in un momento di crisi
L'analisi
23 ore

Ma come parlano? Le parole sono importanti

In Ticino abbiamo un problema con la comunicazione istituzionale. E non è un problema irrilevante, perché favorisce circospezione, incomprensioni e tensioni.
Commento
23 ore

Primo passo: il Consiglio della magistratura si dimetta

Nomina procuratori, la claudicante procedura di rinnovo delle cariche nel mirino della commissione parlamentare. La cui risoluzione non risparmia neppure il pg
il commento
1 gior

KKS ferma la ‘società civile’

Imprese responsabili, la consigliera federale è la grande vincitrice. Ma le Ong confermano la loro forza d’urto.
Commento
4 gior

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19
il commento
5 gior

Non idonea è anche la Commissione

Il concorso verrà rifatto. Una scelta opportuna, ma che solleva interrogativi anche sulla Commissione giudiziaria.
Il ricordo
6 gior

Hasta siempre, Diego

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo
Il ricordo
6 gior

Ho visto Maradona, ho visto Maradona

Simbolo di rivalsa sociale, simbolo di Napoli, città alla quale ha voluto bene. Imperfetto, autodistruttivo, a volte patetico. Ma il più grande di sempre.
Commento
6 gior

Se per Ungheria e Polonia Bruxelles ‘è come l’Urss’

Lo scontro sullo Stato di diritto blocca i fondi dell'Unione Europea per il rilancio post-Covid
L'analisi
12.11.2019 - 06:000

La lezione spagnola

Con Vox terzo partito in Parlamento dopo lo scrutinio di domenica, l’estrema destra si insedia in una posizione chiave sulla scena politica

Mancava solo la Spagna, ora non più. Con Vox terzo partito in Parlamento dopo lo scrutinio di domenica, l’estrema destra si insedia in una posizione chiave sulla scena politica, portatavi da una crescita straordinaria dei consensi. Benvenuti in Europa.

Non tutte le destre estreme si somigliano, naturalmente; né uguali sono le “condizioni ambientali” (ivi compresi i sistemi elettorali) che ne favoriscono l’ascesa. Ma il fatto stesso di incrementare regolarmente i consensi è l’elemento che le fa sentire parte di uno stesso movimento, al quale si aggiungono i contenuti ideologici comuni, seppure spesso sottaciuti o persino negati.
A pochi giorni dalla rimozione delle spoglie di Francisco Franco dal mausoleo de los Caídos, – con grande scandalo dei nostalgici della dittatura – il caso spagnolo aggiunge qualche conferma a questo quadro e suggerisce nuovi interrogativi. Che cosa è accaduto perché un partito che un anno fa non era rappresentato nel parlamento nazionale arrivasse in due elezioni ad esserne la terza forza? A differenza di quella che viene citata per altri casi nazionali, la ragione prevalente non sembra essere il disastro sociale determinato dalla crisi economica. Decisiva, secondo la generalità delle analisi, sarebbe piuttosto stata la questione catalana. L’acuirsi dello scontro tra indipendentisti e Stato spagnolo sarebbe stato l’humus più fertile per il manifestarsi del nazionalismo più radicale e manifestamente franchista che in Vox ha trovato l’interlocutore più attento e considerato affidabile. Può essere, infatti. E sarebbe a suo modo la dimostrazione più chiara del fallimento comune del velleitarismo indipendentista e delle chiusure delle istituzioni madrilene, a partire dalla Corona.

Ma da sola questa spiegazione non basta. Il discorso xenofobo, intollerante, machista al limite della caricatura di Santiago Abascal ha certamente colto l’occasione del risentimento per le intemperanze di Barcellona, ma soprattutto attecchisce in una ideologia alimentata dallo spirito del tempo. E lo apparenta ai tedeschi di Alternative für Deutschland, agli italiani della Lega, ai francesi del Rassemblement National, ai loro omologhi danesi, olandesi, finlandesi, e in forma diversa ma per mere ragioni storiche ai compari saldamente insediati al governo da Varsavia a Budapest.

Discorso che trova ascolto ben oltre il (non così) ristretto ambito del proprio elettorato. Un indizio preciso in questo senso è lo spostamento a destra dei programmi del Partito popolare (dove non è mai mancata ‘comprensione’ per i franchisti) e di Ciudadanos, che ha giovato al primo e certamente non al secondo, nel tentativo di contenere l’avanzata di Vox. Come avviene nel resto d’Europa, dove le destre “liberali” o moderate si adeguano alla propaganda della destra estrema cercando appena di darle una presentabilità. Con il risultato di rafforzarla, spesso a proprie spese, oltre a quello di preparare il proprio elettorato di bocca buona alla formazione di maggioranze comuni.

Certo, volendo individuare nel resto dello spettro politico le forze capaci di arginare la crescita dell’estrema destra, le difficoltà sono scoraggianti. La mancanza di contenuti che affligge la sinistra, o quella parte che ancora si dice tale, associata a una dissennata interpretazione della politica come “tecnica” di comunicazione e di formazione di consenso, assegnano all’estrema destra un vantaggio formidabile. Ultimo ad avere ricevuto la lezione è Pedro Sánchez. Chi sarà il primo a capirla ?

© Regiopress, All rights reserved