laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
11 ore
È una questione di rispetto ed educazione
In montagna avere attenzione per le misure di protezione contro il coronavirus e per l’ambiente significa avere a cuore il lavoro di tante persone
Commento
11 ore
Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!
La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.
Commento
16 ore
Ricordare Srebrenica
Venticinque anni fa il più grave massacro compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale
L'analisi
1 gior
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
2 gior
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
2 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
2 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
3 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
5 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
5 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
1 sett
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
L'analisi
04.11.2019 - 06:300

Boris Johnson… non è morto

Boris Johnson dovrebbe essere morto. Lo aveva assicurato lui stesso

Boris Johnson dovrebbe essere morto. Lo aveva assicurato lui stesso. Assolutamente nessun rinvio dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea, fissata al 31 ottobre: “Meglio farmi trovare morto in fondo a un pozzo”. Lo ripeté più volte. Il petto gonfio, le parole ben scandite.

Oggi Boris sembra invece godere di ottima salute. Né ha optato per un “decesso” di tipo politico. Per esempio le dimissioni, per aver fallito quella che aveva presentato come una frontiera assolutamente invalicabile. Figurarsi. È la coerenza politica, bellezza. E uno come “Bojo” (il nomignolo di Alexander Boris de Pfeffel Johnson), abituato a spararle grosse, è lontanissimo da certi scrupoli di coerenza. Lo dimostrò fin dalle prime battute anche sulla Brexit, nella primavera di tre anni fa. Si racconta che fosse inizialmente alquanto indeciso. L’ex giornalista, già corrispondente proprio da Bruxelles, scrisse e mise nel cassetto due articoli. In uno perorava i vantaggi del “remain”, restare dunque nell’Unione. L’altro proclamava invece l’assoluta necessità del divorzio dall’Europa. All’ultimo (dopo aver sentito parecchia gente) pubblicò il secondo, così diventando il campione dello “strappo”.

Non molto diversamente s’era del resto comportata Theresa May, che da ministro dell’interno fece campagna affinché il Regno di sua Maestà rimanesse ancorato all’Ue, per poi illustrarsi da premier quale affannata, impacciata e sfortunata guida del “leave”, dell’abbandono. Ci provò oltretutto organizzando, nel 2017, elezioni anticipate, pregustando un trionfo. Il suo partito parlava di Brexit, mentre una parte crescente dell’elettorato era preoccupato dalle condizioni economiche e dalle stridenti disuguaglianze (lavoro precario, bassi salari, tagli alla socialità e alle forze dell’ordine). Per lei fu un mezzo disastro, perse la maggioranza assoluta, regalò ai laburisti un buon risultato, sopravvisse alla guida di una maggioranza che per rimanere in piedi aveva dovuto imbarcare una manciata di deputati radicali nord-irlandesi, protestanti ostili a qualsiasi compromesso con Bruxelles.

Ora, col voto anticipato del prossimo 12 dicembre, ci riprova Boris Johnson, che, dopo tanto vociare, ha “strappato” all’Ue un accordo sulle condizioni per una ‘Brexit concordata’ che in realtà non è affatto migliore di quello che aveva ottenuto chi lo ha preceduto. Nella sostanza, un’altra sconfitta, nonostante il trionfalismo del premier che, con atto d’imperio bocciato dalla Corte suprema, aveva persin tentato di sospendere l’attività di Westminster.

Altro che Gran Bretagna modello di parlamentarismo democratico. Ora si torna ai piedi della scala. I sondaggi sono per una larga vittoria di “Bojo” (favorito anche dalla rinuncia dell’eurofobico Nigel Farage), mentre ritengono irripetibile il “miracolo” con cui l’ultima volta il leader laburista Jeremy Corbyn recuperò oltre dieci punti sui sondaggi: pagherebbe soprattutto la sua assoluta ambiguità sulla Brexit, e stavolta non dovrebbe bastargli il ricorso alle questioni sociali. Rischia di venir addirittura scavalcato al secondo posto dai “liberal-democratici” della giovane Jo Swinson, partito schiettamente europeista, vittorioso in diverse consultazioni locali, ma nel voto nazionale penalizzato dal sistema uninominale.

Rimane dunque l’incognita: quale futura maggioranza, e, ancora, quale Brexit? Non è detto, scrive l’‘Indipendent’, che al cenone di Natale il Paese potrà avere “idee più chiare di oggi sul proprio futuro”.

© Regiopress, All rights reserved