laRegione
Nuovo abbonamento
fuori-salvini-dentro-chi
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 ora
Contro la violenza: docenti occorre più coraggio civico!
In simili casi di violenza inaudita come fa a prevalere la prudenza?
DISTRUZIONI PER L'USO
1 ora
Statue e violenza: indignarsi è sbagliato (e ipocrita)
Sui media ticinesi non passa quasi giorno senza che qualcuno si dica angosciato per l''iconoclastia' afroamericana. Fate un bel respiro
Commento
1 gior
Lugano, la Foce come crocevia di problematiche
Continua a far discutere la chiusura serale, lo scorso fine settimana, dell'area pubblica che non era stata progettata per ospitare eventi
Commento
1 gior
Super League: dubbi, iniquità e spettacolo
Lo Zurigo schiera la Under 21 per almeno due partite, la regolarità della competizione è compromessa, ma quanto è bello questo campionato
L'analisi
1 gior
Santa Sofia come arma di ‘distrazione’ di massa per Erdogan
La conversione in moschea dell'ex basilica per creare tensioni con l’Occidente, per rafforzare la coesione nazionale e depistare le preoccupazioni economiche
Commento
2 gior
Se il Giardiniere senza gamba piange...
Amputare una gamba a una sua creazione/creatura è come amputarla all'artista e a chi ama l’arte
Commento
3 gior
È una questione di rispetto ed educazione
In montagna avere attenzione per le misure di protezione contro il coronavirus e per l’ambiente significa avere a cuore il lavoro di tante persone
Commento
3 gior
Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!
La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.
Commento
4 gior
Ricordare Srebrenica
Venticinque anni fa il più grave massacro compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale
L'analisi
5 gior
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
L'analisi
23.08.2019 - 06:000
Aggiornamento : 09:29

Fuori Salvini. Dentro chi?

La formula su cui paiono concordare i fautori di un’intesa di governo tra 5Stelle e Pd non è nuova e ha certamente fondamento, ma manca di un elemento decisivo

Per situazioni eccezionali, decisioni eccezionali. La formula su cui paiono concordare i fautori di un’intesa di governo tra 5Stelle e Pd non è nuova e ha certamente fondamento, ma manca di un elemento decisivo: eccezionali dovrebbero essere anche le persone responsabili di agire adeguatamente alla gravità del caso. I nomi che si intestano questo “nobile e disinteressato” tentativo non lo sono.

E il discorso potrebbe finire qui, ma non si può, perché l’alternativa delle elezioni – politicamente legittima quanto una nuova maggioranza parlamentare lo sarebbe costituzionalmente – è a sua volta un passo nel buio: non tanto per il possibile, sciagurato esito di un voto anticipato, ma perché la volontà di arrivarvi è di una parte comunque minoritaria del Parlamento e per proprio esclusivo tornaconto.

Sergio Mattarella se lo sarà certamente detto, nelle ore trascorse ad ascoltare le delegazioni parlamentari, alla ricerca di una via d’uscita dalla crisi di governo determinata dalla forzatura cercata da Matteo Salvini e dalle dimissioni di Giuseppe Conte che ne sono conseguite. Perché, con sconcertante chiarezza, quella in corso in Italia non è una crisi di governo in senso stretto, ma è un disastro politico che potrebbe anche diventare di sistema.

I giorni concessi ai partiti dal presidente della Repubblica prima di dare luogo (martedì) a nuove consultazioni, non devono essere intesi come un’apertura di credito alle mediocri figure che si sono succedute nel suo studio introducendovi sconsideratezza e incapacità, ma solo come sconsolato rispetto del dettato costituzionale. Trascorso questo nuovo margine di tempo – Mattarella è stato chiaro – e in mancanza di impegni attendibili di prosecuzione della legislatura con una (nuova?) maggioranza di governo, il ricorso alle urne sarà inevitabile.

È chiaro che il presidente si rivolgeva a 5Stelle e Pd, i soli ad avergli confermato la volontà di concordare un programma di legislatura, ed essendo priva di credibilità la rinnovata cosiddetta “apertura” di Salvini ai grillini.

Vale cioè l’ipotesi evocata sopra: una intesa, dettata da uno stato d’eccezione, tra due forze che sino a ieri si professavano incompatibili. Un problema colossale e apparentemente insolubile. Costa fatica immaginare un comune progetto di governo tra un movimento che ha rivendicato sin dalla nascita l’alterità a un “sistema” di cui, ai suoi occhi, il Pd era l’asse portante. Tra un insieme confuso di debuttanti agli ordini di un comico ed un presunto guru dell’informatica (la stessa sudditanza psicologica di cui ha goduto Salvini), e un partito che non ha ancora condotto a termine la propria dissoluzione.

In questo senso, benché dispiaccia, bisogna dare ragione all’ex ministro dell’Interno quando afferma che il solo collante dell’eventuale nuova maggioranza sarebbe l’antisalvinismo (urgente e necessario, peraltro).

Non è neppure detto che vi si arrivi, d’altra parte. La necessità di salvare la faccia, così urgente in Di Maio e i suoi pari, imporrà ai grillini di porre “condizioni” su cui il negoziato potrebbe esaurirsi. Mentre un Pd lacerato come d’uso potrebbe inciampare nell’abito di salvatore della patria che Renzi gli ha imposto. E sarebbe proprio il Pd (perso quel poco di vantaggio propagandistico che dà lo stare all’opposizione) a pagare lo scotto maggiore se, fallito l’esperimento, si convocassero le elezioni anticipate.
Liberarsi di Salvini è necessario. Come, fa la differenza.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved