laRegione
Nuovo abbonamento
scusate-ma-rimango-obsoleto
Keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
16 ore

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
16 ore

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
1 gior

Voto ai 16enni: germogli della democrazia!

Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
2 gior

Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi

Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
3 gior

Non è un paese per donne

La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
4 gior

Ciao 'Nene of Daro'

Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
4 gior

Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire

Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
6 gior

Il Lockdown e la sfida climatica

Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
Commento
6 gior

Giudici, Merlini e agli altri i pomodorini

Ansia e imbarazzo in casa liberale radicale a Locarno dopo le dimissioni di Salvioni. Oppure era tutto previsto
DISTRUZIONI PER L'USO
6 gior

Quello dei permessi non è un problema solo per gli stranieri

L'idea che una "chiara scelta politica" generi frizioni col diritto dovrebbe preoccupare tutti. Come pure certi controlli vessatori
Commento
1 sett

Lo scudo magico alla 'stupidaggine'

Capacità critica, pensare con la propria testa, non appiattirsi sulle opinioni altrui aiuta i giovani ad evitare pericolosi tunnel
L'analisi
17.07.2019 - 06:000
Aggiornamento : 19.07.2019 - 11:22

Scusate, ma rimango 'obsoleto'

Vladimir Putin vede il tramonto della democrazia liberale. Ma il suo modello, fondato sull'autoritarismo, è fallimentare.

Oddio, mi sento “obsoleto”. Tale è infatti la democrazia liberale secondo Vladimir Putin, e riguarda dunque anche chi a quella filosofia politica ancora crede. “Obsoleta”, ha sentenziato il piccolo zar russo nell’intervista al ‘Financial Times’: quindi una democrazia irrimediabilmente scaduta, arretrata, superata. Questa, nella testa del capo del Cremlino, sarebbe la fine che sta riservando la Storia (anzi, l’avrebbe già imposta) all’eredità dell’Illuminismo, eredità certo difettosa, ma garante unica del massimo di diritti individuali, istituzionali, politici e religiosi che si sono affermati nelle democrazie occidentali. E non è aria fritta.

Certo, quelle libertà vanno costantemente consolidate, ammodernate, difese. Troppo spesso soprattutto la politica le ha date per scontate, in particolare quando ha consegnato il timone dell’economia principalmente alle regole del mercato e della grande finanza, sempre più impoverendo il ruolo regolatore dello Stato, soprattutto in ambito sociale, anche con la complicità di una certa “sinistra” di governo (clintonismo e blairismo vi ricordano qualcosa?). Ma è per questo “obsoleta” la democrazia liberale? E quale sarebbe l’alternativa? Il modello “euroasiatico” sostanzialmente anti-democratico dei nuovi predicatori cui si ispira l’uomo di Mosca? La “democrazia illiberale” nuovo (anzi, vecchissimo) carburante del nazionalismo alla magiara (Orbán)?

Innanzitutto, da quale pulpito arriva la predica. Da Putin ex agente del Kgb che negli anni del regime sovietico era attivo protagonista del regime che per quasi mezzo secolo ha tenuto sotto sequestro metà dell’Europa al di là della cortina di ferro; che ha definito il crollo dell’Urss “la tragedia del secolo”, infangando le aspirazioni dei popoli che di quella “gabbia” vollero liberarsi; che come proprio modello politico confessa di avere “Pietro il Grande”, il creatore della Grande Russia (che in realtà guardò più a Occidente che ad Oriente). E ancora: il leader che occupa militarmente parte di altre nazioni (dalla Georgia all’Ucraina) violando il diritto internazionale e appellandosi al diritto storico, sulla base dell’autodeterminazione delle comunità russe locali (ma non vale per altre minoranze, per esempio i curdi lasciati alla mercé del dittatore siriano Assad e della Turchia di Erdogan); e sul piano interno, briglie cortissime all’opposizione, crisi economica, massima povertà nell’ultimo decennio, disuguaglianze massicce e stridenti, oligarchi (solo quelli amici) voraci approfittatori delle privatizzazioni e oggi grandi esportatori di capitali occulti (in uno studio firmato anche dall’economista di sinistra Piketty si legge: “C’è più ricchezza finanziaria detenuta dai ricchi russi all’estero – Svizzera compresa – che ricchezza posseduta in Russia dall’intera popolazione”). E si potrebbe continuare.

Ecco, coi suoi risultati, il modello putiniano. Ma se volete capirne di più, leggete queste affermazioni del suo principale consigliere politico, Vladislav Surkov, pubblicate dal giornale ‘Nezavis Gazeta’: questo modello consiste “in un popolo che dà fiducia solo al dirigente supremo” mentre quello occidentale “coltiva la diffidenza e la critica”; si appoggia anche “sul potere militare e poliziesco indispensabile e decisivo”; e, ancora, “questa filosofia già si fa strada nelle teste degli uomini politici occidentali” (sì, da Erdogan a Bolsonaro!). Certo, la maggioranza dei russi lo vota ancora, ma è forse così incomprensibile visti anche i metodi e i mezzi del Cremlino? Vabbè, io preferisco, e di gran lunga, rimanere “obsoleto”.

© Regiopress, All rights reserved