Galles
0
Svizzera
0
1. tempo
(0-0)
fantasmi-a-castelgrande
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
10 ore

Non schwa tutto bene

Il tentativo di rendere più inclusivo il linguaggio usando nuovi segni grafici rischia di provocare l'effetto contrario, aumentando le divisioni
Commento
10 ore

Ex Macello di Lugano, a terra la fiducia nelle istituzioni

Silenzi, comunicazioni del Municipio e amianto nelle macerie dell'edificio abbattuto, alimentano forti dubbi sugli organi dello Stato
Commento
1 gior

Emozioni, ‘normali’ emozioni

Si apre stasera a Roma con Italia-Turchia un Europeo che per quanto ancora condizionato dalla pandemia, rappresenta un importante passo verso la normalità
La formica rossa
1 gior

È tutto colpa di quello sbadato pacherista

A questo punto qualche municipale fresca di nomina potrà ben dirgli che è anche responsabilità sua se poi si è ritrovato a respirare aria inquinata d’amianto
Commento
2 gior

Avs 21, quando l’esperienza non insegna

Il Parlamento aumenta a 65 anni l’età di pensionamento delle donne. Ma le compensazioni sono insufficienti. Una scelta che potrebbe costare cara alle urne
Commento
2 gior

La legge sul terrorismo minaccia un po’ tutti

Quando si sposta dal tribunale alla stazione di polizia la facoltà di decidere chi perseguire, gli abusi sono dietro l’angolo
Commento
3 gior

La ‘confessione’ di Roman e il ritorno dei processi farsa

Pestato dalla dittatura bielorussa, Roman Protasevich ’ammette’ i suoi crimini in un siparietto tv che ci riporta ai tempi cupi del comunismo sovietico
La formica rossa
3 gior

Di demolizioni, silenzi stampa e risposte che tardano

Dopo la distruzione all’ex Macello le autorità sono reticenti. Silenzio non solo sull’autogestione, ma soprattutto sul modo in cui si usa il potere
Commento
4 gior

Concorrenza fiscale, il G7 ha detto stop

Il percorso per rendere il principio realtà sarà ancora lungo, ma la via è tracciata. Gli effetti ci saranno anche in Svizzera
Commento
5 gior

Una ‘normale’ legge sul CO2, imperfetta ma necessaria

La Svizzera subisce in pieno le conseguenze del cambiamento climatico. Un ‘no’ il 13 giugno farebbe perdere tempo prezioso, e i rischi aumenterebbero...
L'analisi
03.06.2019 - 06:300

Fantasmi a Castelgrande

Una buona parte di cittadini svizzeri è inquieta per le tensioni internazionali

Sosteneva un sondaggio della scorsa settimana (Istituto Link) che una buona parte di cittadini svizzeri è inquieta per le tensioni internazionali (in particolare sul triangolo Usa-Cina-Russia), e che perlopiù ne attribuisce la ragione alla personalità e alle scelte politico-economico-strategiche di Donald Trump.

Questo tipo di rilievo statistico ha i suoi limiti, ma c’è da scommettere che in effetti nel nostro Paese la simpatia nei confronti del capo della Casa Bianca non sia strabordante, pur nella consapevolezza che gli Stati Uniti sono “imprescindibili”: prima potenza mondiale e secondo mercato di esportazione della Confederazione.

Così, una Bellinzona strablindata, quasi sequestrata e svuotata per motivi di sicurezza, ha inevitabilmente ‘assistito’ passivamente o infastidita alla visita del responsabile della diplomazia americana, Mike Pompeo, ex capo della Cia, esponente di un governo fra i più controversi della recente storia americana, la cui politica estera è in realtà condizionata dalla ideologia del neo-conservatore John Bolton, il consigliere per la sicurezza, falco tra i falchi, con alle spalle una responsabilità rilevante nel disastro iracheno, oggi capofila delle maniere forti nei confronti dell’Iran.

Già nel marzo di quattro anni fa, mentre gli Usa di Obama producevano il massimo sforzo per raggiungere insieme a russi, cinesi ed europei l’accordo sul nucleare iraniano, Bolton scriveva sul ‘New York Times’ un articolo intitolato: “Per fermare la bomba dell’Iran, bombardate l’Iran”.

Nel suo ufficio ha incorniciato il decreto con cui il presidente decise l’anno scorso il ritiro degli Stati Uniti dall’intesa internazionale con l’Iran, a cui gli altri firmatari sono rimasti fedeli almeno sulla carta, riconoscendo a Teheran il rispetto delle condizioni col blocco temporaneo dei preparativi per un suo arsenale atomico. Strappo a cui sono seguite le sanzioni, imposte praticamente al mondo intero, che stanno mettendo in ginocchio l’economia iraniana e dando fiato alla parte più anti-occidentale della Repubblica islamica.
Va presa dunque con estrema cautela l’affermazione fatta in Ticino da Mike Pompeo, secondo cui Washington “è disposta ad aprire un negoziato senza precondizioni”, una conferma, del resto, di quanto affermato recentemente da Trump: “Basterebbe una telefonata da Teheran”. Insomma, una replica dello schema nord-coreano.

Ma intanto, seguendo con sollecitudine i desiderata di Israele e Arabia Saudita, la Casa Bianca ha rivisto i suoi piani militari, che ora prevedono il possibile invio di 120’000 uomini in Medio Oriente, se dovesse crescere la “minaccia” iraniana. Prospettiva che inquieta persino i generali del Pentagono. Soltanto un massimo di pressione per imporre un tavolo negoziale? Un’altra imprevedibile svolta di Trump? Per ora si sa solo che l’ossessione degli artefici della diplomazia americana è il “regime change”, un radicale cambio di regime a Teheran, per farne, ha ripetuto ieri Mike Pompeo, “un Paese normale”. Diktat inaccettabile, replica l’Iran. Mentre fra gli uffici della Casa Bianca continua ad esserci quello di un certo Richard Goldberg, braccio destro di Bolton, il cui titolo ufficiale è (udite udite) “direttore del contrasto alle armi di distruzione di massa iraniane”.

Per ora, quindi, solo spiriti e fantasmi fra mura, torri e merli di Castelgrande.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved