laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
2 ore
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
15 ore
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
2 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
3 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
4 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
5 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
5 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
6 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
6 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
L'analisi
25.05.2019 - 06:200

May sacrificata alla Brexit

La breve stagione di Theresa May si è conclusa nel pieno di una lunga stagione di caos e discredito della politica britannica

La breve stagione di Theresa May si è conclusa nel pieno di una lunga stagione di caos e discredito della politica britannica. Sintomo e prodotto della crisi del progetto europeo, il verminaio nato dal referendum sulla Brexit esprime peculiarità che ne fanno un caso di scuola.

Cominceremo col dire che May sconta colpe proprie ma soprattutto altrui, pagando avventurismo, cinismo e inadeguatezza di un intero ceto politico. La sventatezza di David Cameron è nella memoria di tutti. Convinto di poter manipolare a proprio vantaggio un malcontento informe e le grottesche nostalgie di grandezza organizzate dai nazionalisti in ostilità nei confronti dell’Unione europea, l’allora primo ministro convocò il referendum che ne segnò la fine politica. E se May ha lasciato in lacrime, lui si tolse di torno canticchiando.

Ma il cinismo di Cameron impallidisce a paragone di quello dei capifila della hard Brexit. Da Nigel Farage a Boris Johnson, per citare i più noti. La determinazione con cui hanno precipitato il Paese al rango di ospite indesiderato è stata pari all’assoluta mancanza di consapevolezza di che cosa significhi oggi essere “padroni a casa propria”, e di un progetto politico che su tale pretesa si fondi.

Tutto ciò aggravato dall’assenza di politici all’altezza della situazione. Vale per May, blandamente (molto blandamente) contraria alla Brexit nel 2016 e poi volonterosa artefice della propria caduta. Negoziazione su negoziazione con interlocutori europei interessati più a fare della Brexit un deterrente nei confronti di eventuali emuli, che a salvarle la faccia, May ha conosciuto l’umiliante condizione di firmare un accordo e ripresentarsi per ben due volte alla controparte pretendendone la modifica, con alle spalle una pistola puntata. Né le hanno giovato i (pen)ultimatum intimati dagli stessi negoziatori europei sul cui collo soffiavano sì i governi, ma anche la crescente ondata nazionalista che di loro stessi vorrebbe liberarsi.

Non meno inadeguato è risultato Jeremy Corbyn. Ideologicamente opposto a una Unione intesa come espressione massima del neoliberismo, il capo del Labour si è improvvisato stratega di un disegno che non gli appartiene. Tra le briglie del mostro burocratico di Bruxelles e il wild capitalism nemico dell’Ue ha cercato di indicare una “terza via”, scoprendo che non conduceva da nessuna parte.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti, e Donald Trump (con Putin fervente sostenitore del disfacimento dell’Ue) non mancherà di sottolinearlo quando, di qui a poco, verrà accolto in visita di Stato a Londra. Vi sono molte lezioni da trarre. Proviamo a indicarne due di significato ben più esteso di un’isola il cui establishment ancora si sente impero. La prima è il fallimento del tentativo delle destre “moderate” di padroneggiare e contenere gli estremismi di propria filiazione o potenzialmente concorrenti. Una tentazione a cui cedono volentieri da un capo all’altro del continente, e che ha precedenti storici non esattamente incoraggianti.

La seconda riguarda natura e “qualità” dei nazionalismi arrembanti in Europa. La vulgata secondo cui si tratta di una reazione alla globalizzazione, al distacco delle élite dalla “gente”, alla perdita di identità individuali e collettive, all’impoverimento di interi ceti sociali, seppure non infondata comincia a essere stucchevole. Sarà semmai ora di occuparsi dei loro contenuti, del profilo violentemente involuto del loro discorso, e della pochezza dei suoi campioni. E opporvisi. Perché oggi l’alternativa a una pessima Ue non è un insieme “libero” di popoli sovrani, ma sono i Farage e via salvinando. May, illusa, credeva di esserlo lei.

© Regiopress, All rights reserved