L'analisi
27.09.2018 - 06:200

Ma Theresa May non è Thatcher

Indignata, si dice la Gran Bretagna che tifa ancora Brexit, e lo è anche quella meno convinta dei suoi fantasticati benefici

Indignata, si dice la Gran Bretagna che tifa ancora Brexit, e lo è anche quella meno convinta dei suoi fantasticati benefici. I “gangster europei”, li definisce il triviale ‘Sun’. Ma anche il ‘Times’, un tempo esempio di ‘quality paper’, parla di Europa irrispettosa nei confronti di Londra. Lo stesso tono con cui, in un discorso alla nazione volutamente drammatizzato, Theresa May ha denunciato il rifiuto Ue di accettare il cosiddetto “piano Chequers”, in sostanza le proposte del governo inglese per un divorzio “morbido” dall’Unione.

Ma qual è la sostanza del contrasto? A parte l’irrisolta questione del confine fra le due Irlande (il ritorno alla sua chiusura rischierebbe di mandare all’aria gli accordi del “venerdì santo” 1998, che chiusero lunghi anni di violenza nell’Ulster), la questione di fondo sta nell’ambiguità del Regno Unito. Che è disposto a rimanere nel mercato unico europeo per gli scambi commerciali, ma non per i servizi, in particolare quelli finanziari, che rappresentano invece il punto forte dell’economia britannica. Londra conserverebbe dunque un chiaro vantaggio competitivo. Bruxelles calcola che accettare così il mantenimento della Gran Bretagna nel mercato unico, costerebbe all’Ue almeno l’8 per cento di Pil (una cascata di miliardi) nei prossimi quindici anni.

Questo spiega perché una Comunità divisa su tutto, persino su come garantirsi la... sopravvivenza, si sia mostrata eccezionalmente unita nell’affossare il piano britannico. Una compattezza che sembra aver sorpreso la signora May, e in generale una Gran Bretagna che dal momento della sua adesione aveva sempre ottenuto molto da Bruxelles, in particolare ai tempi della Thatcher (“We want our money back”), e che fu assai incisiva nel battersi in favore delle regole finanziarie e fiscali corresponsabili dell’odierna crisi dell’Europa.

Oggi lo scivolone della sterlina ma soprattutto il forte esodo di molti istituti bancari dalla City (Ubs compresa) e di importanti industrie internazionali (come Airbus, con i suoi oltre centomila posti di lavoro fra dipendenti diretti e indotto) fanno capire a un numero crescente di inglesi quanto siano stati sottostimati i rapporti di forza con un blocco di 500 milioni di abitanti.

Nessuno ha da guadagnare dalla Brexit. ma a perderci è soprattutto il Regno Unito. Persino il leader laburista Corbyn, un europeista assai tiepido, ha aperto alla possibilità di un secondo referendum, anche se preferirebbe passare da elezioni anticipate che potrebbero scorticare un partito conservatore indebolito e lacerato dal caos provocato dal dossier europeo, su cui già cadde David Cameron.

La seconda vittima potrebbe essere Theresa May. Che si era illusa di poter contare sulla comprensione del francese Macron. Trasformatosi invece nel più risoluto avversario della Brexit. “Dentro o fuori”, ha spesso ripetuto. Convinto, il capo dell’Eliseo, che il braccio di ferro con Londra debba rappresentare anche un messaggio ai sovranisti mentre inizia la campagna per le temute elezioni europee. Sempre che, pensando anche al rinomato orgoglio inglese, non si riveli un boomerang.

Potrebbe interessarti anche
Tags
may
brexit
gran bretagna
theresa
theresa may
bretagna
thatcher
londra
© Regiopress, All rights reserved