laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
21 ore
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
1 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
3 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
4 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
5 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
5 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
6 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
6 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
1 sett
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
1 sett
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
L'analisi
19.05.2018 - 06:000

Di Maio e Salvini sorvegliati speciali

“Non si possono fare due cose insieme: promettere e mantenere”. Commentando il “contratto di governo”

“Non si possono fare due cose insieme: promettere e mantenere”. Commentando il “contratto di governo” stipulato da Lega e 5Stelle, un corrispondente tedesco da Roma ha ricordato ieri questo detto in uso dalle sue parti. Un modo sarcastico di dar conto della politica italiana, forse, ma espressione tutto sommato gentile delle preoccupazioni europee per la prospettiva di vedere un paese fondatore dell’Ue governato da forze la cui affidabilità è pari a poco più di nulla e il cui programma risuona di sovranismo antieuropeista. Non c’è giornale europeo che non trasmetta questa inquietudine, tanto maggiore quanto più Di Maio e Salvini se ne manifestano insofferenti.
È una questione cruciale, che prevedibilmente diventerà oggetto della propaganda pentaleghista. Speculare, peraltro, al refrain dei governi precedenti: “Ce lo chiede l’Europa”.

Intendiamoci, l’Unione europea di cui facciamo oggi esperienza non merita di essere difesa oltremodo, lontana com’è dall’ispirazione cristiano-sociale e socialdemocratica che la fece nascere. Ma ancora più distanti ne sono quei due e la politica di cui sono espressione.
Presentarsi con un piano che nella sostanza rivendica l’inosservanza degli impegni che competono all’Italia come a ogni altro membro dell’Unione (dal budget all’immigrazione), può servire ad accreditarsi in patria come campioni della volontà popolare, ma richiede una robustezza politica, una disciplina negoziale, una autorevolezza, che un recordman delle assenze all’Europarlamento e un ragazzo che vaneggia di rifondazione storica non possono millantare fuori dai confini nazionali.

Il problema dunque è duplice: di rapporti con l’Europa e di responsabilità nei confronti degli italiani.

Quanto all’Europa non bisogna essere naif: pur all’interno di una comunità di uguali – come insiste a definirsi l’Ue – il peso di ciascun membro gli assegna quantità proporzionali di potere decisionale. Un peso che non si misura solo in tonnellate d’acciaio, in surplus commerciale, ma anche in capacità di visione e di influenza. Si potrebbe dire che le prime senza le seconde non durerebbero a lungo. Dunque si può (ed è giusto) criticare la quadratura mentale di una certa politica tedesca, la spocchiosa ottusità imbevuta di “fondamentali” economici, ma toccherebbe esserne all’altezza per pretendere di averne la meglio (senza dimenticare che la Lega di cui Salvini è figlio prodigo, usa lo stesso linguaggio nei confronti del proprio sud).

E si può anche attaccare un’euroburocrazia in gran parte avulsa (al punto da esserne, nei fatti, nemica) dalla quotidianità dei cittadini europei, ma la malafede si rivela presto se si tace che la Commissione e i suoi dipartimenti sono comunque l’espressione dei governi di 28 Paesi, di un Parlamento europeo eletto a sua volta, oltre a essere una greppia a cui si alimentano figli e figliocci dei loro più feroci contestatori. Quanto al “non essere eletti”, l’accusa esce dalla bocca di quel Di Maio che risponde in primis a un’azienda privata (la quale gli detta la linea politica, esige il vincolo di mandato degli eletti, e trattiene anche parte delle indennità dei consenzienti parlamentari 5 Stelle, finanziate dai contribuenti…).

La responsabilità nei confronti degli italiani, infine. Basti dire che i punti del “contratto” che prevedono deroghe o violazioni degli impegni italiani non fanno cenno ai tempi che le trattative con l’Ue richiederebbero, infinitamente più lunghi di una legislatura, né al costo, immediato, da pagare per eventuali “strappi”. Battendo cassa da Putin?
In un contesto “normale”, questo modo di procedere si chiamerebbe imbroglio.

© Regiopress, All rights reserved