Losanna
4
Berna
1
3. tempo
(3-1 : 0-0 : 1-0)
Zugo Academy
1
Winterthur
1
rigori
(0-0 : 0-1 : 1-0 : 0-0 : 0-0)
GCK Lions
2
Kloten
3
3. tempo
(2-0 : 0-2 : 0-1)
Ajoie
1
Olten
3
1. tempo
(1-3)
Visp
0
La Chaux de Fonds
0
1. tempo
(0-0)
Turgovia
Langenthal
18:30
 
Losanna
LNA
4 - 1
3. tempo
3-1
0-0
1-0
Berna
3-1
0-0
1-0
1-0 MOY
16'
 
 
2-0 KENINS
17'
 
 
 
 
19'
2-1 MOSER
3-1 EMMERTON
20'
 
 
4-1 EMMERTON
48'
 
 
16' 1-0 MOY
17' 2-0 KENINS
MOSER 2-1 19'
20' 3-1 EMMERTON
48' 4-1 EMMERTON
Ultimo aggiornamento: 18.11.2018 17:47
Zugo Academy
LNB
1 - 1
rigori
0-0
0-1
1-0
0-0
0-0
Winterthur
0-0
0-1
1-0
0-0
0-0
 
 
34'
0-1 ALIHODZIC
1-1 SCHWENNINGER
44'
 
 
ALIHODZIC 0-1 34'
44' 1-1 SCHWENNINGER
Ultimo aggiornamento: 18.11.2018 17:47
GCK Lions
LNB
2 - 3
3. tempo
2-0
0-2
0-1
Kloten
2-0
0-2
0-1
1-0 SUTER
9'
 
 
2-0 SUTER
19'
 
 
 
 
34'
2-1 OBRIST
 
 
39'
2-2 BACK
 
 
54'
2-3 SUTTER
9' 1-0 SUTER
19' 2-0 SUTER
OBRIST 2-1 34'
BACK 2-2 39'
SUTTER 2-3 54'
Ultimo aggiornamento: 18.11.2018 17:47
Ajoie
LNB
1 - 3
1. tempo
1-3
Olten
1-3
 
 
1'
0-1 MADER
1-1 POUILLY
5'
 
 
 
 
9'
1-2 HORANSKY
 
 
10'
1-3 GERBER
MADER 0-1 1'
5' 1-1 POUILLY
HORANSKY 1-2 9'
GERBER 1-3 10'
Ultimo aggiornamento: 18.11.2018 17:47
Visp
LNB
0 - 0
1. tempo
0-0
La Chaux de Fonds
0-0
Ultimo aggiornamento: 18.11.2018 17:47
Turgovia
LNB
0 - 0
18:30
Langenthal
Ultimo aggiornamento: 18.11.2018 17:47
L'analisi
18.04.2018 - 06:300

Assad continui la sua guerra Iran e Israele ne preparano un’altra

La “missione” è compiuta: Bashar al Assad può riprendere a bombardare impunemente i civili che la sua propaganda chiama terroristi, ma si guardi dal farlo con armi proibite se non vuole incorrere nell’ira di un Donald Trump in urgente necessità di argomenti con cui distrarre i titoli dei media statunitensi.

Il primo insegnamento da trarre dallo spettacolare bombardamento di venerdì notte sui centri di ricerca e produzione chimica siriani (la cui operatività resta dubbia), è probabilmente questo. Pur ammesso che Assad abbia di nuovo fatto ricorso ai gas contro la popolazione civile e dunque si sia meritato la rappresaglia anglo-franco-statunitense, il presidente siriano si è trovato nella confortevole condizione dell’assassino a cui venga strappata l’arma di mano e rimandato libero con un “non farlo più”.Dunque, ed è il secondo insegnamento, una così blanda lezione impartita a un despota qualificato come “animale” solo pochi giorni prima, induce a pensare che i boati dei missili piovuti su capannoni ormai svuotati siano serviti, o comunque abbiano finito per sviare l’attenzione delle opinioni pubbliche e, specularmente, a indirizzare quella dei centri di analisi sul nuovo focolaio di scontro acceso in quel teatro di guerre altrui che è la Siria. Un nuovo focolaio che assicura di incendiare l’intera regione, trattandosi dello scontro Israele-Iran. Il primo, reso forte dal cinismo che gli deriva da una forza militare sinora indiscussa; il secondo mosso da una inveterata ossessione anti-israeliana.

Prima, infatti, e nei giorni in cui si mostravano al mondo le fotografie delle vittime dell’attacco chimico a Duma, si dibattevano le ritorsioni da imporre al colpevole designato, e infine si commentavano le fanfaronate del bullo-in-chief, almeno tre episodi segnalavano quanto la tensione tra Tel Aviv e Teheran non solo si stia acuendo, ma sia vicina a precipitare. La miccia accesa è la Siria stessa.

In principio, le autorità israeliane hanno assunto, dopo oltre dieci anni, la paternità del bombardamento di un centro di ricerca atomico in Siria, “ammissione” che voleva essere un messaggio agli sponsor iraniani di Damasco: conosciamo la vostra attività in Siria e non consentiremo che ci danneggi. Poi, per la prima volta in molti anni, l’aviazione israeliana ha subito (e riconosciuto) la perdita di un F-16 che aveva abbattuto un drone iraniano levatosi in volo dal territorio siriano. Infine, 24 ore dopo l’attacco chimico su Duma, l’aviazione israeliana ha colpito una base militare nei pressi di Palmira, attendendo solo pochi giorni per attribuirsi ufficialmente il bombardamento e sottolineare che era espressamente diretto contro installazioni e personale militare iraniano. Abbastanza perché Teheran avvertisse: la pagheranno.

Ecco, in questo quadro l’impunità o la “giusta” punizione inflitta ad Assad è appena materia di travaglio morale delle cancellerie, cioè un risaputo esercizio di cinismo. I fronti aperti sul territorio che ancora chiamiamo Siria sono tanti e tali da rendere l’ennesima strage di civili (quasi che quelle compiute con i gas siano più gravi di quelle compiute con l’esplosivo o per fame) solo un episodio presto dimenticato perché altri se ne saranno aggiunti. E perché, soprattutto, l’impunità che più grida vendetta, è semmai quella che si sono garantite le capitali che della Siria hanno fatto il tavolo di un risiko spietato, da Ankara a Riad, da Teheran a Mosca, da Washing­ton a Tel Aviv.

Sentire affermare dal capofila di tali condottieri “Mission Accomplished” non può che prefigurare scenari tragici, rimandando all’incauta vanteria di George W. Bush, nel 2003, e dunque all’Iraq, dalla cui pretestuosa invasione tutto si originò e della cui tragedia la Siria è oggi l’esito estremo e non ancora compiuto.

Potrebbe interessarti anche
Tags
siria
assad
bombardamento
teheran
© Regiopress, All rights reserved