ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
1 gior

La scintilla e la prateria

Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
2 gior

Quel generale senza volto

Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
4 gior

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
5 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
6 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
1 sett

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
1 sett

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett

Il partito delle donne e quello degli uomini

Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett

Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti

La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
laR
 
01.10.2022 - 05:30

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale

l-arte-della-supercazzola-dal-mascetti-a-tisin
YouTube
‘Lo vede che stuzzica?’
  • Possibile che in questi mesi non si siano mai preoccupati di render conto d’un pasticcio del genere?
  • Davvero ci si può defilare fischiettando da qualsiasi imbarazzo?

Nel mai abbastanza celebrato ‘Amici miei’, il conte decaduto Raffaello Mascetti – un impeccabile Ugo Tognazzi – si diverte a confondere vigili urbani, infermiere e ignari passanti con la supercazzola, discorso volutamente assurdo e incomprensibile che però, contenendo frasi vagamente coerenti, spinge l’interlocutore a chiedersi per un attimo se non sia magari lui, a non aver capito: "Tarapia tapioca! Prematurata la supercazzola o scherziamo? Mi porga l’indice! Lo vede il dito, lo vede che stuzzica? E prematura, anche…". Cose così.

È un po’ l’impressione che si ha leggendo il comunicato stampa con cui Ticino Manufacturing annuncia l’adeguamento al salario minimo legale – bontà sua – e la rescissione del contratto col sindacato fasullo che fino a qualche tempo fa si faceva chiamare TiSin (ora è diventato Sindacato libero della Svizzera italiana: libero da cosa lo sa solo il povero Nando Ceruso, che ormai pare un orfanello dei Martinitt). Per intuire l’effetto-Mascetti basterebbe l’intestazione in cima ai fogli arrivati in redazione, su cui Ticino Manufacturing si presenta come "associazione d’imprese per la promozione di condizioni favorevoli per l’operatività e lo sviluppo di aziende labour intensive", che è come chiamano a Oxford le piantagioni. Lascia ancor più spiazzati – "lo vede che stuzzica?" – il passaggio in cui ci si ostina a difendere "la nostra scelta, fatta nella convinzione di agire in un perimetro di legittimità e legalità" per "cercare un compromesso realistico". Scelta ovviamente "strumentalizzata, arrecando danno alla reputazione delle aziende coinvolte".

Insomma: ti inventi un sindacato; gli fai redigere un contratto collettivo per aggirare il salario minimo; costringi i lavoratori ad approvarlo davanti a te, o così o chiudiamo; ti becchi un cazziatone dall’Ispettorato del lavoro che la metà basta, col quale ti spiegano nero su bianco che hai commesso un abuso di diritto; non pago (in tutti i sensi) fai ricorso con effetto sospensivo al Consiglio di Stato; quando qualche anima pia ti fa capire che stai mettendo per l’ennesima volta il dito sul fornello – come quei bimbi poco perspicaci che ci impiegano una vita a capire che scotta – ecco che finalmente ti ritiri in buon ordine. Ma la colpa è di chi "strumentalizza", come no.

Ora: lo capiamo che questo tentativo di pagare gli operai a lenticchie investe i frontalieri, e in un regime di apartheid lavorativo come quello ticinese se ne fregano quasi tutti, dei poveretti che ogni mattina arrivano fin qua per accendere i forni e far girare le aziende. Sicché anche questa storiaccia verrà archiviata con la bonarietà riservata al buon Mascetti, che tra una supercazzola e un ‘rigatino’ deve pur tirare a campare. Resta il fatto che dietro a TiSin, il sindacato giallo al centro di questa sgangherata messinscena, all’epoca dei fatti stavano il capogruppo e la vicecapogruppo della Lega dei Ticinesi in Gran Consiglio, Boris Bignasca e Sabrina Aldi, la quale tra l’altro sarebbe pure avvocata. Possibile che in questi mesi non si siano mai preoccupati di render conto d’un pasticcio del genere, imboscandosi dietro a silenzi stampa da cinema muto? Davvero ci si può defilare fischiettando da qualsiasi imbarazzo? Visto che la campagna elettorale si avvicina e il coraggio di certuni lo conosciamo, alle domande retoriche faremo prima a risponderci da soli: "Posterdati per due, come se fosse Antani".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved