Venezia
1
Fiorentina
0
2. tempo
(1-0)
ricchezza-pochi-su-e-tanti-giu
(Depositphotos)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
16 ore

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
La formica rossa
16 ore

La differenza tra sindacati forti e quelli supini

La polemica sul patrimonio di Unia nasconde in realtà il desiderio recondito di qualcuno di annichilire le ambizioni dei lavoratori
Commento
2 gior

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
3 gior

Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini

Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
4 gior

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
5 gior

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
5 gior

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
IL RICORDO
6 gior

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni
Commento
6 gior

‘Sciur padrun’ di ieri e di oggi

Dalle mondine in poi i tempi non sono cambiati. Non quando si parla di lavoro e salari degni come capita nel Mendrisiotto
Commento
1 sett

La sfida polacca

Varsavia rilancia il ‘Polexit’ con una sentenza del suo Tribunale costituzionale. Ma la stragrande maggioranza dei cittadini vuole restare nell’Ue
Commento
1 sett

La doppia morale di San Saviano da Facebook

Il recente blackout dei social ha portato tanti a criticare le piattaforme sulle piattaforme stesse, generando paradossali cortocircuiti
Commento
1 sett

Lugano, tandem Foletti-Badaracco: sia davvero una svolta

Pur legittima la candidatura di Quadri, appare sensata la decisione della maggioranza del Municipio sul vicesindacato. Si rifletta ora in azioni concrete.
La formica rossa
1 sett

La ‘Musica ribelle’ di Karin Valenzano Rossi

Ha scatenato incredulità e ilarità la risposta della municipale in Consiglio comunale sui fatti di parco Saroli: l’audio dell’elevato volume della festa
Gallery
Commento
1 sett

Svizzera, che par solo una transizione

È come se il discorso intavolato per sette anni con Vladimir Petkovic fosse stato interrotto sul più bello. In attesa della Nazionale di Yakin
LA TRAVE NELL’OCCHIO
22.09.2021 - 09:380
Aggiornamento : 15:12

Ricchezza: pochi su e tanti giù

L’aumento delle diseguaglianze impone di ripensare un modello di sviluppo dominato dalla ‘teoria dello sgocciolamento’. Anche in Ticino

Mi capita sotto gli occhi una vecchia noticina per un corsivo mai scritto. La rivista Bilanz ha stilato la graduatoria dei 300 più ricchi della Svizzera, anno 2020: la categoria non se la passa troppo male con 702 miliardi in tasca, 27 miliardi in più rispetto al 2019. Il 2021 non ha sconvolto la tendenza: la forbice fra ricchi e disagiati si è allargata. I dati confermano: l’1% controlla il 42% della sostanza globale. Il Covid-19, pure in questo ambito, ha fatto qualche non trascurabile differenza. Anche a livello mondiale le diseguaglianze sono in aumento e l’1% della popolazione ha il 50% del patrimonio globale. È il “buon andamento dei mercati!”, ci segnalano gli analisti, e c’è da rallegrarsi: ma i dividendi non sono per tutti.

Il problema non è tanto la distinzione fra ricchi e poveri (quelle differenze sono ineliminabili), ma è la crescente diseguaglianza economica e sociale fra chi ha sempre di più e chi ha sempre di meno, e a preoccupare è soprattutto la “noncuranza” dello Stato nel correggere la distorsione con opportune politiche pubbliche che facciano prevalere l’interesse generale sul corporativismo neoliberista, che deforma la realtà e condiziona i giudizi dei cittadini.

Oggi al disincanto democratico ha pure contribuito la smodata celebrazione dei meriti dei manager, osannati come eroi del nostro tempo: intervistati e corteggiati dai media, ci insegnano che l’economia, le banche, il capitale finanziario, i liberi mercati e i listini delle Borse comandano il mondo. Si dicono i grandi benefattori dell’umanità e pretendono di esibire la virtù dei migliori. Ma non mi risulta che il loro successo sia garanzia di eccessiva inclinazione verso il prossimo, di abnegazione e altruismo, salvo rarissime eccezioni. Il liberismo sfrenato, di cui sono fedeli assertori, si regge sull’assunto che la ricchezza di pochi fa la felicità di tutti (è la teoria dello “sgocciolamento”: la ricchezza cade verso il basso e porta conforto anche ai meno abbienti). La realtà smentisce l’asserzione.

Conseguenze? Un tempo la democrazia parlamentare era ritenuta la forma di governo che tutelava i deboli e gli inermi, oggi è considerata la forma che protegge gli interessi di pochi a scapito dei tanti. E infatti la principale accusa allo Stato democratico rappresentativo è di non rappresentare più il bene collettivo, di essere contro i cittadini e sempre meno inclusivo (parecchi parlamentari – dicono i critici – dimenticano gli elettori e agiscono secondo logiche lobbistiche. La loro abilità? Contrabbandare gli interessi di una parte con l’interesse di tutti. Non è quasi mai così, ma il trucco in genere funziona).

Ecco il dubbio sollevato da Ezio Mauro, ex direttore di La Repubblica, che certamente sovversivo non è: la democrazia da regime di tutti è forse diventata un regime di pochi? Il già presidente della Corte costituzionale italiana Gustavo Zagrebelsky, che pure lui eversivo non è, risponde che i detentori del potere esaltano le virtù della democrazia e intanto consolidano il controllo sugli inermi. Sul tema la discussione è aperta.

Certo è che quando una parte cospicua di individui ritiene che lo Stato non la aiuti e i parlamentari non la rappresentino più, la tentazione di guardare altrove e di ritenere che le democrazie liberali non siano più adeguate si fa assai forte. Quindi le statistiche di Bilanz non dovrebbero essere considerate semplici informazioni: dovrebbero essere la molla per una riflessione sulla strada da seguire per ripristinare i valori traditi della democrazia liberale.

Ad esempio: quando ci convinceremo che lo Stato liberale democratico non può ammettere e giustificare nel suo seno le crescenti diseguaglianze indotte dal neoliberismo? Storicamente lo Stato liberale democratico si afferma, non senza fatica, con una formula che propone un po’ più di equità, un po’ più di eguaglianza e un po’ più di solidarietà, valori senza i quali non c’è né vera democrazia, né vera libertà. Diceva un grande intellettuale europeo, Stefano Rodotà, che “se diventano difficili i tempi per la solidarietà, lo diventano pure per la democrazia”. Infatti è così.

L’iniziativa 99% mi pare toccare l’argomento: se ne discuta e ognuno si faccia la sua opinione. Ma, per favore, non si dica – come quel loquace deputato, solista incontenibile del “liberismo compassionevole” – che l’iniziativa è populista e dannosa per tutti, e che i ricchi sono dei benefattori della collettività perché la ricchezza di pochi è quella di tutti; e per quelli che occupano gli ampi seminterrati della società c’è a disposizione l’assistenza pubblica. Un tempo si diceva che i poveri sono necessari perché consentono ai ricchi di redimersi: e allora, già che ci siamo, viva le diseguaglianze?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved